Opinioni, 21 febbraio 2019

Nicholas Marioli – È invasione di docenti provenienti da oltre confine?

Negli scorsi giorni, alcuni studenti del Liceo di Lugano 1, hanno reso pubblica una lettera aperta nella quale segnalavano che vi sarebbero numerose assunzioni di docenti provenienti da oltre confine. Maggioranza dei quali, secondo gli scriventi della segnalazione, avrebbero importanti lacune nelle conoscenze delle lingue nazionali e della civica.

Ecco un estratto dello scritto apparso sui media: “(…) Oltretutto, nell'istituto un tempo glorioso, continuano a sbarcare frotte di docenti economici in fuga dalla Fallitalia (dove farebbero la fame) assunti perché vincono i concorsi scolastici pur non avendo nessuna conoscenza di altre due lingue nazionali, del territorio, della cultura e delle istituzioni del Cantone e della Confederazione. Un vero schifo! (…)” Situazione di disparità inaccettabile per i ticinesi e le ticinesi, o anche per i residenti di lunga data,
che hanno frequentato la formazione accademica in Svizzera e che da tempo sono alla ricerca di un posto di lavoro in qualità di insegnante. È necessario fare chiarezza al più presto. Visto quanto precede, chiedo:

1. Quanti sono i docenti presso le Scuole Medie Superiori ticinesi che sono titolari di un permesso G? Quanti sono quelli che possiedono un permesso B?

2. Quanti di questi hanno frequentato la formazione accademica all’estero?

3. Vengono verificate le conoscenze delle lingue nazionali, rispettivamente territoriali e civiche, dei candidati quali docenti?

4. In caso di risposta affermativa, quale criterio preferenziale viene assegnato per le assunzioni? 5. Nell’ambito dei concorsi quali docenti, viene assegnata la preferenza, a parità di requisiti, ai residenti?

Nicholas Marioli  

Guarda anche 

“C’era una volta il tetto verde”

La nuova scuola dell'infanzia di Sonvico è al centro di un'interpellanza presentata Lucia Minotti, consigliera comunale per la Lega dei Ticinesi, e co-firm...
12.01.2024
Ticino

Degli allievi circondano un insegnante e gridano “Allah akbar”

Un episodio avvenuto nel cortile della scuola elementare Bethlehemacker di Berna sta facendo discutere la regione della Capitale. Diversi allievi di quinta e sesta elemen...
21.12.2023
Svizzera

Tre giorni dopo il suo arrivo in Svizzera entra in una scuola e semina il caos urlando “Allah akbar”

La polizia cantonale di Neuchâtel ha arrestato venerdì un cittadino algerino che era entrato nel perimetro di una scuola elementare di Cortaillod e che aveva...
10.12.2023
Svizzera

Per la scuola: più trasparenza, meno ideologia! La scuola, il Decs e l’ultima crociata.

Un Messaggio che scotta Compito arduo e non invidiabile quello della direttrice del Decs Marina Carobbio. Tra le sue mani subito una patata che scotta. E non mi riferi...
07.12.2023
Opinioni

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto