Svizzera, 11 gennaio 2019

Chiede l’asilo in Svizzera perché “inseguito dai creditori"

Pretendeva di ottenere l’asilo politico in Svizzera poiché inseguito nel suo Paese da alcuni creditori. Ma fortunatamente né la Segreteria di stato della migrazione né il Tribunale amministrativo federale hanno dato seguito alla fantasiosa richiesta di un cittadino georgiano.

L’uomo era fuggito dalla capitale della Georgia Tbilisi nel 2014 poiché non era in grado di rimborsare un debito contratto con dei conoscenti. Si era recato in Germania, dove era rimasto fino all’agosto 2017. Allora, informato dalla famiglia che la situazione si era normalizzata, era tornato in Georgia. Ma i creditori si erano nuovamente rivolti a lui, esigendo il rimborso del denaro. Egli era quindi ripartito verso l’Europa. Dapprima nei Paesi Bassi, poi in Belgio, poi in Francia e infine in Svizzera, dove lo scorso 5 settembre ha depositato una domanda d’asilo. Ma già in ottobre la Sem ha respinto la domanda e pronunciato l’allontanamento dalla Svizzera dell’uomo. Egli ha quindi presentato ricorso al Taf.

Ma anche i giudici hanno ritenuto che “i motivi d’asilo addotti dall’interessato, quandanche verosimili, non risultano pertinenti ai fini della concessione dell’asilo”, come si legge nella recente sentenza del Taf con la quale è stato respinto il ricorso del cittadino georgiano e confermato l’allontanamento dalla Svizzera.  

Guarda anche 

È stagione di concerti all’aperto: ecco come prevenire borseggi e furti

Durante il periodo estivo si moltiplicano le occasioni di svago in diverse località ticinesi, soprattutto concerti. Eventi che attraggono un folto pubblico, ma ...
17.07.2019
Ticino

Incredibile in Turchia, prendono Jallow. Ma quello sbagliato. E la gaffe fa il giro del web

Anche nel calcio professionistico possono accadere imprevisti. Per ulteriori informazioni chiedere al Menemenspor (serie B turca), che si è assicurata le prestazio...
17.07.2019
Sport

Ticinesi, popolo di telespettatori. Anche quattro ore davanti allo schermo

Lo scorso anno gli svizzeri hanno trascorso poco più di due ore al giorno davanti al televisore. Il tempo passato a fissare lo schermo cambia notevolmente fra le t...
17.07.2019
Svizzera

Francia: Spese folli e cene extralusso, si dimette il ministro dell'Ecologia De Rugy

François De Rugy, ministro della Transizione Ecologica in Francia, ha rassegnato le dimissioni dopo le accuse sulle cene da nababbo a base di aragoste giganti, cha...
17.07.2019
Mondo