Svizzera, 04 febbraio 2019

L'UE taglia i finanziamenti alle ONG svizzere, rappresaglia di Bruxelles?

Dieci organizzazioni non governative svizzere hanno ricevuto brutte notizie poco prima dello scorso Natale. In effetti, hanno ricevuto una lettera da Bruxelles che li informava che non avrebbero più ricevuto finanziamenti dall'Unione europea a partire dal 2019, ha rivelato lunedì la SRF. La base legale non sarebbe più sufficiente, stando a quanto ha scritto l'Unione europea.

Le organizzazioni non governative interessate comprendono Caritas, Medici Senza Frontiere Svizzera, Terre des Hommes e World Vision. La notizia per queste organizzazioni è brutale: i finanziamenti dell'UE rappresentavano oltre 50 milioni di euro l'anno scorso, secondo quanto riferisce la RTS. "E 'stato un piccolo shock. Sapevamo che l'UE stava esaminando la collaborazione con le organizzazioni non governative svizzere a causa del Brexit, ma non ci aspettavamo che i finanziamenti sarebbero stati tagliati tanto rapidamente", afferma Felix Gnehm, direttore di Solidar Svizzera.

La SRF spiega che finora le ONG hanno dovuto accreditarsi presso la Commissione europea e dimostrare di essere idonee all'accesso al Fondo europeo per gli aiuti umanitari. Quale motivo per questo taglio improvviso fonti citate della SRF citano la Brexit, forse per lanciare un segnale alle organizzazioni con sede in Gran Bretagna. La Commissione europea da parte sua contesta questo punto di vista ed è protetta da basi giuridiche che sono diventate insufficienti.

Tuttavia, SRF cita documenti che dimostrano che la direzione dell'aiuto umanitario dell'UE non voleva porre fine alla cooperazione con le ONG svizzere. È il servizio legale attorno al presidente della commissione Jean-Claude Junker che avrebbe deciso di applicare una linea dura nei confronti della Svizzera che, ricordiamo, deve ancora prendere una decisione formale sull'accordo quadro negoziato con l'UE.

Guarda anche 

“Il PSE: ora un FCL completo per Mansueto e un atto di coraggio della Città”

LUGANO – Il giorno dopo è sempre quello più bello. Quando vivi con pathos una vittoria, un risultato importante, difficilmente riesce a godertelo imme...
29.11.2021
Sport

“Siamo un po’ tutti matti ma con la testa sulle spalle”

AIROLO - Deborah Scanzio è nata a Faido ma da sempre abita a Piotta, in Leventina: terra di montagna, terra di hockeisti e di sciatori famosi che hanno f...
26.11.2021
Sport

Marius Antonietti attacca: “Ticino, vita dura per i pugili”

LUGANO - Marius Black Antonietti (30 anni) ha dedicato e dedica anima e corpo al pugilato, uno sport che vive con grande intensità e dedizione. Ha vint...
26.11.2021
Sport

"Un nuovo miliardo di coesione per l'UE in cambio della partecipazione ai programmi di ricerca"

Un nuovo miliardo di coesione in cambio della partecipazione al programma di ricerca Horizon? Sarebbe questa la proposta della Commissione di politica estera del Consigli...
24.11.2021
Svizzera