Svizzera, 11 febbraio 2019

Nel 2018 regolarizzato un numero record di clandestini in Svizzera

In Svizzera l'anno scorso sono stati regolarizzati 840 clandestini, un aumento del 20% rispetto all'anno precedente. Vi sono tra 50'000 e 100'000 stranieri senza permesso di soggiorno in Svizzera, secondo una stima del 2015. Sono richiedenti asilo la cui domanda è stata respinta, stranieri che non hanno mai avuto documenti o il cui permesso è scaduto.

Quasi il 90% di questi, principalmente dall'America Latina, lavora nell'edilizia, nella ristorazione o in economie domestiche private, secondo uno studio del Segretariato di Stato per la migrazione (SEM). In costante aumento dal 2015, il numero di regolarizzazioni non è mai stato maggiore rispetto allo scorso anno.

A 840 stranieri illegalmente presenti in Svizzera è stato quindi dato il permesso di vivere e lavorare in Svizzera, ha detto domenica il portavoce del SEM a Keystone-ATS Lukas Rieder, confermando informazioni pubblicate ieri dalla "NZZ am Sonntag". Di questi, 716 sono stranieri senza permesso di soggiorno valido e 124 richiedenti asilo la cui domanda era stata respinta. I cantoni di Ginevra e Vaud sono i cantoni in cui vi sono stati il maggior numero di regolarizzazioni. Il primo grazie al progetto pilota Papyrus, lanciato nel 2017 dal Consigliere di Stato Pierre Maudet, il cui obiettivo era la regolarizzazione di quasi 2000 clandestini fino alla fine del 2018.

Oltre a Ginevra, i cantoni maggiormente toccati dal fenomeno dei clandestini sono Vaud, Basilea, Berna e Zurigo. Solo la città di Zurigo ha circa 14'000 residenti che vi soggiornano illegalmente. Sulle rive della Limmat, contro la volontà del suo esecutivo, il consiglio comunale ha recentemente approvato una mozione che chiede a tutti i residenti della città, compresi i migranti privi di documenti, di poter ottenere e utilizzare una carta d'identità. La città di Berna aveva annunciato alcuni mesi prima che stava progettando di introdurre a sua volta una "City Card".

La questione dei clandestini sarà oggetto di una revisione completa a livello federale, comprese le lezioni apprese dall'operazione Papyrus. Il Consiglio nazionale ha tacitamente adottato un postulato dal suo Comitato per le istituzioni politiche.

Guarda anche 

La crisi afghana si fa già sentire, aumento del 60% delle domande d'asilo in agosto

Nel mese di agosto, la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM) ha registrato 1556 domande di asilo. Il maggior numero di domande, 330, proveniva dall'Afghanistan ...
16.09.2021
Svizzera

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport

Ci sarebbero anche degli aerei svizzeri nell'arsenale finito tra le mani dei talebani

Tra il considerevole arsenale finito tra le mani dei talebani dopo la loro riconquista lampo dell'Afghanistan (vedi articoli correlati) ci sarebbero anche aerei svizz...
12.09.2021
Svizzera

Seferovic spreca, la Svizzera si riscopre “piccola”. Vantaggio sull’Italia già bruciato

BELFAST (Irlanda del Nord) – Partiamo da un presupposto: andare a vincere a Belfast, nel temibile catino del Windsor Park, non è mai facile per nessuno. Figu...
09.09.2021
Sport