Svizzera, 14 marzo 2019

Accordo quadro, il Consiglio federale continua a non convincere

Sindacati e rappresentanti del padronato hanno incontrato mercoledì a Berna i consiglieri federali Ignazio Cassis e Guy Parmelin per discutere dell'accordo quadro con l'UE.

"Abbiamo presentato le nostre diverse posizioni. Era la prima volta che eravamo tutti intorno a un tavolo. Questo è un primo passo ", ha dettoValentin Vogt, Presidente dell'Unione degli imprenditori svizzeri a Keystone-ATS e ripreso da "Le Matin"..

Da parte sua l'Unione dei datori di lavoro svizzeri sarebbe pronta a sostenere l'accordo quadro a condizione che vengano fornite delle rassicurazioni relative alle misure di accompagnamento.
Da un lato, è importante garantire che i comitati tripartiti e le parti sociali siano responsabili dell'attuazione delle misure di accompagnamento. D'altra parte, la Svizzera deve essere in grado di stabilire nuove misure di sostegno in situazioni eccezionali, ad esempio nel caso di un franco forte o di un massiccio afflusso di manodopera straniera.

Sindacati pronti a lanciare il referendum

L'Unione sindacale svizzera (USS) respinge categoricamente il testo. Se necessario, lancerà il referendum per combatterlo, ha avvertito in un comunicato. Il Consiglio federale ha cercato di far credere che le misure di accompagnamento non siano un problema, ha criticato il capo economista della USS, Daniel Lampart, intervistato da Keystone-ATS.
Ma misure come la protezione dei salari non sono negoziabili e le linee rosse sono ancora valide, afferma Daniel Lampart.

E Travail.Suisse ricorda da parte sua che le misure di accompagnamento sono state definite come una linea rossa nel mandato negoziale dell'accordo. Che ora la loro modifica faccia parte di quest'ultimo è "inaccettabile". L'organizzazione chiede quindi al Consiglio federale di correggere l'indebolimento della protezione dei lavoratori.

Domande aperte

Travail.Suisse sottolinea anche che dopo la consultazione, è difficile immaginare che l'accordo riesca a ottenere una maggioranza politica. Soprattutto perché la protezione dei salari non è l'unico punto a sollevare interrogativi. In particolare, rimangono molte domande aperte sui sussidi a livello cantonale o l'eventuale ripresa della direttiva sulla cittadinanza europea.

Questi temi, oltre al ruolo della Corte di giustizia europea, riguardano anche l'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (usam), ha dichiarato il suo direttore Hans-Ulrich Bigler. L'usam, tuttavia, non ha ancora definito la sua posizione sull'accordo quadro. In linea di principio, sta andando nella giusta direzione, ha detto Mr. Bigler. Il comitato direttivo voterà a fine aprile.

"Sì" dalle associazioni di dipendenti

Le associazioni dei dipendenti sono invece chiaramente a favore dell'accordo. "Questo accordo è una vittoria per la Svizzera e deve essere firmato nella sua forma attuale. Se ci fossero nuovi negoziati, la Svizzera non potrebbe contare su così tante concessioni ", insistono in una dichiarazione congiunta dell'Associazione degli impiegati commerciali, dei dipendenti della Svizzera e dell'Associazione svizzera dei dirigenti. Sebbene non abbiano partecipato direttamente alla consultazione mercoledì, hanno incontrato il Segretario di Stato responsabile delle negoziazioni, Roberto Balzaretti.

La consultazione continua

Le consultazioni sull'accordo quadro quindi continuano, senza che nessuno sembri smarcarsi dalla propria posizione iniziale. Lunedì Ignazio Cassis e Guy Parmelin, accompagnati dal Presidente della Confederazione Ueli Maurer, avevi incontrato i rappresentanti dei partiti presenti in Parlamento con un risultato simile: alla fine dell'incontro i fronti non sembrano essersi spostati.

L'accordo quadro ha anche tenuto occupato il Consiglio degli Stati mercoledì. Con 34 voti favorevoli e 5 contrari, ha respinto una mozione del senatore di Sciaffusa, Thomas Minder, per impedire al Consiglio federale di siglare o firmare il testo. Il Consiglio federale può quindi continuare il processo di consultazione, il quale dovrebbe essere completato durante la primavera.

Guarda anche 

Per Cassis la Svizzera non è una priorità: grazie PLR!

“Non mi sentirete mai dire Switzerland first”. Chi ha pronunciato questa frase? Il manager straniero di una multinazionale? Un soldatino o una soldatina del P...
05.08.2019
Svizzera

Cassis: "Da me non sentirete mai dire che la Svizzera viene per prima"

"Da me non sentirete mai dire Switzerland First": lo afferma il consigliere federale Ignazio Cassis in un intervista pubblicata domenica dal SonntagsBlick, seco...
05.08.2019
Svizzera

Il marito della "zingaraccia" che ha minacciato Salvini: "Ho rubato sì, ma agli svizzeri"

"A Salvini andrebbe tirato un proiettile in testa" è il proposito poco amichevole, ripreso da "Il Giornale", di una zingara residente in Italia...
04.08.2019
Mondo

Svizzera, l’hockey riempie il cuore: per calcio e tennis non c’è gloria

LUGANO – Che l’hockey fosse lo sport nazionale per antonomasia lo si sapeva, che per gli altri sport non ci fosse praticamente storia, però era diffici...
04.08.2019
Sport