Svizzera, 28 febbraio 2019

Entrano in vigore le nuove procedure d'asilo, da domani ogni richiedente l'asilo avrà diritto ad un avvocato gratuito

La riforma dell'asilo entra in vigore a partire da domani primo marzo. Le procedure di asilo, stando al nuovo ministro della giustizia e della polizia Karin Keller-Sutter, saranno più veloci e allo stesso tempo ogni richiedente l'asilo avrà diritto ad essere rappresentato e consigliato gratuitamente dal punto di vista giuridico.

La grande riforma, ideata a suo tempo dalla consigliere federale Simonetta Sommaruga, è il risultato di una stretta collaborazione tra Confederazione, cantoni, città e comuni è stata presentata oggi alla stampa, presentazione di cui "20 minutes" ha scritto un riassunto. Combattuta da un refenderum dell'UDC, la riforma è stata approvata a giugno 2016 da oltre il 66% dei votanti dopo otto lavori nel "miglior spirito federale", ha dichiarato Keller-Sutter alla stampa.

L'accelerazione delle procedure renderà la Svizzera meno attraente per il deposito di domande di asilo ingiustificate e consentirà una più rapida integrazione dei rifugiati riconosciuti, secondo Keller-Sutter. Questa è la chiave per una politica credibile in materia di asilo, ha affermato il ministro, e la fattura dell'assistenza sociale verrà ridotta e la coesione sociale sarà rafforzata.

Il responsabile del progetto, il Segretario di Stato per le migrazioni Mario Gattiker era ottimista riguardo al successo della riforma. "Anche se problemi di avviamento non sono esclusi, le autorità saranno in grado di apportare le modifiche necessarie, se necessario."

L'idea centrale è di riunire tutti gli attori nei principali centri federali per condurre il processo più rapidamente. La maggior parte delle procedure dovrà essere completata al massimo in 140 giorni. Solo i candidati che richiedono una procedura estesa saranno assegnati ai cantoni e dovrebbero essere definitivamente assicurati del loro destino entro un anno dal deposito della domanda di asilo.

Test pilota “incoraggianti”

Le nuove procedure sono peraltro già state testate a Zurigo dal 2014 e a Boudry (NE) in collaborazione con Chevrilles (FR) dall'aprile 2018. Secondo Gattiker, le procedure a Zurigo sarebbero state accorciate di un terzo rispetto all'attuale sistema e anche il numero di ricorsi è stato ridotto di un terzo e tre volte in più di richiedenti hanno volontariamente fatto ritorno al loro paese.
I dati sono comparabili sul lato romando, ha detto Gattiker. Un bilancio intermedio dovrebbe essere pubblicato presto.

Durante la conferenza stampa qualcuno ha menzionato il caso di un richiedente asilo che non riusciva a convincere il suo avvocato a presentare ricorso e ha dovuto rivolgersi ad un avvocato esterno per depositarne uno e vincere il suo caso.

Il consiglio non è obbligato a presentare ricorso, deve svolgere il proprio lavoro secondo coscienza e i candidati possono scegliere un altro rappresentante. Determinate organizzazioni saranno selezionate per fornire consulenza legale nei centri e per far fronte alle fluttuazioni nel numero di richiedenti e adattare il personale ai bisogni del momento.

Guarda anche 

"La metà dei migranti malati scappa prima di terminare il trattamento sanitario iniziato", tra questi casi di tubercolosi e hiv

La metà dei migranti che giungono in Italia interrompono il trattamento sanitario iniziato scappando dalla struttura di cui erano ospiti. A riferirlo è il d...
14.11.2019
Mondo

Una Svizzera giovane, grintosa e… vincente! Funziona la formula di Fischer

KREFELD (Germania) – Dopo i buoni risultati ottenuti negli scorsi anni ai Mondiali, e con il prossimo appuntamento iridato casalingo che si avvicina, la Svizzera st...
11.11.2019
Sport

Un nuovo fenomeno inquieta Berna: gli asilanti della salute

Vengono in Svizzera pur sapendo di non avere alcuna chance di ottenere l’asilo. Ma tanto a loro non interesse ricevere protezione. Il loro obiettivo è farsi ...
10.11.2019
Svizzera

L'aiuto ai clandestini continuerà ad essere un reato

Le persone che aiutano i migranti ad entrare illegalmente nel Paese saranno comunque punite. La commissione competente del Consiglio nazionale ha respinto con 15 voti fav...
09.11.2019
Svizzera