Svizzera, 14 aprile 2019

Assenteismo alle stelle tra i funzionari della Confederazione

Non smette di crescere l'assenteismo tra i funzionari della Confederazione. Secondo una statistica pubblicata dal "SonntagsZeitung" domenica, i circa 40'000 dipendenti della Confederazione hanno perso nel 2018 254'000 giorni lavorativi per motivi di malattia 254.000, l'equivalente di 1154 anni di lavoro al 100% (per 220 giorni lavorativi).

Rispetto al numero di assenze per malattia in altri settori dell'economia, i dati della pubblica amministrazione sono nettamente superiori, dice il giornale: sono un quarto più alti di quelli del settore alberghiero e del settore bancario e assicurativo.

Se dalle parti di Berna ci si giustifica un'ondata di influenza, dalla parte della società Synaps Care, che si occupa della gestione delle malattie sul lavoro, si ha un'altra spiegazione. Secondo il suo capo Chris Holzach, i problemi strutturali e di gestione sono spesso la causa dei tassi elevati di malattia di un'azienda. "Inoltre, la pressione sul lavoro lascia tracce", afferma Janine Wicki, segretario generale dell'Associazione federale dei dipendenti.

Il più alto tasso di assenze nel Dipartimento delle finanze

A essere maggiormente interessato dal fenomeno è il Dipartimento delle finanze diretto da Ueli Maurer, il quale ha registrato una media di 8,7 giorni di malattia per dipendente. Questi erano assenti 344 anni con un costo stimato di 76 milioni di franchi. Una delle ragioni è che secondo l'ultimo sondaggio tra il personale, è in questo dipartimento che la soddisfazione sul lavoro è più bassa.

Dopo il dipartimento di Ueli Maurer, è il Dipartimento di Giustizia e Polizia Simonetta Sommaruga che contava il maggior numero di assenze (8,2 giorni) l'anno scorso. Precede il dipartimento degli interni di Alain Berset (7,7 giorni). Segue il Dipartimento della Difesa, pari a quello dei Trasporti (6.8), davanti a quello dell'economia guidato l'anno scorso da Johann Schneider-Ammann (6.7). Infine, è negli affari esteri che il personale si da meno spesso malato (5,2 giorni).

254 milioni di franchi nel 2018

Una cosa è certa: queste assenze sono costose per la Confederazione. Oltre alle spese di mantenimento salariale, ci sono anche dei costi aggiuntivi, come quelli del personale presente che deve fare gli straordinari per compensare l'assenza dei loro colleghi. Secondo l'Ufficio federale del personale, un'assenza costa circa 1000 franchi per giorno di malattia. In totale, l'amministrazione stima che il costo delle assenze per malattia per i suoi dipendenti sia di 254 milioni di franchi. Somma che la Confederazione deve dedurre dai propri fondi perché non è coperta da un'assicurazione per le indennità giornaliere di malattia.

Guarda anche 

In aumento i richiedenti l'asilo dalla Turchia, "vogliamo andare in Europa e ci causeremo guai" (VIDEO)

È notizia di ieri che il numero di domande d'asilo presentate da cittadini turchi è aumentato in modo significativo negli ultimi anni, in particolare da...
16.09.2019
Svizzera

Per Micheline Calmy-Rey il miliardo di coesione all'UE non è sufficiente, "bisogna aumentare l'importo in segno di buona volontà"

Secondo l'ex Consigliera federale socialista Micheline Calmy-Rey la Svizzera dovrebbe aumentare il contributo previsto all'Unione europea, attualmente 1 miliardo ...
15.09.2019
Svizzera

Umiliato e ridicolizzato: in casa Lugano il futuro è tutto un rebus

LOSANNA – C’era una volta il Lugano che divertiva e che si divertiva. C’era una volta il Lugano che dettava il suo gioco contro chiunque e che era capac...
15.09.2019
Sport

Maxirissa tra migranti su un treno tra Berna e Bienne, 2 feriti e 15 arresti

Un uomo e una donna sono rimasti feriti durante una rissa scoppiata nella notte tra venerdì e sabato in un treno che collegava Bienne a Berna. La polizia ha arrest...
15.09.2019
Svizzera