Svizzera, 14 aprile 2019

Assenteismo alle stelle tra i funzionari della Confederazione

Non smette di crescere l'assenteismo tra i funzionari della Confederazione. Secondo una statistica pubblicata dal "SonntagsZeitung" domenica, i circa 40'000 dipendenti della Confederazione hanno perso nel 2018 254'000 giorni lavorativi per motivi di malattia 254.000, l'equivalente di 1154 anni di lavoro al 100% (per 220 giorni lavorativi).

Rispetto al numero di assenze per malattia in altri settori dell'economia, i dati della pubblica amministrazione sono nettamente superiori, dice il giornale: sono un quarto più alti di quelli del settore alberghiero e del settore bancario e assicurativo.

Se dalle parti di Berna ci si giustifica un'ondata di influenza, dalla parte della società Synaps Care, che si occupa della gestione delle malattie sul lavoro, si ha un'altra spiegazione. Secondo il suo capo Chris Holzach, i problemi strutturali e di gestione sono spesso la causa dei tassi elevati di malattia di un'azienda. "Inoltre, la pressione sul lavoro lascia tracce", afferma Janine Wicki, segretario generale dell'Associazione federale dei dipendenti.

Il più alto tasso di assenze nel Dipartimento delle finanze

A essere maggiormente interessato dal fenomeno è il Dipartimento delle finanze diretto da Ueli Maurer, il quale ha registrato una media di 8,7 giorni di malattia per dipendente. Questi erano assenti 344 anni con un costo stimato di 76 milioni di franchi. Una delle ragioni è che secondo l'ultimo sondaggio tra il personale, è in questo dipartimento che la soddisfazione sul lavoro è più bassa.

Dopo il dipartimento di Ueli Maurer, è il Dipartimento di Giustizia e Polizia Simonetta Sommaruga che contava il maggior numero di assenze (8,2 giorni) l'anno scorso. Precede il dipartimento degli interni di Alain Berset (7,7 giorni). Segue il Dipartimento della Difesa, pari a quello dei Trasporti (6.8), davanti a quello dell'economia guidato l'anno scorso da Johann Schneider-Ammann (6.7). Infine, è negli affari esteri che il personale si da meno spesso malato (5,2 giorni).

254 milioni di franchi nel 2018

Una cosa è certa: queste assenze sono costose per la Confederazione. Oltre alle spese di mantenimento salariale, ci sono anche dei costi aggiuntivi, come quelli del personale presente che deve fare gli straordinari per compensare l'assenza dei loro colleghi. Secondo l'Ufficio federale del personale, un'assenza costa circa 1000 franchi per giorno di malattia. In totale, l'amministrazione stima che il costo delle assenze per malattia per i suoi dipendenti sia di 254 milioni di franchi. Somma che la Confederazione deve dedurre dai propri fondi perché non è coperta da un'assicurazione per le indennità giornaliere di malattia.

Guarda anche 

La Svizzera aiuta gli USA a liberare un ostaggio e Trump ringrazia personalmente

Il ruolo della Svizzera nel mediare fra diverse parti in disaccordo fra di loro viene spesso sottaciuto. Per motivi anche comprensibili, ma con la conseguenza che il gran...
05.06.2020
Svizzera

L'ONU critica la Svizzera per la legge anti-terrorismo, "va contro i diritti umani"

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani critica la proposta di legge antiterrorismo del Consiglio federale. In una lettera al governo, mette in gua...
31.05.2020
Svizzera

"L'Italia convoca l'ambasciatrice svizzera per i confini chiusi. E noi?"

Le limitazioni al confine tra la Svizzera e l'Italia per i controlli degli spostamenti tra i due paesi saranno al centro di un incontro tra l'ambasciatrice della ...
05.05.2020
Svizzera

La CEDU condanna la Svizzera, ma per il Tribunale federale la sentenza è "incomprensibile"

La Svizzera non dispone di una base giuridica sufficiente per incarcerare una persona condannata a seguire una misura terapeutica. La Corte europea dei diritti dell'u...
20.04.2020
Svizzera