Svizzera, 25 gennaio 2019

Fatture Serafe, ancora confusione tra dati errati e comunicazioni discordanti

Il cambiamento della ditta di riscossione del canone radiotelevisivo ha causato non pochi problemi e disguidi: indirizzi sbagliati, numero di persone nell'abitazione errato, eccetera (vedi articoli correlati) e la situazione non sembra migliorare con il passare dei giorni.

Serafe ha indicato quale causa dei disguidi gli uffici del controllo abitanti dei comuni che avrebbero comunicato all'azienda dei dati errati e ha chiesto alle persone che hanno ricevuto fatture contenti dati sbagliati di rivolgersi al proprio comune. Cosa che però non è piaciuta a quest'ultimi, in particolare quelli più popolati, che sono stati così subissati di chiamate e richieste da parte dei propri abitanti. Dopo un incontro avvenuto tra le parti negli scorsi giorni l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) ha pubblicato un comunicato che chiede agli utenti di non più rivolgersi al proprio comune ma di contattare direttamente Serafe.

Se non fosse che se uno va sul sito dell'azienda, sotto la sezione "Domande e risposte" alla voce "Cosa devo fare se note inesatezze nell'indirizzo della fattura del canone radiotelevisivo ?" viene rimandato a una pagina della stessa UFCOM in cui c'è scritto di rivolgersi al "servizio competente del Suo Comune o Cantone" (vedere immagine sotto).




A peggiorare la situazione il fatto che molti utenti non sono riusciti a mettersi in contatto con Serafe, probabilmente anch'essa subissata di richieste. Forse l'idea di inviare gran parte delle fatture tutte insieme all'inizio dell'anno (in tutto 3,6 milioni) non è stata azzeccata. Per chi ha ricevuto fatture contenenti dati sbagliati non rimane che armarsi di pazienza in attesa che sia fatta chiarezza e i servizi competenti siano nuovamente raggiungibili.

Guarda anche 

Secondo un sondaggio Ignazio Cassis è il Consigliere federale che sta più antipatico agli svizzeri

Stando a un sondaggio effettuato dall'istituto sotomo pubblicato dalla SSR, il Consigliere federale Ignazio Cassis sarebbe il Consigliere federale che risulta meno si...
22.02.2019
Svizzera

Referendum contro la direttiva UE sulle armi, la lotta al terrorismo diventa “lotta agli abusi”

In un comunicato pubblicato ieri la Comunità d'interesse del tiro svizzera (CIT) denuncia come, per il Consiglio federale, l'adozione della direttiva UE su...
22.02.2019
Svizzera

Arrivano dalla Francia per aggredire chiunque gli capiti a tiro, dopo aver malmenato un padre e suo figlio se la cavano con una multa

Erano venuti in gruppo dalla vicina Francia per cercare qualcuno da aggredire, per poi imbattersi in un padre e suo figlio durante una partita di calcio. Risultato: un di...
21.02.2019
Svizzera

Aveva molestato un'adolescente su un autobus, arrestato richiedente l'asilo

I fatti risalgono a metà novembre, quando un richiedente l'asilo proveniente dall'Etiopia aveva pesantemente molestata una ragazza di 16 anni. Oggi, come r...
20.02.2019
Svizzera