Svizzera, 20 febbraio 2019

"Preferirei che i jihadisti in Siria siano giudicati dove sono"

Prendendo posizione riguardo alla questione del rimpatrio dei jihadisti con il passaporto svizzero prigionieri in Siria, la consigliere federale Karin Keller-Sutter ha detto martedì alla RTS che "preferirebbe che fossero processati in loco". Ha inoltre evidenziato i pericoli di tali rimpatri per gli svizzeri.

"Queste persone sono in una zona di guerra dove minacciata dal terrorismo e lo Stato Islamico", afferma Karin Keller-Sutter, intervistata nella mattina di martedì.

"Per me, la priorità resta la sicurezza della popolazione svizzera e le forze dell'ordine svizzere. Possiamo mettere in pericolo la popolazione svizzera per rimpatriare le persone che hanno lasciato di propria iniziativa alla guerra in Siria e Iraq?" si chiede la consigliere federale alla testa del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Giudizio difficile

Karin Keller-Sutter discute poi le difficoltà di giudicare questi jihadisti.
"È possibile giudicarli sul posto? Questo è quello che preferirei," dice.

"Raccogliere le prove, con una procedura normale, è già abbastanza difficile, quindi può immaginare le difficoltà che avrebbero i tribunali svizzeri se devono improvvisamente giudicare qualcosa che è successo in Siria".

Donne e bambini

Alla domanda se tra le persone interessate, ci sono anche bambini, la consigliere federale ha risposto: "Sì, si stima che ci sono bambini, ma non tutti i bambini sono "bambini". La situazione è diversa se si tratta di bambini piccoli o quindicenni. Nel secondo caso sappiamo che possono già essere degli estremisti ".

Karin Keller-Sutter ha anche commentato la questione delle donne. "Alcune donne, estremiste hanno aiutato gli uomini, quindi la domanda non è così semplice, bisogna vedere caso per caso."

Guarda anche 

Keller-Sutter chiede una riforma di Schengen-Dublino, "attesi grandi movimenti migratori"

Durante una riunione informale dei ministri della giustizia e degli affari interni dell'UE Karin Keller-Sutter ha chiesto una riforma del sistema Schengen-Dublino sos...
16.07.2021
Mondo

L’islamizzazione avanza grazie agli “utili idioti” e ai “collaborazionisti”

La votazione del 7 marzo sull’iniziativa antiburqa ha messo in luce un fatto preoccupante in ottica futura. Quasi la metà dei cittadini ha votato contro l&rs...
14.07.2021
Opinioni

L'Austria mette al bando i Fratelli Musulmani

L’Austria è il primo Paese europeo ad aver bandito la Fratellanza Musulmana, una delle più importanti associazioni dell’islam pol...
14.07.2021
Svizzera

Giovane svizzera si converte all’Islam, poi vuole tagliare la gola all’ex fidanzato

Una 22enne svizzera compare oggi a processo nel canton Svitto con l’accusa di aver tentato di uccidere l’ex fidanzato afghano e sua madre. Il Ministero pubbli...
02.07.2021
Svizzera