Svizzera, 20 febbraio 2019

"Preferirei che i jihadisti in Siria siano giudicati dove sono"

Prendendo posizione riguardo alla questione del rimpatrio dei jihadisti con il passaporto svizzero prigionieri in Siria, la consigliere federale Karin Keller-Sutter ha detto martedì alla RTS che "preferirebbe che fossero processati in loco". Ha inoltre evidenziato i pericoli di tali rimpatri per gli svizzeri.

"Queste persone sono in una zona di guerra dove minacciata dal terrorismo e lo Stato Islamico", afferma Karin Keller-Sutter, intervistata nella mattina di martedì.

"Per me, la priorità resta la sicurezza della popolazione svizzera e le forze dell'ordine svizzere. Possiamo mettere in pericolo la popolazione svizzera per rimpatriare le persone che hanno lasciato di propria iniziativa alla guerra in Siria e Iraq?" si chiede la consigliere federale alla testa del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Giudizio difficile

Karin Keller-Sutter discute poi le difficoltà di giudicare questi jihadisti. "È possibile giudicarli sul posto? Questo è quello che preferirei," dice.

"Raccogliere le prove, con una procedura normale, è già abbastanza difficile, quindi può immaginare le difficoltà che avrebbero i tribunali svizzeri se devono improvvisamente giudicare qualcosa che è successo in Siria".

Donne e bambini

Alla domanda se tra le persone interessate, ci sono anche bambini, la consigliere federale ha risposto: "Sì, si stima che ci sono bambini, ma non tutti i bambini sono "bambini". La situazione è diversa se si tratta di bambini piccoli o quindicenni. Nel secondo caso sappiamo che possono già essere degli estremisti ".

Karin Keller-Sutter ha anche commentato la questione delle donne. "Alcune donne, estremiste hanno aiutato gli uomini, quindi la domanda non è così semplice, bisogna vedere caso per caso."

Guarda anche 

In Svizzera solo perchè non può essere espulso, un estremista islamico insegna religione a giovani e bambini

Un islamista ex membro dell'ISIS che può rimanere in Svizzera solo perchè non può essere espulso insegna arabo e religione. Attivo nella moschea ...
12.05.2022
Svizzera

Un "sex tape" girato al museo musulmano finisce in tribunale

Un singolare caso di estorsione, ricatto e violazione della proprietà privata riguardante il Museo delle Civiltà Islamiche di Neuchâtel è st...
12.04.2022
Svizzera

Confermato il ritiro del passaporto svizzero a un estremista islamico residente in Ticino

Il Tribunale federale ha confermato il ritiro del passaporto svizzero a uomo con la doppia cittadinanza svizzera e turca per aver fatto propaganda al gruppo islamico al-N...
09.04.2022
Ticino

Ecco i vincitori dello “Swiss Stop Islamization Award 2022”

I vincitori della quinta edizione del premio nazionale e internazionale “Swiss Stop Islamization Award”, ideato e organizzato dal movimento politico &ldquo...
22.03.2022
Svizzera