Svizzera, 11 febbraio 2019

Nel 2018 regolarizzato un numero record di clandestini in Svizzera

In Svizzera l'anno scorso sono stati regolarizzati 840 clandestini, un aumento del 20% rispetto all'anno precedente. Vi sono tra 50'000 e 100'000 stranieri senza permesso di soggiorno in Svizzera, secondo una stima del 2015. Sono richiedenti asilo la cui domanda è stata respinta, stranieri che non hanno mai avuto documenti o il cui permesso è scaduto.

Quasi il 90% di questi, principalmente dall'America Latina, lavora nell'edilizia, nella ristorazione o in economie domestiche private, secondo uno studio del Segretariato di Stato per la migrazione (SEM). In costante aumento dal 2015, il numero di regolarizzazioni non è mai stato maggiore rispetto allo scorso anno.

A 840 stranieri illegalmente presenti in Svizzera è stato quindi dato il permesso di vivere e lavorare in Svizzera, ha detto domenica il portavoce del SEM a Keystone-ATS Lukas Rieder, confermando informazioni pubblicate ieri dalla "NZZ am Sonntag". Di questi, 716 sono stranieri senza permesso di soggiorno valido e 124 richiedenti asilo la cui domanda era stata respinta. I cantoni di Ginevra e Vaud sono i cantoni in cui vi sono stati il maggior numero di regolarizzazioni. Il primo grazie al progetto pilota Papyrus, lanciato nel 2017 dal Consigliere di Stato Pierre Maudet, il cui obiettivo era la regolarizzazione di quasi 2000 clandestini fino alla fine del 2018.

Oltre a Ginevra, i cantoni maggiormente toccati dal fenomeno dei clandestini sono Vaud, Basilea, Berna e Zurigo. Solo la città di Zurigo ha circa 14'000 residenti che vi soggiornano illegalmente. Sulle rive della Limmat, contro la volontà del suo esecutivo, il consiglio comunale ha recentemente approvato una mozione che chiede a tutti i residenti della città, compresi i migranti privi di documenti, di poter ottenere e utilizzare una carta d'identità. La città di Berna aveva annunciato alcuni mesi prima che stava progettando di introdurre a sua volta una "City Card".

La questione dei clandestini sarà oggetto di una revisione completa a livello federale, comprese le lezioni apprese dall'operazione Papyrus. Il Consiglio nazionale ha tacitamente adottato un postulato dal suo Comitato per le istituzioni politiche.

Guarda anche 

“Non ho più sintomi, eppure il tampone è ancora positivo”. Moglie e figli sono in Svizzera

ROMA (Italia) – Sono passati circa 10 giorni da quando Nicola Porro, noto giornalista italiano, ha annunciato di aver contratto il coronavirus. Le sue condizioni or...
23.03.2020
Magazine

Arriva l’ufficialità: annullati i nostri Mondiali di hockey!

ZURIGO – Lo si immaginava, lo si supponeva e si attendeva soltanto l’ufficialità che è arrivata in questi minuti: i Mondiali di hockey su ghiacc...
21.03.2020
Sport

Migliaia di svizzeri sono bloccati all'estero

Le vacanze e i soggiorni all'estero di migliaia di cittadini svizzeri si sono rapidamente trasformati in un incubo nelle scorse. Con le restrizioni al traffico aereo ...
19.03.2020
Svizzera

Migranti: la minaccia turca

Mentre in queste settimane non si parla che quasi esclusivamente e comprensibilmente dell’emergenza generata dalla pandemia da Coronavirus, molto poco si dice di un...
15.03.2020
Mondo