Mondo, 21 marzo 2019

Scalpore in Svezia per la prima presentatrice TV con il velo islamico

foto sputniknews
Da diversi giorni i telespettatori della televisione pubblica svedese SVT si sono visti presentare l'attualità da Cheyma Moufid, una giovane musulmana che indossa il velo islamico. Moufid è stata assunta come preentatrice delle notizie locali nella zona della capitale Stoccolma.

Come riferisce il portale svedese “Fiji Tider”, Moufid è stata assunta a SVT lo scorso autunno e
questa settimana è apparsa in alcuni reportage sulla scarsa qualità della rimozione della neve a Stoccolma. Nei servizi Moufid ha sostenuto che la città di Stoccolma non ha alcun controllo sulla rimozione della neve nelle aree con alta percentuale di immigrati, come Rinkeby e Tensta. Entrambi i quartieri sono spesso definite come "no-go zone" e comportano rischi anche per la polizia e il personale dei soccorsi.

Nei social media, l'apparizione di una donna velata sugli schermi televisivi che critica la stessa politica migratoria di cui ha beneficiato, hanno suscitato molte reazioni critiche,
con diverse che interpretano la nuova presentratrice velata come un ulteriore segno che la Svezia sta diventando sempre più islamizzata.

"Perché dovremmo essere costretti a vedere i simboli dell'estremismo religioso", ha scritto su Twitter la blogger e scrittrice Katerina Janouch.

"Questo è quello per cui oltre il 90% delle donne svedesi ha votato, fra non molto tutte quante dovranno indossare il velo e vedremo cosa voteranno" ha commentato un altro utente.
"Ciao SVT, perchè fai marketing a indumenti oppressivi attraverso i tuoi dipendenti?” ha twittato un altro. Un altro utente ha invece citato le linee guida di SVT in cui si raccomanda di evitare simboli religiosi.

SVT è l'emittente televisiva pubblica nazionale svedese; è finanziato da un'imposta sul reddito personale, in modo simile alla svizzera SSR. Per sua stessa ammissione, ha affermato di volersi focalizzare sulla “diversità e l'inclusione”.

Guarda anche 

Sparatoria ad Agno, un furto di 80mila franchi alla base di tutto

Nuovo giorno, nuovi dettagli. Emergono nuovi elementi in merito al fatto di sangue avvenuto domenica ad Agno e che ha come protagonisti padre e figlio. Stando a quanto...
09.08.2022
Ticino

Sgarbi torna ad attaccare il Ticino: "Polizia bugiarda"

Non si placa la furia di Vittorio Sgarbi contro il Ticino e la polizia (vedi articoli correlati). Il critico d’arte è tornato sulla vicenda pubblicando du...
09.08.2022
Ticino

Approvvigionamento energetico, le AIL stoccano gas dall'Italia in caso di penuria

Per cercare di contrastare la situazione di potenziale grave penuria nella fornitura di gas naturale già nell’inverno 2022/2023, il 18 maggio 2022 il Cons...
09.08.2022
Ticino

Lugano ricorda Marco Borradori a Palazzo Civico

Giovedì 11 agosto, la Città di Lugano si raccoglie in ricordo del Sindaco Marco Borradori (1959-2021). Nel giorno del primo anniversario della prematura ...
09.08.2022
Ticino