Svizzera, 25 febbraio 2019

Gli hacker all'assalto del e-voting della Posta, 150'000 franchi in palio

Gli hacker hanno quattro settimane per provare a trovare dei difetti nel sistema di voto elettronico della Posta Svizzera. Circa 2'700 persone hanno risposto alla sfida iniziata lunedì e coloro che troveranno degli errori saranno ricompensati.

L'entusiasmo generato dal test è un successo, ha dichiarato Denis Morel, responsabile del voto elettronico a La Posta,. "Le discussioni sono già state vivaci nelle ultime settimane e siamo contenti del dibattito", ha detto in una conferenza stampa, ripreso da “20 minutes”.

Questo test di intrusione pubblica non ha lo scopo di dimostrare che il voto elettronico è sicuro, ma deve identificare vulnerabilità sconosciute ed eliminarle. Il processo è anche trasparente, spiega Olivier Sypcher, Responsabile del progetto di evoting presso la Cancelleria federale.

È stata lei a lanciare all'inizio di febbraio un appello alle persone che desiderano partecipare a questo test. L'operazione è finanziata dalla Confederazione e dai Cantoni fino a 250'000 franchi, di cui 150'000 a titolo di risarcimento.

Gli hacker dovevano registrarsi online per partecipare al test aperto a tutti. Circa un quarto di loro sono svizzeri, ma il test ha attirato hacker da ben oltre i confini elvetici, come francesi e americani, ma anche indiani, turchi e ucraini.

Le operazioni iniziate lunedì si concluderanno il 24 marzo. Gli hacker proveranno a manipolare i voti, leggere i voti espressi, violare la segretezza delle votazioni e delle cessioni o bypassare i dispositivi di sicurezza. I risultati di questo test possono essere pubblicati.

Ricompense fino a 50'000 franchi

Le persone che scopriranno errori e vulnerabilità nel sistema riceveranno una compensazione finanziaria. Ciò dipenderà dalla gravità dell'errore. In cima alla lista, una manipolazione non autorizzata dei voti sarà premiata con una compensazione tra 30'000 e 50'000 franchi.

Questo test di intrusione è parte del progetto di generalizzazione del voto elettronico. La Posta ha sviluppato un sistema che deve offrire una completa trasparenza, come garantire l'identificazione di malfunzionamenti a seguito di errori del software, errori umani o tentativi di manipolazione.
La legge federale richiede che questo sistema sia certificato prima del suo primo utilizzo e che il suo codice sorgente sia pubblicato.

Iniziativa contro il voto elettronico

Il voto elettronico è già stato utilizzato con risultati misti in oltre 300 votazioni in quindici cantoni, afferma Mirjam Hostettler della Cancelleria federale. In particolare, Ginevra ha lasciato perdere la sua introduzione a causa delle spese di sicurezza e il Giura, insieme a altri cantoni svizzerotedeschi, hanno fatto una croce sull'argomento.

Un comitato interpartitico chiede inoltre che il popolo si esprima sull'introduzione del voto elettronico. Ha annunciato a fine gennaio un'iniziativa popolare per introdurre una moratoria sul voto elettronico. Per gli iniziativisti, il sistema attuale non è né sicuro né trasparente. Ecco perché vogliono vietare il voto elettronico per almeno cinque anni.

Guarda anche 

Clima, quasi la metà degli svizzeri si dice pronto a prendere meno l'aereo

Quasi la metà degli svizzeri si dice pronto a rinunciare almeno in parte all'aereo per ridurre il proprio impatto ambientale. Lo afferma un sondaggio condotto ...
17.06.2019
Svizzera

Xhaka… ancora con l’Aquila? Perseverare può essere controproducente

PRISTINA (Kosovo) – La scorsa estate il Mondiale della Svizzera ha fatto parlare non tanto per l’eliminazione subita – guarda caso – agli ottavi d...
17.06.2019
Sport

Cassis contro la SSR, "il DFAE ha pubblicato informazioni false"

Jean-Marc Crevoisier, capo della comunicazione del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), aveva presentato reclamo al ombusdamn della SSR Roger Blum per il mod...
17.06.2019
Svizzera

Presto dei docenti robot nelle scuole svizzere?

Presto nelle scuole svizzere ci saranno dei robot a insegnare, a sostegno dei docenti. Ne è convinto Beat Zemp, presidente centrale della federazione Docenti svizz...
15.06.2019
Svizzera