Sport, 29 marzo 2019

Campionato, Coppa, Spengler e Champions: Ambrì, non è troppo?

I leventinesi dovranno farsi trovare pronti il prossimo anno per affrontare una stagione che potrebbe diventare lunga, intensa e logorante

AMBRÌ – L’entusiasmo ancora si respira nell’aria.  L’eliminazione subita dal Bienne poco conta, perché l’Ambrì ha concluso un ottimo campionato, una gran bella stagione, tornando a disputare i playoff dopo 5 anni e riuscendo a vincere una sfida nella post season dopo 13 anni. Il brillante piazzamento in regular season, purtroppo, ha portato in dote uno dei peggiori accoppiamenti che il tabellone potesse regalare, e tanto che il Bienne anche in semifinale contro il Berna si sta facendo rispettare egregiamente, dimostrando di non volersi svegliare dal proprio sogno.

Un risveglio, quello dell’Ambrì, che è stato dolce anche perché Kubalik e compagni hanno saputo emozionare, hanno saputo giocare un gran bell’hockey fin da settembre, calando in qualche frangente ma sapendo finire in crescendo, mettendo anche in apprensione i Seelander da gara-2 in poi.

In estate, però, il mercato rivoluzionerà un po’ la rosa, visto che ad esempio Kubalik, Lauper e Guerra partiranno e andranno egregiamente sostituiti. E non solo! Visto che con l’eliminazione dei Tigers, i leventinesi si sono qualificati alla prossima Champions League, che va ad aggiungersi alla partecipazione alla Coppa Spengler, come avevamo anticipato settimana scorsa. In totale, quindi, l’Ambrì dovrà affrontare ben 4 competizioni!

È vero che la Champions non è così intensa e sentita come quella del calcio, ma in ogni caso Fora e compagni rischiano di dover affrontare anche viaggi lunghi e stancanti. È vero che giocando di più si trovano meglio i meccanismi, ma è anche vero che aumentano i rischi di infortuni, visto che il fisico non può neanche riposare come in precedenza.

Insomma dalle parti della Valascia dovranno attrezzarsi bene, dovranno mettere a disposizione di Cereda una rosa lunga e competitiva (alla Spengler sicuramente arriverà qualche rinforzo), anche perché la fame vien mangiando, ma fare un’indigestione è un rischio dietro l’angolo.

Guarda anche 

Lapierre, il presente e il futuro è a Berlino

BERLINO (Germania) – Poco più di 24 ore dopo l’addio consensuale al Lugano, Maxim Lapierre ha già trovato una nuova squadra: l’ex biancone...
14.07.2019
Sport

SONDAGGIO – L’addio a Lapierre. È stata una buona soluzione?

LUGANO – Non è stato un sabato e un weekend come tutti gli altri per i tifosi del Lugano che hanno iniziato il fine settimana con una notizia che non si aspe...
15.07.2019
Sport

“Grazie per questi quattro anni, Lugano resterà un posto speciale nel mio cuore”: l’addio di Lapierre

LUGANO – Non è un sabato come un altro per il Lugano, per i suoi tifosi e per Maxim Lapierre: il tanto amato numero 25 lascia la Cornér Arena, lascia ...
13.07.2019
Sport

Lapierre-Lugano addio: ma è davvero una sorpresa?

LUGANO – È stato quasi un risveglio traumatico quello vissuto ieri dai tifosi del Lugano che, aperti gli occhi, si sono ritrovati di fronte a un comunicato c...
14.07.2019
Sport