Mondo, 25 marzo 2019

“La sinistra si è spinta troppo oltre”. Professore canadese mette in guardia contro le “derive autoritarie” della sinistra

Jordan Peterson è un professore canadese che negli ultimi è diventato celebre, in particolare per essersi opposto al monopolio della sinistra nel mondo accademico, una realtà che, chi più chi meno, devono far fronte praticamente tutti i paesi occidentali. Salito agli onori della cronaca per essere un oppositore di una controversa legge del governo canadese che obbliga a chiamare le persone secondo il sesso in cui si identificano (per esempio se qualcuno crede di essere donna, si ha in pratica l'obbligo di assecondare la fantasia della persona in questione).

Da allora Peterson è gradualmente diventato una persona di riferimento per tutti coloro che si oppongono ai dogmi della sinistra della diversità, del politicamente corretto e dell'uguaglianza, dogmi che Peterson definisce “derive del post-modernismo marxista”, guadagnandosi un seguito impressionante su Internet e allo stesso subendo feroci critiche da parte dei media tradizionali e del mondo accademico finendo in pratica “all'indice” e diffamato come persona “vicina all'estrema destra” fino a subire proteste e boicotaggi da parte degli ambienti dominati dalla sinistra.

Intervistato da “Russia Today”, Peterson ritiene che l'ossessione della sinistra per l'uguaglianza è destinata al fallimento, sostenendo invece che la soluzione, per le persone che si trovano in difficoltà, è di puntare maggiormente sulla responsabilità individuale e aiutare le persone a crescere in base alle proprie caratteristiche e inclinazioni.

"Per le persone di sinistra tracciare un confine tra ciò che è accettabile e ciò che è inaccettabile è molto difficile", sostiene Peterson in risposta a una domanda sulla crescente popolarità di politici di estrema sinistra in occidente, come Bernard Sanders (senatore americano e candidato alle presidenziali USA) e Jeremy Corbin (leader dell'opposizione laburista nel Regno Unito).

Pur riconoscendo che la sinistra moderata ha introdotto leggi sul lavoro e altre riforme che hanno giovato alla società, il professore canadese ha affermato che l'enfasi sulla "diversità, inclusività ed equità è un segno che la sinistra è andata troppo oltre".

Il cambiamento avvenuto nella sinistra, secondo Peterson, è che si passati da una sinistra che cercava la “parità delle opportunità”, in cui si cerca di dare ad ognuno le stesse possibilità di riuscita, ad una sinistra che cerca la “parità del risultato”, dove invece si cerca di dare a tutti la stessa, indipendentemente dall'impegno e dal merito. In questo modo si è arrivato a proposte, per Peterson controproducenti, come il salario minimo e il reddito di base, molto in voga a sinistra oggigiorno.

Peterson riconosce che ciò che rende attrattivo la sinistra e il socialismo è la difficoltà in cui versano molte persone, tuttavia suggerisce un percorso diverso per affrontare le sfide della società odierna.

"La mia tesi è che la scommessa migliore che hai in questo velo di catastrofe e lacrime che è la vita è assumerti la responsabilità della tua vita e parlare sinceramente e agire con coraggio", ha affermato Peterson. L'intervista integrale, in inglese e della durata di circa mezz'ora, è disponibile qui.

Guarda anche 

Degenera manifestazione anti-WEF a Zurigo, attivisti di sinistra causano due feriti e danni per decine di migliaia di franchi

Mentre a Davos si teneva il Forum economico, gli oppositori del WEF si sono riuniti mercoledì a Zurigo e Losanna. Se le poche decine di manifestanti a Losanna non ...
23.01.2020
Svizzera

"Il fallimento del referendum sulla riforma fiscale è un clamoroso smacco per la sinistra"

Per la Lega dei Ticinesi il fallimento del referendum contro la riforma fiscale sarebbe "un clamoroso smacco" per la sinistra ticinese. In un comunicato, il mov...
14.01.2020
Ticino

Attivisti di sinistra perturbano una messa di Natale a Basilea

Un gruppo di attivisti mascherati ha interrotto un servizio in chiesa alla vigilia di Natale alla chiesa di Kleinhüningen a Basilea. Il gruppo protestava contro la p...
26.12.2019
Svizzera

IKEA abolisce il Natale e lo rimpiazza con "festa d'inverno", "questa sottomissione al politicamente corretto sta diventando estenuante"

IKEA è stata criticata per aver usato il nome neutro "Winterfest" (letteralmente “festa d'inverno”) per la sua collezione di decorazioni ...
11.11.2019
Mondo