Svizzera, 29 marzo 2019

Agenzia di lavoro svizzera cerca frontalieri, gli imprenditori francesi sbottano: "Ci rubate la manodopera, rischiamo di chiudere"

La facilità con cui un residente di un paese UE può lavorare in Svizzera non pone problemi solo ai lavoratori svizzeri, messi in concorrenza con lavoratori nel cui paese i salari sono notevolmente inferiori, senza contare le scarse prospettive occupazionali nel loro paese. A risentire del problema sono anche gli stessi paesi d'origine di questi lavoratori, che si vedono sottrarre la manodopera spesso formata con i soldi dei contribuenti.

Il problema è particolarmente acuto nelle regioni francesi al confine con la Svizzera dove da diversi anni si registra una mancanza di manodopera a causa della vicinanza con la Svizzera, dove i salari sono anche tre volte superiori a quelli che riceverebbero se rimanessero in Francia.

E se la notevole differenza di salario non fosse già abbastanza, adesso ci si mette anche la pubblicità di agenzie di lavoro con sede in Svizzera che cercano lavoratori nella vicina Francia. È il caso delle panetterie dell'Alta Savoia, regione francese a sud di Ginevra, che negli scorsi giorni distribuivano sacchetti con la pubblicità di un'agenzia di lavoro ginevrina, tale Value Job Services SA, che invitava a "fare carriera in Svizzera". La pubblicità, riportato dal sito francese "Le Dauphinè" e ripreso da "LeMatin", ha esasperato gli imprenditori locali che hanno trovato l'annuncio troppo invasivo.

"C'è stata una reazione viscerale di molti imprenditori, perché questa campagna è stata ritenuta molto invadente perchè lo vedono come un saccheggio dei loro dipendenti che rischia di mettere a repentaglio le loro attività", afferma Jean-Michel Delaplagne, presidente del CPME 74 (Conferenza delle piccole e medie imprese), che ha trasmesso un comunicato ai media locali giovedì, esprimendo il disappunto dei suoi membri.

A essere presi di mira sono soprattutto gli impiegati formati o impiegati nel settore meccanico: meccanica, regolatori e tutti gli specialisti in microtecnicas in generale. Di fronte a una carenza di manodopera quasi costante, le imprese della regione dell'Alta Savoia sono esposte in particolare alla concorrenza del settore dell'orologeria di Ginevra, che offre salari due o tre volte più alti.

A oggi sono già oltre 100'000 i lavoratori dell'Alta Savoia che si recano nella vicina Svizzera per lavorare, soprattutto nei cantoni di Ginevra e di Vaud. Cantoni che, guarda a caso, sono tra quelli con il più alto tasso di disoccupazione del paese.

Guarda anche 

Un altro positivo alle medie di Morbio. I casi di variante britannica salgono a 3

Un altro positivo alla scuola media di Morbio. Sono dunque 14 ora le persone che hanno contratto il Covid e, notizia ancor più importante, tre delle positivit&agra...
18.01.2021
Ticino

Lockdown e disoccupazione

Da oggi è stato dcretato un lockdown “light” per arginare i contagi del Covid-19 che rischiano di sfuggire di mano. Sono state fatte promesse per aiuta...
18.01.2021
Opinioni

Il Ticino chiede la chiusura dei valichi minori e controlli sistematici alle dogane

Il Consiglio di Stato ha scritto ieri al Consiglio federale esprimendo la propria preoccupazione per la situazione alla frontiera con l’Italia: il notevole flusso t...
18.01.2021
Ticino

Coronavirus: la situazione in Svizzera

In Svizzera, nelle ultime 72 ore, sono stati registrati 4'703 nuovi contagi da coronavirus. Un dato – fa sapere l'Ufficio federale della sanità pubbl...
18.01.2021
Svizzera