Opinioni, 02 gennaio 2019

Lorenzo Quadri - Buon anno a...


Buon anno a quelli che “soppiantamento e dumping salariale sono solo una percezione”;
Buon anno a quelli che “con la libera circolazione, i nostri giovani potranno lavorare a Milano”;
Buon anno a quelli che “chi vuole, un lavoro lo trova”;
Buon anno a chi vuole rottamare la nostra sovranità ed i nostri diritti popolari;
Buon anno a chi realizza statistiche taroccate su disoccupazione e frontalierato nel tentativo di fare fessi i cittadini;
Buon anno a quelli che “sa po’ mia!”;
Buon anno ai cassamalatari e ai loro lobbysti in Parlamento e addirittura in Consiglio federale (si vede che fare il soldatino paga);
Buon anno a chi è chinato a 90 gradi davanti all’UE, a chi brama lo sconcio accordo quadro istituzionale e a chi vuole regalare a Bruxelles 1.3 miliardi perché “dobbiamo oliare”;
Buon anno a chi vuole l’adesione alla fallita Unione europea ma  poi starnazza  perché l’accordo quadro cancellerà le misure accompagnatorie;
Buon anno agli islamizzatori della Svizzera, ai buonisti-coglionisti ed ai fautori del fallimentare multikulti;
Buon anno a quelli dell’”immigrazione uguale ricchezza”;
Buon anno a chi, con i soldi del canone più caro d’Europa, fa ai cittadini il lavaggio del cervello pro-pensiero unico, pro-frontiere spalancate, pro-UE, pro-multikulti e pro-finti rifugiati;
Buon anno ai moralisti a senso unico;
Buon anno a quelli che strillano al “razzismo” e poi fanno entrare migranti economici razzisti, sessisti, antisemiti;
Buon anno a chi criminalizza e colpevolizza gli svizzeri per indurli, col ricatto morale, a fare entrare e a mantenere tutti;
Buon anno a chi denigra gli svizzeri come “chiusi e gretti” e poi “si scopre” che il nostro è il paese più globalizzato in assoluto;
Buon anno a quelli che spalancano le frontiere per riempirsi le saccocce ;
Buon anno a chi dice di difendere i diritti delle donne e poi pretende l’accoglienza di tutti i finti rifugiati che “non rispettano le donne”;
Buon anno alla casta, ai suoi soldatini ed alla sua stampa di regime;
Buon anno ai sindacalisti che vogliono sempre più frontalieri per incassarne le quote sindacali;
Buon anno a chi, invece di difendere i lavoratori ticinesi, presenta i ricorsi contro la preferenza indigena;
Buon anno ai giudici politicizzati che cancellano la volontà popolare sgradita alla casta;
Buon anno a quelli che “il diritto internazionale viene prima della nostra Costituzione”;
Buon anno a chi vuole sottomettersi ai giudici stranieri della CEDU che poi introducono la sharia in Europa;
Buon anno a quelli che “non si possono espellere i terroristi islamici se sono in pericolo nel paese d’origine”;
Buon anno a quelli che rottamano la Svizzera, la sua identità e le sue tradizioni perché “bisogna salvare Schengen!”;
Buon anno a chi ha perso tutte le battaglie sulla scuola e adesso pensa di farsi campagna elettorale con l’obbligo scolastico fino a 18 anni;
Buon anno a quelli che ci mettono in casa, e li naturalizzano pure, gli estremisti islamici;
Buon anno ai naturalizzatori seriali;
Buon anno a quelli che fanno politica con in tasca due o più passaporti;
Buon anno a quelli che “un problema uguale una nuova tassa”;
Buon anno a quelli che mettono le  mani nelle tasche della gente perché “dobbiamo mantenere tutti”;
Buon anno a quelli che votano contro gli sgravi fiscali per il ceto medio e per i single, però adesso che le elezioni si avvicinano fingono di essere favorevoli e poi… passata la festa, gabbato lo santo!
Buon anno a quelli che vogliono desertificare i centri cittadini espellendo gli automobilisti;
Buon anno a quelli che sognano di introdurre una nuova ecotassa sulla benzina di 20 centesimi al litro;
Buon anno a quelli che criminalizzano gli automobilisti ticinesi con il pretesto dell’ “ambiente” e poi fanno entrare 65mila frontalieri al giorno, uno per macchina;
Buon anno a quelli che si sciacquano ipocritamente la bocca con  la “pluralità delle opinioni” e con  il “rispetto della diversità” e poi criminalizzano, censurano e tentano di ridurre al silenzio chi la pensa diversamente da loro;
Buon anno agli intolleranti che si riempiono la bocca con la “tolleranza”;
Buon anno a quelli che blaterano di “rispetto” e poi conducono campagne d’odio;
Buon anno a quelli che esultano con le aquile e pretendono di passare per svizzeri;
Buon anno a quelli che strillano all’estremismo di destra e poi “citus mutus” sull’estremismo violento di sinistra in continuo aumento;
Buon anno all’inutile e faziosa commissione federale contro il razzismo (e che sia l’ultimo);
Buon anno…

Lorenzo Quadri

Guarda anche 

Via la convenzione e via anche la libera circolazione

Secondo il presidente della Regione Lombardia Alessandro Fermi, la Convenzione tra Svizzera ed Italia che regola i ristorni dei frontalieri sarebbe perfettamente attuale....
12.11.2019
Opinioni

Ecotassa per i frontalieri, se ne parla anche in Italia

Da Ginevra a Como passando per il Ticino. Sta facendo discutere anche oltre frontiera la proposta di Patrick Dimier, granconsigliere ginevrino, di tassare le automobili g...
31.10.2019
Svizzera

A Lugano Julian Charrière

LUGANO - Dal 27 ottobre 2019 al 15 marzo 2020, il Museo d’arte della Svizzera italiana ha il piacere di presentare una grande mostra personale dedicata a Julian ...
25.10.2019
Ticino

La Lega sostiene Chiesa al ballottaggio

La Lega dei Ticinesi comunica che, in vista del ballottaggio per il Consiglio degli Stati, sostiene con convinzione Marco Chiesa. Ieri è stata infatti formalizzata...
24.10.2019
Svizzera