Mondo, 28 marzo 2019

"Stiamo assistendo al risveglio dell'Occidente", l'astro nascente della destra anti-UE si racconta

Ha creato un'enorme sorpresa, in Olanda come nel resto d'Europa, la vittoria del partito “Forum per la Democrazia” guidata dal giovane e carismatico Thierry Baudet (nella foto). Partito nato appena tre anni fa e che alla prima apparizione elettorale nel 2016, alle nazionali, aveva raccolto modestissimi risultati, alla sua prima apparizione alle elezioni regionali di settimana scorsa, il partito di Baudet batte ogni pronostico diventando di colpo il partito più votato d'Olanda.

Per l'UE è l'ennesima tegola dopo che diversi paesi, Austria, Italia e Slovenia per citare solo gli ultimi, hanno eletto governi apertamente euroscettici. La cosa più preoccupante, dal punto di vista di Bruxelles, è che stavolta si tratta dell'Olanda, paese importante per l'UE sia dal punto di vista simbolico (dal trattato di Maastricht, città appunto olandese) sia perchè l'Olanda è sede di molteplici istituzioni UE e internazionali.

"Rappresentiamo una filosofia politica che è fondamentalmente contraria ai principi della rivoluzione francese", afferma l'astro nascente della destra euroscettica che si dichiara coraggiosamente "il principale intellettuale nei Paesi Bassi". Mentre prepara le sue mosse del suo partito per le prossime elezioni europee di maggio, dice, "Penso che ci sia un movimento in corso in tutti i paesi europei che va oltre le appartenenze partitiche individuali. È la convinzione in un nuovo rinascimento europeo".

Ma chi è Thierry Baudet, 36enne che i media hanno già soprannominato “il Dandy della destra”? Il settimanale zurighese Weltwoche lo ha incontrato per un'intervista, intervista che abbiamo tradotto e riportiamo integralmente qui di seguito:

Weltwoche: Thierry Baudet, lei e il suo "Forum per la democrazia" avete ottenuto una grande vittoria alle elezioni regionali olandesi. Molti media e politici in tutta Europa sono stati sorpresi. Se l'aspettava?

Thierry Baudet: Si assolutamente! (ride) Ho sempre saputo che avremmo vinto!

Si aspettava di vincere in modo così netto?

Sì. Ho sempre avuto fiducia nel popolo olandese. Non sono sorpreso!

Quali erano le indicazioni che avreste vinto?

Abbiamo mantenuto una posizione di leader nei sondaggi per un anno e mezzo. Fondamentalmente eravamo già proiettati a vincere in modo significativo. Con un sistema multipartito, ovviamente, il successo dipende sempre da ciò che fanno gli altri partiti. Puoi avere un grande concorrente o diversi più piccoli. Ma per me, fondamentalmente, non ha molta importanza perché considero tutti i partiti stabiliti come rappresentanti della stessa ideologia.

Non vedo una differenza fondamentale tra il Partito Liberale classico (o qualsiasi cosa chiamano se stessi), il Partito Democratico Cristiano, il Partito Laburista, il Partito Socialista o il Partito dei Verdi. Per me, tutti sono fondamentalmente uguali. Sono tutti rappresentanti della filosofia "liberale" o "liberista" in cui l'emancipazione dell'individuo è lo scopo ultimo. Massima uguaglianza, massima libertà individuale. Quindi, in un certo senso, abbiamo vinto. Ora siamo il partito più grande. Ma se aggiungi tutti i voti ricevuti da tutti gli altri, non siamo ancora i più grandi.

Il suo partito ha partecipato alle elezioni regionali per la prima volta e ha vinto 13 seggi.

Sì. Abbiamo il 15%, ora. Ma questa non è la maggioranza.

Il primo ministro Rutte deve formare una nuova coalizione. Farà di tutto per escludervi dal governo?

Non lo sappiamo ancora. Penso che potrebbero cercare di incapsularci, controllarci offrendoci dei favori, delle posizioni. E penso che ciò che sperano di fare gradualmente per ammorbidire i nostri punti di vista, il nostro approccio fondamentalmente diverso. Questo è almeno quello che probabilmente vedremo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

È disposto, a determinate condizioni, a essere incluso nella coalizione di governo?

Siamo disposti a scendere a compromessi per ottenere maggiore influenza. Siamo consapevoli di avere un sistema maggioritario con una rappresentanza proporzionale che richiede una certa disponibilità al compromesso. Abbiamo sempre detto che siamo disposti a farlo. Ma la nostra posizione riguardo a tutte le principali domande del nostro tempo non è solo diversa, è fondamentalmente diversa. Rappresentiamo una filosofia politica che è fondamentalmente diversa. Vogliamo cose che sono in contraddizione con lo spettro politico che ha dominato l'Occidente sin dalla rivoluzione francese.

La maggior parte dei media la ritrae come l'astro nascente del populismo, come un ragazzo locandina dell'estremismo di destra. Cosa può dire del programma che sta promuovendo?

Noi proponiamo ciò che si può chiamare un modello di immigrazione "australiano". Con ciò intendiamo un approccio fondamentalmente diverso all'immigrazione. Non guarderemo più a quanto gli immigrati hanno bisogno del nostro sostegno; ci chiederemo quanto è probabile che contribuiscano in modo positivo al nostro paese. Siamo molto disponibili in termini di programmi di aiuto per sostenere rifugiati ovunque nel mondo. Siamo molto felici di aiutarli lì. Ma quando si parla di immigrazione, di consegna di passaporti alle persone, è qualcosa che non faremo più dipendere dal fatto che la persona in questione provenga da una situazione terribile a casa sua, ma dalla risposta alla domanda "cosa ci porterà questa persona"? Abbiamo un approccio radicalmente diverso all'immigrazione rispetto a quello che è dominante nell'Occidente negli ultimi decenni. Riteniamo la nazione, la nostra identità nazionale, come un valore molto importante e molto positivo che dobbiamo proteggere.

Come intende attuare questa nuova politica di immigrazione quando l'Olanda è un membro dell'UE?

Bè, è per questo che vogliamo lasciare l'UE.

Dopo le elezioni, ha detto che ha vinto una battaglia. Cosa sarebbe per lei vincere la guerra?

C'è molto di più. Credo che esteticamente, ad esempio, abbiamo scelto la direzione completamente sbagliata in Occidente. Abbiamo lasciato la musica tonale alle spalle. Abbiamo lasciato dietro di sé la pittura realista o mimetica. Abbiamo lasciato alle spalle l'architettura tradizionale. Sono profondamente contrario ai principi filosofici fondamentali dell'architettura moderna. Penso che sia fondamentalmente sbagliato.

Vuole tornare indietro?

Assolutamente.

Quando è che il treno è uscito dai binari?

Penso che si debba tornare ai principi della rivoluzione francese che sono uguaglianza, libertà e fraternità. Hanno portato ai due principali movimenti di emancipazione - socialismo e liberalismo - ed entrambi sono fondamentalmente difettosi. Il deragliamento, a sua volta, è arrivato a ondate. Il modernismo, un rinnovamento degli elementi radicali della rivoluzione francese, che ha preso il via subito dopo la prima guerra mondiale, ha messo in moto un'altra ondata di errori. E poi arrivarono gli anni '60. Quindi, ci sono stati diversi momenti negli ultimi due secoli.

Socialismo, liberalismo ... Quando entra in gioco il conservatorismo?

È la filosofia che parte dalla comprensione che siamo esseri paradossali. Vogliamo essere liberi e allo stesso tempo vogliamo essere integrati. Vogliamo essere individui, ma vogliamo anche essere membri di un gruppo. In una società giusta, c'è un equilibrio, un delicato equilibrio che culmina in quello che potremmo chiamare "l'individuo correttamente compreso". Questo ha raggiunto il suo apice, credo, nel diciottesimo secolo, ed era venerato in quella grande "canzone del cigno dell'aristocrazia", il diciannovesimo secolo. Ma ora l'individuo, naturalmente, è stato "liberato" in misura tale da sentirci profondamente atomizzati e infelici. Non sappiamo più come tornare alla comunità.

L'argomento che ha modellato la sua visione del mondo è "oikofobia". È un termine coniato dal suo mentore, il filosofo conservatore Roger Scruton: negando o odiando la tua cultura. È questo che significa "oikofobia"?

Sì. Penso che sotto l'influenza del marxismo culturale, iniziato negli anni '20 e diventato dominante negli anni '60, intellettuali, politici, artisti, accademici, giornalisti e, come tale, l'intera élite della nostra società siano stati stregati da quell'idea. Arrivarono a credere che ciò che ostacola l'utopia - che sia un'utopia comunista o un'utopia liberale - sia la società borghese, le tradizioni borghesi, il modo di vita borghese della gente comune. Ecco perché Le Corbusier voleva distruggere l'intera Rive Droite di Parigi. Questo è il motivo per cui tutti coloro che si sono opposti all'immigrazione di massa sono stati attaccati nei modi più vili. Ed è per questo che le identità nazionali dovevano essere risolte in una "Unione Europea". Perché, se ricordi il Manifesto Comunista, Marx ed Engels le consideravano parte di una realtà borghese che ostacolava la formazione di "vere" lealtà tra i lavoratori in tutto il mondo.

"Oikofobia": è un termine scientifico? C'è una ricerca scientifica su cui si basa questo concetto?

È un termine sociologico. Non penso che la ricerca empirica quantitativa sia molto significativa nelle scienze sociali.

Lei si definisce "il principale intellettuale nei Paesi Bassi".

(Ride) L'ho già detto molte volte!

Sta combattendo l'élite e, allo stesso tempo, è un gioiello della corona dell'élite?

Sì.

Come spiega un contenuto filosofico sofisticato verso le persone comuni, i suoi elettori? Capiscono cosa vuole dire?

Penso che lo capiscano.

Capiscono quello che ha appena detto? È piuttosto sofisticato.

Sì. Penso che lo capiscano istintivamente.

Quando parla alle persone, come fa a far passare il ​​suo messaggio?

Nello stesso modo in cui ora te lo sto passando. Naturalmente, la formulazione esatta e l'attenzione dipendono dal tipo di pubblico che ho di fronte a me e dal tipo di domande che chiedono. Ma penso che, in generale, le persone siano molto capaci di ottenere il punto che qualcuno sta cercando di fare. E non penso che tutti i fraintendimenti che i giornali inventano risuonino fortemente con la gente comune. Il loro, quello dei giornali, è una specie di esperimento accademico. Nel 13 ° secolo, i monaci discutevano per anni e anni quanti angeli sarebbero potuti entrare in un ago. Questi dibattiti accademici, è quello che abbiamo oggi sui giornali. Dibatti come, "Il discorso che il signor Baudet ha fatto ricorda il fascismo italiano, o è più simile al franchismo, o è piuttosto la Germania negli anni '30?" Questo genere di cose. Il pubblico in generale vede questi discorsi e si dice "Cosa?". Comprendono che tutti questi confronti sono semplicemente ridicoli. Si inventano questi discorsi per mostrare ai loro colleghi giornalisti quanto sono "giusti". Le persone in generale, in me vedono qualcuno a cui importa del loro paese, che ha l'inventario intellettuale per combattere le persone attualmente al potere.

Prima di cominciare questa intervista, ha detto che nel novembre 2016 ha tenuto un discorso lodando Donald Trump.

Sì. Erano due anni e mezzo fa. Ho incontrato la mia fidanzata quel giorno. Era solo una settimana dopo che Trump era stato eletto.

Donald Trump è noto per la sua retorica molto rozza e aggressiva. È molto ripetitivo e batte sempre il martello sullo stesso chiodo. Quando la ascolto, è praticamente l'opposto di come parla lui, il modo in cui si esprime.

Nonostante ciò, spero anch'io di avere successo. (Ride)

Bè, ha appena avuto un successo straordinario.

Ma sono stato anch'io molto ripetitivo, amico mio. Non sopravvalutarmi. Nel nostro percorso elettorale ho detto più o meno le stesse cose, e ho utilizzato gli stessi esempi più e più volte per più di un anno e mezzo.

E quali sono questi esempi?

I temi principali della nostra campagna per le passate elezioni sono stati fermare l'immigrazione incontrollata, la lotta al misticismo climatico e il ripristino del potere d'acquisto. Certo, avremo argomenti leggermente diversi per le prossime elezioni europee. Ma, ancora, la filosofia principale e gli argomenti principali rimarranno gli stessi.

Come è riuscito a contrastare l'attuale campagna di politica ambientale verde?

Semplicemente dicendo la verità. Non so come rispondere a questa domanda in nessun altro modo. Ho semplicemente dichiarato che non ci credevo. La fede verde, secondo me, è un'eresia, è un'eresia classica, una teologia politica immanente. Intendiamoci, tutto si riduce fondamentalmente a una rivisitazione dell'Arca di Noè con una inondazione imminente a causa dei nostri peccati, che possiamo quindi prevenire pentendoci. Credo che già intorno all'anno 1000 siamo stati catturati in fantasie simili.

In generale, i partiti conservatori non osano dire questo. Vanno con l'onda verde.

Sono degli sciocchi. Si sottomettono ai parametri che la sinistra ha imposto per una discussione accettabile, per un'opinione accettabile. Essi soccombono alla "grande narrazione" dei loro avversari. Non è mai una cosa molto intelligente da fare. Noi, al contrario, diciamo apertamente che siamo fondamentalmente contrari non solo alle loro proposte politiche, ma anche alle loro ipotesi di fondo. Questo è anche il motivo per cui non dico che voglio una riforma europea. e dal modo in cui credo che una tale riforma sia impossibile in primo luogo, David Cameron lo ha chiaramente dimostrato. Ma non siamo solo contro questo o quell'aspetto dell'UE, questa o quella direttiva, pensiamo che la stessa filosofia alla base sia sbagliata. L'idea che dovremmo andare oltre le identità nazionali e avere una sorta di burocrazia "europea" che gestisce le nostre vite. Tutto ciò che appartiene all'Unione europea deve quindi, alla fine, essere eliminato. L'euro, i confini aperti, le politiche comuni in materia di pesca. Lo stesso vale per l'intera faccenda del cambiamento climatico.

Per “faccenda”, intende dire che il cambiamento climatico è provocato dall'uomo, per esempio?

Sì. Il tutto è sbagliato. Anche l'intera questione dell'immigrazione è sbagliata. I parametri dell'attuale dibattito politico sono fondamentalmente errati.

Cosa c'è di sbagliato nell'immigrazione?

L'idea che siamo tutti viaggiatori, che siamo tutti migranti, che alla fine veniamo tutti dall'Africa e che quindi non importa in realtà quante persone ci stanno lasciando entrare nei nostri paesi. Oppure, prendere l'idea che dobbiamo ammettere le persone sulla base di un trattato sui rifugiati delle Nazioni Unite. Questo è solo sbagliato. L'intera idea è sbagliata. Qualcuno ottiene il diritto di essere mio concittadino perché si trova in una brutta situazione da qualche parte? Non capisco. Non penso sia vero. Io non lo voglio.

Ho osservato dalla distanza che è sull'offensiva con un'enorme quantità di energia e volontà. Da dove prende la sua energia?

Dalla musica classica.

Quale?

Semplicemente tutta la tradizione classica, da Bach e Mozart e Beethoven fino a Brahms, Strauss e Wagner.

C'è un certo tipo di musica che ascolta prima di un dibattito?

No, non particolarmente. Ma la musica classica ha modellato la mia identità in modo decisivo. Ha plasmato la mia sensibilità estetica, la mia visione filosofica. Non credo sia possibile capire l'Europa e capire le intimità, le incredibili sottigliezze dello spirito europeo, senza una profonda comprensione dell'arte europea. È esemplare della malvagità della sinistra e dell'Unione europea, della filosofia liberale e delle opinioni globaliste, che sono così favorevoli all'arte moderna e all'architettura moderna, che ascoltano la musica pop e propagano lo stile di vita del ghetto.

Non ascolta la musica pop?

Ovviamente no. (ride) È impossibile ascoltarla!

Neanche Rolling Stones o Beatles?

Faccio un'eccezione per i Beatles, ma non per i Rolling Stones. I Beatles sono il migliore fast food che abbiamo, diciamo. Ma, ancora, è come un hamburger di McDonald's rispetto a un pasto vero.

Non sta combattendo contro i mulini a vento con questo atteggiamento?

Assolutamente. Sono molto contrario ai mulini a vento. Voglio tutti i mulini a vento fuori dai Paesi Bassi. Tranne quelli vecchi, ovviamente. (ride).

Ma più al punto...

Beh, è ​​ovviamente vero che il pubblico in generale ha sempre avuto il folklore, e non mi aspetto che 17 milioni di persone nei Paesi Bassi siano in grado di riprodurre le intricate complessità armoniche del Concerto per pianoforte di Schumann. Ma la società ha bisogno di un'élite che mostri la strada.

Puoi dirmi cosa è in gioco adesso?

La civiltà.

La civiltà occidentale, giudeo-cristiana?

Non sono sicuro che sia molto rilevante aggiungere l'aggettivo "occidentale". È solo la civiltà per cui lottiamo. Il buono, il vero e il bello.

Ma quali sono i pilastri della civiltà?

Penso che in definitiva l'estetica è il criterio più alto. Il nostro movimento, come ogni movimento politico, è quindi anche estetico. E la vera bellezza, a mio avviso, riconosce sia l'unicità dell'individuo, di ogni singolo individuo nella sua storia di vita individuale, ma offre anche una lingua, un linguaggio musicale o un linguaggio grammaticale, o addirittura un linguaggio visivo, che implica una cornice comune di riferimento. Quindi il problema del radicamento, il problema del mondo moderno, si potrebbe dire, è implicito nell'approccio che si fa alle arti.

Il punto dei numerosi movimenti artistici e artigianali sorti in risposta all'industrializzazione nella seconda parte del 19 ° secolo, era che nonostante la produzione di massa, la società di massa, l'urbanizzazione e così via, abbiamo ancora bisogno di sentirci radicati . Ecco perché gli ornamenti e le facciate, così come l'uso di materiali naturali, sono sempre stati considerati così importanti: hanno contribuito a generare un senso adeguato di casa per i senzatetto spirituali. Il problema con l'architettura moderna è che enfatizza l'ordinarietà in modo tale da atomizzare completamente le persone. Non si può notare la differenza tra gli edifici modernisti a Bruxelles da quelli di Kuala Lumpur e Pyongyang. Né puoi notare una differenza tra i singoli appartamenti o uffici in ognuno di questi edifici: sono tutti completamente intercambiabili e ciò rende le persone molto infelici, credo, perché diventano individui completamente intercambiabili nei loro condomini di massa. Le persone vogliono avere una casa che è loro. Anche se una tale casa non può essere molto specifica, o molto grande, è ancora la loro casa, il loro posto sulla terra, idealmente con un piccolo pezzo di terra intorno ad esso, con un quartiere con cui si sentono collegati - in breve, qualcosa che li fa sentire di appartenere da qualche parte, che hanno un certo luogo di origine e fanno parte di un certo destino.

Come è cresciuto?

Sono cresciuto in un modo del tutto ottocentesco. Sono cresciuto in una famiglia molto vecchio stile.

Normalmente, gli adolescenti si ribellano contro i loro genitori. Hai mai attraversato quella fase ribelle?

No. E non sono d'accordo che è normale. Semplicemente non penso sia vero. Tutta questa "ribellione" è stata un fenomeno storico molto specifico che si è verificato negli anni '60 e '70 ed è stato indotto da insegnanti di una scuola filosofica molto specifica - la Scuola di Francoforte che ha diffuso il marxismo culturale - e penso che sarà considerato dal futuro generazione con grande sospetto. Dal mio punto di vista, è del tutto normale che i bambini amino i loro genitori, che siano eccitati all'idea di assumersi responsabilità e di essere orgogliosi di far parte di una lunga catena di discendenza. Quindi, non penso sia normale per i giovani essere "ribelli senza una causa" e ascoltare Bob Marley mentre maledicono i loro genitori. E quello che penso sia successo è che l'attuale generazione - cioè la mia generazione - ha copiato (del tutto in linea con la mia opinione) le idee dei loro genitori, in questo caso, le loro idee errate sulla necessità di ribellarsi. Ma non trovando nulla da ribellarsi finirono con inseguire ideali nichilisti. Volendo essere fedeli ai loro genitori ribellandosi hanno iniziato a fumare marijuana.

Posso forse sollevare un argomento che non ha menzionato? Penso che ci sia qualcosa di cui i suoi lettori vogliono sapere.

Dica pure.

Stiamo assistendo ora, in tutto l'Occidente, non solo in Europa ma anche negli Stati Uniti, allo sviluppo di un nuovo vocabolario del discorso politico. I nomi o le etichette che le persone stanno cercando di trovare sono populismo, conservatorismo, nazionalismo o altro.

In ogni paese vediamo politici, scrittori e esperti che stanno cercando di sviluppare un nuovo approccio alla politica e alla società che includa la narrativa culturale, che include le tradizioni nazionali e riconosce il patrimonio condiviso della nostra civiltà condivisa, il nostro condiviso mondo occidentale.

E la cosa bella di questo è che le persone sono così felici di questi nuovi leader che stanno parlando di valori completamente diversi, che stanno costringendo l'establishment ad avere un dibattito su termini completamente diversi. È quello che ha fatto Donald Trump sollevando questioni che un sondaggista avrebbe detto: "Non andare là. Non andarci ". Ed è quello che abbiamo fatto nei Paesi Bassi facendo opposizione alle politiche climatiche il nostro principale tema elettorale. Il biglietto vincente è senza mezzi termini per dire che non crediamo più nelle loro cose. Che vogliamo qualcosa di completamente diverso.

Infine, concentriamoci sulle elezioni di maggio. Cambierete qualcosa nella vostra agenda e nella vostra campagna?

Penso che la cosa più importante per le prossime elezioni sia formulare la nostra posizione come positiva. Non siamo semplicemente contro l'UE; siamo anche per i valori europei, la cultura europea e la cooperazione europea.

Le elezioni europee riguardano l'elezione di nuovi membri del Parlamento europeo. Perché cerca di essere eletto in un parlamento a cui si oppone? Non dovreste boicottare le elezioni del tutto?

Sì. [Ride e guarda il suo assistente.] Cosa dovremmo rispondere a questa domanda? (Poi di nuovo serio :) Quello che mi piace di ciò che sta succedendo adesso è questo: perché un nuovo discorso politico sta emergendo, assistiamo a cambiamenti radicali nell'establishment politico in quasi tutti i paesi europei. Mi sento profondamente europeo, ma non favorevole all'UE. Quindi, vedo la piattaforma europea, ora, come un terreno di incontro per gli alleati. Sono molto entusiasta del fatto che lavoreremo insieme a persone provenienti da Francia, Spagna, Italia, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, eccetera.

Ha già preso contatti?

Sì. Sono stato in contatto con persone provenienti da quei paesi per anni. Non è che siamo anti-cooperazione o anti-europei. È solo che non pensiamo di aver bisogno di una burocrazia continentale per gestire le nostre vite in ogni dettaglio. E uno degli sviluppi più eccitanti e promettenti che ho visto in tutta la mia vita è questa primavera europea che sta succedendo. C'è qualcosa di nuovo emergente ed è più ampio della sola Europa. È l'occidente. Lo vediamo anche in America, in Brasile, in Australia.

Questo è ciò che io chiamo rinascimento, o risveglio o riunione. Qualunque sia il termine che gli storici potrebbero trovare per questo, credo che facciamo parte di un movimento in tutto il mondo occidentale che cambierà la direzione che tutti i nostri paesi prenderanno nelle prossime due generazioni.

Cosa la rende così sicuro?

È una speranza.

Come ottiene la massima attenzione? C'è una strategia?

No. Sono solo me stesso. Parlo la verità, o anche meglio: siamo onesti nella nostra ricerca della verità. Il nostro elettorato lo capisce. Abbiamo identificato una direzione. Siamo abbastanza chiari su alcuni parametri di esso. Siamo molto convinti che la governance continentale da Bruxelles non sia la strada da percorrere. L'immigrazione di massa dall'Africa non è il modo di migliorare le nostre società. E quando si tratta di qualcosa che hai chiesto - quali sono le caratteristiche che definiscono l'estetica europea, per esempio - siamo felici di entrare in una discussione aperta con gli altri.

Penso che i movimenti che hanno tentato di definire i principi estetici e abbiano cercato di costringerli nel mondo esterno - come il fascismo, per esempio - hanno totalmente fallito. Voglio dire, l'architettura fascista, per me, evidentemente manca il punto, giusto? Mostra che il fascismo è, in fondo, un movimento modernista. È un futurismo oikofobico, non un tradizionalismo. Ma tutto questo può essere parte di una conversazione. E penso che i nostri elettori sentano che siamo disposti a entrare in quella conversazione con loro. Per fare un ultimo punto sulla Svizzera, ciò che ammiro della Svizzera è che, attraverso il sistema dei referendum, ha mantenuto una conversazione in corso tra le élite e il popolo. E questo è semplicemente fantastico. Questo è quello che voglio anche per il mio paese.

L'intervista è stata condotta lunedì 25 marzo ad Amsterdam.

Thierry Baudet (1983) è il fondatore e attuale leader politico del "Forum for Democracy" (FVD, Forum voor Democratie). Nelle elezioni generali del 2017 il suo nuovo partito ha vinto due seggi alla Camera dei rappresentanti, Baudet è stato eletto. Nelle elezioni provinciali di marzo, tenutesi il 20 marzo 2019, FVD è diventato il partito più forte nei Paesi Bassi. Ha conseguito un dottorato di ricerca laurea in giurisprudenza e autore di dieci libri, tra cui "The Significance of Borders" (2012), due romanzi, un'introduzione alla musica classica e varie raccolte di saggi.

Urs Gehriger  / Weltwoche (articolo tradotto, la versione originale, in inglese, la potete trovare qui)


Guarda anche 

“Vade retro Islam!”, l'intervista di Giorgio Ghiringhelli a un esperto di Islam

Il fondatore del movimento "Il Guastafeste" Giorgio Ghiringhelli ha pubblicato, sul sito del movimento, un'intervista da lui condotta all'esperto di isl...
11.07.2019
Ticino

"La Lega e i Giovani Leghisti sono movimenti autentici che difendono il Ticino"

Classe 1988, Jonathan Scolari è da due mesi il presidente del Movimento Giovani Leghisti, oltre a essere primo cittadino di Sonogno. Gli abbiamo chiesto che cos...
04.07.2019
Ticino

Per Putin il liberalismo è al capolinea, "i popoli hanno respinto il multiculturalismo e l'immigrazione incontrollata"

Intervistato dal giornalista Lionel Barber del Financial Times, il presidente russo Vladimir Putin ha elogiato i movimenti populisti e critica i governi liberali, accusan...
01.07.2019
Mondo

"Gli svizzeri come i romani"

Sto leggendo un libro sulla caduta dell'Impero Romano, questione su cui ci sono molte teorie. Edward Gibbon attribuisce classicamente questo collasso a un declino mor...
24.06.2019
Svizzera