Svizzera, 20 febbraio 2019

"Preferirei che i jihadisti in Siria siano giudicati dove sono"

Prendendo posizione riguardo alla questione del rimpatrio dei jihadisti con il passaporto svizzero prigionieri in Siria, la consigliere federale Karin Keller-Sutter ha detto martedì alla RTS che "preferirebbe che fossero processati in loco". Ha inoltre evidenziato i pericoli di tali rimpatri per gli svizzeri.

"Queste persone sono in una zona di guerra dove minacciata dal terrorismo e lo Stato Islamico", afferma Karin Keller-Sutter, intervistata nella mattina di martedì.

"Per me, la priorità resta la sicurezza della popolazione svizzera e le forze dell'ordine svizzere. Possiamo mettere in pericolo la popolazione svizzera per rimpatriare le persone che hanno lasciato di propria iniziativa alla guerra in Siria e Iraq?" si chiede la consigliere federale alla testa del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Giudizio difficile

Karin Keller-Sutter discute poi le difficoltà di giudicare questi jihadisti. "È possibile giudicarli sul posto? Questo è quello che preferirei," dice.

"Raccogliere le prove, con una procedura normale, è già abbastanza difficile, quindi può immaginare le difficoltà che avrebbero i tribunali svizzeri se devono improvvisamente giudicare qualcosa che è successo in Siria".

Donne e bambini

Alla domanda se tra le persone interessate, ci sono anche bambini, la consigliere federale ha risposto: "Sì, si stima che ci sono bambini, ma non tutti i bambini sono "bambini". La situazione è diversa se si tratta di bambini piccoli o quindicenni. Nel secondo caso sappiamo che possono già essere degli estremisti ".

Karin Keller-Sutter ha anche commentato la questione delle donne. "Alcune donne, estremiste hanno aiutato gli uomini, quindi la domanda non è così semplice, bisogna vedere caso per caso."

Guarda anche 

In Austria vietato indossare il velo islamico nelle scuole elementari

In Austria sarà vietato indossare "copricapi a carattere religioso" nella scuola elementare sotto pena di una multa di 440 euro, secondo una legge adotta...
18.05.2019
Mondo

“Swiss stop islamization award”, al via la seconda edizione

E’ partita in questi giorni l’organizzazione della seconda edizione del premio nazionale intitolato “Swiss Stop Islamization Award” ideato dal mo...
16.05.2019
Svizzera

Un presunto capo dell'ISIS si trova in carcere in Svizzera

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sta indagando su un uomo sospettato di avere ricoperto una posizione di primo piano nello Stato islamico (ISIS). Questa p...
16.05.2019
Svizzera

Rifugiato con tre mogli, 14 figli e nessun lavoro: “Non vedo l'ora che diventiamo tedeschi”

Abboud Sweid è un rifugiato siriano che ha ottenuto asilo in Germania nel 2015. Ha tre mogli e 13 figli, che presto saranno 14. Dal momento che non lavora, lo stat...
13.05.2019
Mondo