Svizzera, 25 febbraio 2019

Gli hacker all'assalto del e-voting della Posta, 150'000 franchi in palio

Gli hacker hanno quattro settimane per provare a trovare dei difetti nel sistema di voto elettronico della Posta Svizzera. Circa 2'700 persone hanno risposto alla sfida iniziata lunedì e coloro che troveranno degli errori saranno ricompensati.

L'entusiasmo generato dal test è un successo, ha dichiarato Denis Morel, responsabile del voto elettronico a La Posta,. "Le discussioni sono già state vivaci nelle ultime settimane e siamo contenti del dibattito", ha detto in una conferenza stampa, ripreso da “20 minutes”.

Questo test di intrusione pubblica non ha lo scopo di dimostrare che il voto elettronico è sicuro, ma deve identificare vulnerabilità sconosciute ed eliminarle. Il processo è anche trasparente, spiega Olivier Sypcher, Responsabile del progetto di evoting presso la Cancelleria federale.

È stata lei a lanciare all'inizio di febbraio un appello alle persone che desiderano partecipare a questo test. L'operazione è finanziata dalla Confederazione e dai Cantoni fino a 250'000 franchi, di cui 150'000 a titolo di risarcimento.

Gli hacker dovevano registrarsi online per partecipare al test aperto a tutti. Circa un quarto di loro sono svizzeri, ma il test ha attirato hacker da ben oltre i confini elvetici, come francesi e americani, ma anche indiani, turchi e ucraini.

Le operazioni iniziate lunedì si concluderanno il 24 marzo. Gli hacker proveranno a manipolare i voti, leggere i voti espressi, violare la segretezza delle votazioni e delle cessioni o bypassare i dispositivi di sicurezza. I risultati di questo test possono essere pubblicati.

Ricompense fino a 50'000 franchi

Le persone che scopriranno errori e vulnerabilità nel sistema riceveranno una compensazione finanziaria. Ciò dipenderà dalla gravità dell'errore. In cima alla lista, una manipolazione non autorizzata dei voti sarà premiata con una compensazione tra 30'000 e 50'000 franchi.

Questo test di intrusione è parte del progetto di generalizzazione del voto elettronico. La Posta ha sviluppato un sistema che deve offrire una completa trasparenza, come garantire l'identificazione di malfunzionamenti a seguito di errori del software, errori umani o tentativi di manipolazione.
La legge federale richiede che questo sistema sia certificato prima del suo primo utilizzo e che il suo codice sorgente sia pubblicato.

Iniziativa contro il voto elettronico

Il voto elettronico è già stato utilizzato con risultati misti in oltre 300 votazioni in quindici cantoni, afferma Mirjam Hostettler della Cancelleria federale. In particolare, Ginevra ha lasciato perdere la sua introduzione a causa delle spese di sicurezza e il Giura, insieme a altri cantoni svizzerotedeschi, hanno fatto una croce sull'argomento.

Un comitato interpartitico chiede inoltre che il popolo si esprima sull'introduzione del voto elettronico. Ha annunciato a fine gennaio un'iniziativa popolare per introdurre una moratoria sul voto elettronico. Per gli iniziativisti, il sistema attuale non è né sicuro né trasparente. Ecco perché vogliono vietare il voto elettronico per almeno cinque anni.

Guarda anche 

Gli svizzeri (e i ticinesi) rimangono a casa? La risposta di Google

Lo scorso venerdì google ha pubblicato i dati sui movimenti dei suoi utenti in 131 paesi. Come si vede nel grafico sotto, in Svizzera i movimento verso il posto la...
05.04.2020
Svizzera

“Non ho più sintomi, eppure il tampone è ancora positivo”. Moglie e figli sono in Svizzera

ROMA (Italia) – Sono passati circa 10 giorni da quando Nicola Porro, noto giornalista italiano, ha annunciato di aver contratto il coronavirus. Le sue condizioni or...
23.03.2020
Magazine

Arriva l’ufficialità: annullati i nostri Mondiali di hockey!

ZURIGO – Lo si immaginava, lo si supponeva e si attendeva soltanto l’ufficialità che è arrivata in questi minuti: i Mondiali di hockey su ghiacc...
21.03.2020
Sport

Migliaia di svizzeri sono bloccati all'estero

Le vacanze e i soggiorni all'estero di migliaia di cittadini svizzeri si sono rapidamente trasformati in un incubo nelle scorse. Con le restrizioni al traffico aereo ...
19.03.2020
Svizzera