Opinioni, 20 marzo 2019

Amanda Rückert - Circonvallazione: un fondamentale tassello per la qualità di vita nel Malcantone

Tra i temi che più di altri comportano lunghe discussioni e faticano a trovare una sufficiente condivisione tra i vari attori coinvolti ci sono i grandi progetti stradali e infrastrutturali. I dibattiti sui progetti finalizzati a modificare la mobilità sono sempre estremamente animati e i lunghi iter procedurali posti alla base degli stessi comportano spesso un ulteriore allungamento dei tempi, dalla loro ideazione alla realizzazione. Ciò di principio non deve sorprendere: in un territorio già densamente edificato e in cui anche gli spazi liberi hanno dei proprietari che – giustamente – vanno indennizzati qualora l’ente pubblico intenda procedere a realizzare opere d’interesse generale sui loro fondi, riuscire a trovare soluzioni di compromesso che abbiano il benestare della maggioranza è un torbido percorso ad ostacoli, non privo di insidie. E anche se all’osservatore esterno spesso sembra che lo Stato non stia facendo nulla per risolvere un problema, la realtà è che politici e funzionari sono impegnati in piani, trattative e discussioni, che possono durare anche anni.
Collegamento veloce A2-A13, Semisvincolo di Bellinzona, Galleria Vedeggio-Cassarate, Rete Treno-TRAM del Luganese, Circonvallazione del Malcantone: sono solo alcuni degli importanti progetti per questo Cantone in ambito mobilità, attorno ai quali la costruzione di una condivisione è stata lunga e dispendiosa, di risorse ed energie.
Il Malcantone è senz’altro una delle regioni del nostro Cantone più sollecitate e che patisce maggiormente di infrastrutture non più adeguate rispetto al traffico quotidiano: 27'000 sono i passaggi di veicoli al giorno registrati al Vallone di Agno e 34'000 quelli tra le rotonde di Magliaso e Caslano. Negli ultimi mesi però il problema decennale ha subito un’importante impennata verso la sua risoluzione. Infatti, dopo l’approvazione dei crediti necessari per la realizzazione della tappa prioritaria della rete tram-treno del Luganese, la cui messa in esercizio è prevista per il 2027 e dopo lo stanziamento dei crediti da parte del Gran Consiglio per la posa di semafori lungo la strada cantonale tra Caslano e Ponte Tresa, negli scorsi giorni è stata presentata la nuova circonvallazione Agno-Bioggio: un tracciato rinnovato rispetto a quello del 2011, abbandonato poiché non aveva trovato il sufficiente grado di consenso da parte dei Comuni coinvolti.
Progetti fondamentali, finalizzati a ridare una ventata di ossigeno a una delle regioni più belle ma più martoriate del nostro Cantone, a riportare qualità di vita e dignità agli spazi. In particolare il nuovo tracciato della circonvallazione Agno-Bioggio è una soluzione rispettosa del territorio, accompagnata da accorgimenti ed interventi strutturali finalizzati a ridurre l’impatto paesaggistico dell’opera, sia dal punto di vista visivo, che in termini di razionalizzazione dell’utilizzo del suolo: un percorso in parte in galleria, che ridarà aria ai centri abitati; un progetto da 200 milioni di franchi e quindi di ricadute positive in termini di indotto e di lavoro per le imprese che saranno chiamate a lavorare alla sua edificazione.

Amanda Rückert
Deputata Lega dei Ticinesi in Gran Consiglio
Candidata 46, Lista 14

Guarda anche 

Pazzesco in Prima Lega: il Paradiso discriminato dall’Uzwil

PARADISO – Se le cose sono andate veramente con il presidente del Paradiso ha spiegato, ci troviamo di fronte davvero a un comportamento senza senso e senza rispett...
03.04.2022
Sport

Arbitro minacciato e partita sospesa: è successo di nuovo in Ticino

SAVOSA – Tutti ci ricordiamo quanto è avvenuto sui campi da gioco del nostro calcio regionale a inizio campionato: l’incresciosa rissa tra Semine e Loc...
28.03.2022
Sport

Lugano e criptovalute, un'occasione per guardare al futuro con fiducia

La notizia data dal nostro sindaco è roboante, una di quelle che fa bene alla nostra città, che ci fa guardare avanti con ottimismo, nella speranza che gli ...
12.03.2022
Opinioni

Trasporto illegale di animali scoperto nel canton Grigioni, denunciati i conducenti

Mercoledì verso le 9 del mattino,la polizia cantonale grigionese ha fermato un camion con targhe spagnole che trasportava animali. Il veicolo è stato sot...
03.03.2022
Svizzera