Mondo, 13 febbraio 2019

Per George Soros l'Unione europea farà la fine dell'Unione sovietica "se la maggioranza pro-UE non si sveglia"

La "maggioranza addormentata dell'Europa" deve "svegliarsi" prima che l'Unione Europea faccia la fine dell'Unione Sovietica, ha avvertito il miliardario George Soros, aggiungendo che i partiti politici europei devono dare la priorità agli interessi dell'UE.
I partiti politici pro-UE devono raccogliere il loro sostegno in vista delle cruciali elezioni del Parlamento europeo di maggio, ha scritto l'imprenditore ungherese-americano e il controverso magnate in un editoriale pubblicato sul sito "Project Syndicate".

L'UE è come "un sonnambulo che cammina verso il dimenticatoio" e potrebbe presto incontrare la stessa fine dell'Unione Sovietica, sostiene Soros. Per evitare la catastrofe, afferma, i partiti politici "della parte giusta" devono resistere al richiamo del scetticismo verso l'UE crescente in tutto il continente e "mettere gli interessi europei davanti ai loro".

Ha castigato la coalizione di governo tedesca per non essere sufficientemente pro-UE per paura di perdere a favore del partito di destra "alternativa per la Germania" (AfD), mentre elogia i verdi tedeschi per essere "l'unico partito coerentemente pro-europeo nel paese".

Il risoluto oppositore della Brexit sostiene che non sarebbe troppo tardi per il Regno Unito per tenere un altro referendum, "o, ancora meglio, per revocare la notifica dell'Articolo 50 della Gran Bretagna", l'articolo della legge europea che sancisce l'uscita l'uscita del Regno Unito dall'UE .

Nel Regno Unito, il miliardario è stato aspramente criticato per aver speso oltre 800.000 sterline (circa un milione di franchi) per le campagne pro-UE, tra cui 400'000 per "Best for UK", un gruppo di attivisti che si batte per annullare il risultato del referendum del 2016, quando i britannici votarono per l'uscita dall'Unione europea.

Sul tema dell'Italia, Soros ha rimproverato all'UE di "applicare rigorosamente" un accordo "che ingiustamente grava su paesi come l'Italia in cui i migranti entrano per la prima volta nell'UE". Di conseguenza, il massiccio afflusso di migranti in Europa ha trasformato l'Italia da paese pro-UE in un baluardo del populismo, si lamenta Soros.

Curiosamente, ha omesso di menzionare che lui è un importante sostenitore della politica immigrazionista dell'UE, politica che è la prima causa per cui l'Italia è oggi un paese inondato di richiedenti l'asilo.

Rivolgendosi al suo arcinemico - il governo ungherese del primo ministro Viktor Orban - Soros ha affermato che le alleanze transeuropee devono mostrare più spina dorsale e non essere "dettate dall'interesse personale dei leader dei partiti".

Ha sostenuto che il Partito popolare europeo (PPE) è "il peggior criminale" in questo senso perché continua a concedere l'adesione al partito Fidesz di Orban, presumibilmente "al fine di preservare la sua maggioranza e controllare l'assegnazione dei migliori posti di lavoro nell'UE".

Soros è stato ripetutamente accusato da Orban di usare la sua ricchezza per spingere le politiche pro-migranti sull'Ungheria conservatrice e anti-immigrazione e in gran parte del mondo occidentale.

"Soros ha antagonizzato non solo noi, ma anche l'Inghilterra, il presidente Trump e anche Israele", ha detto Orban a febbraio. "Vuole promuovere ovunque l'immigrazione. Ma non funzionerà. Non siamo soli e combatteremo insieme ... e ci riusciremo. "

L'Ungheria ha persino approvato una legge denonimata Stop Soros, volta a punire coloro che forniscono assistenza ai migranti che tentano di entrare illegalmente nel paese dell'Europa centrale.

Se i leader politici europei non riescono a fermare l'ascesa di partiti politici populisti all'interno dell'UE, "il sogno di un'Europa unita potrebbe diventare l'incubo del 21 ° secolo", afferma Soros. Purtroppo, Soros non approfondisce il motivo per cui crede che la volontà democratica degli europei, ultimo esempio in ordine di tempo la Brexit, rappresenti una minaccia terribile per la sua grande visione di un'Europa "unita".

Guarda anche 

Albania e Macedonia del Nord presto nell'UE? "Si dia avvio ai negoziati di adesione"

L'Unione europea deve iniziare i negoziati per l'adesione della Macedonia del Nord e dell'Albania, ma nessuna decisione verrà presa nei prossimi giorni...
14.06.2019
Mondo

L'Unione europea non la vuole più nessuno

Da una parte Donald Trump si prende il Regno Unito sotto il braccio e spera nella Brexit per firmare un accordo “formidabile” con il Regno Unito. Da...
13.06.2019
Mondo

"Accordo quadro: proposte scandalose"

La Lega dei Ticinesi, in un comunicato trasmesso ai media, prende posizione sull'accordo quadro, in seguito alle dichiarazioni del presidente della Commissione europe...
12.06.2019
Svizzera

La Svizzera sempre sulla lista grigia dell'UE

Dopo l'accettazione della riforma Riforma fiscale e finanziamento dell'AVS (RFFA), accolta in votazione popolare lo scorso 19 maggio, la Svizzera dovrebbe essere ...
10.06.2019
Svizzera