Mondo, 06 marzo 2019

UPS sospende il servizio in parti della Svezia perchè diventate zone troppo pericolose

Da due mesi, la compagnia statunitense di consegna a domicilio UPS non effettua consegne nel distretto di Rosmård di Malmö, citando i rischi associati con i trasporti in un quartiere dove, come riporta il quotidiano svedese Expressen, circa il 90 percento della popolazione del quartiere non è etnicamente svedese.

La vicenda è emersa quando Marco Padoan, fotografo freelance e padre di due figli, ha ricevuto un messaggio UPS invece di un pacco, dove si affermava che la sua area non è più servita perché l'azienda non vuole esporre i suoi autisti al rischio di essere aggrediti o derubati.

Un dipendente dell'UPS ha confermato al giornale Sydsvenskan che deii conducenti sono stati attaccati, il che ha provocato l'interruzione delle consegne a Rosengård.

UPS ha precisato che il servizio era stato sospeso due mesi fa. Oltre a Rosengård, ci sono anche alcune aree a Stoccolma dove il servizio
è stato interrotto.

L'azienda americana ha inoltre spiegato a Sydsvenskan che la sospensione del servizio non durerà per sempre, ma non è chiaro quando le consegne a Rosengård saranno riprese.

Rosengård, come detto, è un quartiere con un'altissima percentuale di stranieri e negli ultimi anni è diventato una zona malfata a causa di un picco di criminalità violenta. Afflitto da disoccupazione e povertà, Rosengård è in cima alla lista di quelle "aree vulnerabili" della Svezia, che alcuni media e politici locali definiscono "no-go zone".

Circa la metà dei 330'000 residenti di Malmö sono residenti stranieri e la città è spesso considerata la città più multiculturale della Svezia.

Complessivamente, oltre un quarto della popolazione svedese di 10 milioni è di origine straniera.

Guarda anche 

Si dicono favorevoli ad accogliere un migrante, ma quando gliene viene messo uno davanti si rifiutano

Curioso e simpatico esperimento quello ideato dall'emittente svedese Samnytt TV. In un reportage intitolato "Le persone vogliono davvero ospitare immigrati a cas...
23.03.2019
Mondo

Lui l'accusa di aver pubblicato i loro filmati hard online, per lei si è inventato tutto per vendicarsi

Un quarantenne kosovaro accusa la sua ex compagna di averlo ricattato pubblicando online i loro video intimi, lei invece sostiene che lui sta mentendo per vendicarsi. &Eg...
22.03.2019
Svizzera

Scalpore in Svezia per la prima presentatrice TV con il velo islamico

Da diversi giorni i telespettatori della televisione pubblica svedese SVT si sono visti presentare l'attualità da Cheyma Moufid, una giovane musulmana che indo...
21.03.2019
Mondo

Aveva aggredito una dipendente di un centro per richiedenti l'asilo fino a farle perdere un occhio, condannata a 18 anni di carcere

Il tribunale cantonale di Zurigo ha condannato martedì una richiedente l'asilo per tentato omicidio ad una reclusione di 18 anni, confermando così il ve...
21.03.2019
Svizzera
x