Mondo, 22 marzo 2019

Brexit rinviata, l'UE propone due opzioni al Regno Unito

Il Regno Unito verosimilmente non lascerà l'Unione europea il 29 marzo come previsto. I 27 paesi dell'Unione europea hanno deciso giovedì sera di concedere al Regno Unito due opzioni per un rinvio della Brexit oltre la data originariamente prevista del 29 marzo, in seguito ad una richiesta del governo britannico di riportare la data del divorzio a fine giugno. I 27 hanno fissato il 12 aprile come data fatidica.

"Ho incontrato il Primo Ministro Theresa May diverse volte questa sera per assicurarmi che il Regno Unito accetti gli scenari di un'estensione e sono lieto di confermare che abbiamo un accordo", ha affermato Presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Secondo questa offerta, se i parlamentari britannici approvano la settimana prossima l'accordo di divorzio concluso a novembre con l'UE, la data della Brexit sarà rimandata al 22 maggio. In caso di ulteriore rifiuto, Londra avrà tempo fino al 12 aprile per decidere di tenere elezioni europee. Questa soluzione gli consentirebbe quindi di richiedere un nuovo rinvio, la cui durata non è stata ancora decisa.

Ma Theresa May ha dichiarato, già giovedì sera, "fortemente contraria all'idea di chiedere agli inglesi di partecipare a queste elezioni, tre anni dopo che hanno votato per lasciare l'UE".



"12 aprile, il nuovo 29 marzo"

La proposta europea è un rilassamento della loro posizione. Diversi leader avevano dichiarato in precedenza che mancando il voto positivo dei parlamentari britannici, ci si sarebbe diretti verso un'uscita senza accordo con un ritorno dei controlli alle frontiere e reintroduzione delle barriere doganali.

La loro proposta, dopo lunghe ore di discussioni, porta di fatto a fissare la nuova data per la Brexit al 12 aprile. "Il 12 aprile è il nuovo 29 marzo", ha commentato una fonte europea citata dall'agenzia AFP.

Fino a quella data, "tutte le opzioni sono aperte", ha detto Tusk. Ha fatto riferimento al voto sull'accordo, un'uscita senza accordo, un lungo rinvio della Brexit e persino la possibilità che il Regno Unito rinunci del tutto a lasciare l'UE. Per il primo ministro lussemburghese Xavier Bettel, "il 12 aprile, dobbiamo sapere dove siamo. Se non avremo una risposta entro quella data, non avremo un accordo."

Elezioni europee

Il governo spagnolo ha sottolineato che lo scopo dell'intesa di giovedì sera era proprio quello di "dare il maggior numero possibile di possibilità di ratifica dell'accordo di ritiro", al fine di consentire un'uscita ordinata.

Il primo ministro britannico voleva un rinvio al 30 giugno, ma questa data ha posto un problema da un punto di vista giuridico all'UE a causa delle elezioni europee, previste per il 23-26 maggio.

La Commissione europea aveva avvertito di "gravi rischi legali e politici per l'UE" di un rinvio oltre le elezioni. Il Regno Unito sarebbe effettivamente tenuto a partecipare alle elezioni, anche se poi si ritirerebbe prima della sessione inaugurale del Parlamento all'inizio di luglio. Se non lo fa, metterebbe a repentaglio la legalità del nuovo Parlamento, con il rischio di una paralisi duratura del funzionamento dell'UE, secondo l'esecutivo europeo.

Accordo già respinto due volte

La signora May non ha menzionato una data per un nuovo voto. Secondo Jeremy Corbyn, il capo del Labour, il principale partito di opposizione britannico, arrivato a Bruxelles giovedì, potrebbe essere lunedì o martedì. Ma ha escluso di mettersi dietro all'accordo della signora May. "Non pensiamo che sia la strada giusta e stiamo cercando un'opzione che possa avere la maggioranza al Parlamento", ha detto ai giornalisti.

Mentre i deputati britannici hanno già respinto due volte il trattato di ritiro, il presidente della Camera dei Comuni John Bercow ha rifiutato all'inizio della scorsa settimana di farli votare nuovamente su un testo identico, citando una regola del parlamento britannico introdotta quattro secoli fa. May dovrà convincerlo che il posticipo della data di Brexit è il cambiamento "sostanziale" che stava richiedendo.

Guarda anche 

"In Europa i musulmani trattati come gli ebrei negli anni 30", continua la rissa verbale tra Erdogan e Macron

Continua la “rissa verbale” tra il presidente turco Recep Erdogan e i capi di stato europei, in primis Emmanuel Macron, in un contesto sempre più teso ...
27.10.2020
Mondo

Petroliera fuori controllo al largo dell'Inghilterra dopo che sono stati trovati dei clandestini a bordo

Una petroliera battente bandiera libanese sta navigando erraticamente al largo dell'Inghilterra da domenica mattina dopo che l'equipaggio ha lasciato i comandi a ...
26.10.2020
Mondo

Tutti in curva senza mascherina e senza distanze: la Uefa pronta a intervenire

RENNES (Francia) – Ne avevamo parlato anche noi in settimana, chiedendoci qual è il giusto comportamento da adottare negli stadi: se chiudere le porte agli s...
25.10.2020
Sport

Ci risiamo: il Covid ferma i campionati, ma in Europa si va avanti

PRAGA (Rep. Ceca) – Nella giornata di ieri la FTC ha deciso di sospendere fino al 12 novembre ogni competizione, campionato o coppa che sia: una decisione che era o...
22.10.2020
Sport