Opinioni, 18 febbraio 2019

Antonio Caggiano – "La sinistra ha dato dimostrazione di non sapere dialogare senza insultare e denigrare gli interlocutori"

Sabato sera sono stato ospite a Tele Ticino nella trasmissione “Sotto a chi tocca”. È stata l’occasione, concessa a circa 70 candidati al Gran Consiglio, per presentarsi e parlare delle proprie proposte politiche, nell’ambito di una maratona di circa 10 ore di diretta televisiva. Non si era mai vista una trasmissione di questo tipo e di questa qualità nel panorama televisivo ticinese.

Mi sono trovato molto bene, in un contesto piacevole e professionale, condotto alla grande da un magistrale Matteo Pelli, presentatore molto equilibrato e capace di dare il giusto spazio agli ospiti presenti in studio. Non tutti però hanno saputo gestire, nel modo che dovrebbe essere proprio di chi si candida ad un ruolo importante nella politica ticinese, la libertà e lo spazio che ieri ci sono stati gentilmente concessi. Faccio nomi e cognomi, senza problemi e senza esitazioni: mi riferisco al candidato per il Partito Socialista, Ruben Notari.

Questo signore ieri ha fatto il suo ennesimo show, forse pensando
di essere un comico piuttosto che un politico. Ha mancato di rispetto al contesto che lo ospitava, mettendo a disagio il buon Matteo Pelli, rinfacciandogli il suo cognome importante, pur facendo un giro di parole condite da ruffianeria spicciola. Per l’ennesima volta la sinistra ha dato dimostrazione della pasta di cui sono fatti i suoi candidati, incapaci di dialogare senza insultare e denigrare gli interlocutori.

Spocchia, presunzione, maleducazione mascherata da schiettezza, atteggiamenti a cui siamo abituati da tempo. Se questo deve essere l’approccio politico della sinistra mi auguro che il 7 di aprile gli elettori sappiano presentare il conto a questi politici, che rappresentano solo la mancanza di rispetto verso gli altri. Serve sempre grande riguardo nei confronti delle persone e delle istituzioni, e questi personaggi non meritano di rappresentare una parte del popolo ticinese in Parlamento.

Antonio Caggiano, canditato al Gran Consiglio.  Lista 14, candidato 27

 

Guarda anche 

Tutti contro Lugano

Quando c’è da riconoscere a Lugano il suo ruolo trainante a livello cantonale, concedendogli quanto gli è dovuto, al di là e al di qu...
08.06.2021
Opinioni

Legge sul CO2: una minaccia sociale

La nuova legge sul CO2 minaccia un aumento della burocrazia e dei costi supplementari. La politica sta pertanto esagerando. Al centro della politica sul clima non c&...
08.06.2021
Opinioni

L'autogestione è ingestibile: sosteniamo il sindaco

Lo smantellamento dell’ex Macello di Lugano, durante la notte di sabato sera, non ha placato gli animi degli autogestiti. Tant’è che ieri, lunedì...
01.06.2021
Opinioni

Fermate quella manifestazione illegale

Lo sgombero di quello che ormai tutti conoscono come Ex-Macello, ma che in verità è un covo di autogestiti, è stato ufficializzato lo scorso 18 marzo...
28.05.2021
Opinioni