Mondo, 26 dicembre 2018

ONG e sinistra mettono pressione sulla Merkel, "vogliamo un porto sicuro in Germania"

La ONG tedesca Sea Watch, che ha raccolto una trentina di migranti nel Mediterraneo continua a chiedere un porto sicuro per l'attracco.

Sui social e con il sostegno della sinistra tedesca, rilancia ancora l'appello dopo aver incassato i rifiuti sia da Malta che dall'Italia: "Sea Watch chiede un porto sicuro", scrive la ong su Twitter.

E pubblica una foto che mostra una donna e un bambino con indosso un giubbotto salvagente con scritto: "Questi sono Nasreen e suo figlio Zizou. Ieri la sorella di Nasreen ha saputo che loro sono ancora vivi. Consegnare questo messaggio alle famiglie dei naufraghi è stato per noi il regalo di Natale più bello. Ora Nasreen, Zizou e gli altri 30 hanno bisogno di un porto sicuro".

E proprio nella serata della vigilia di Natale, l'equipaggio della Sea Watch aveva chiesto supporto al governo tedesco: "In Germania oltre 30 città e diversi Laender hanno acconsentito ad accogliere le persone in difficoltà salvate in mare. Invitiamo il governo tedesco a trovare una soluzione prima di Natale. Se Seehofer (ministro tedesco dell'Interno) vuole difendere i valori cristiani, ora ha l'opportunità di farlo".

Da Berlino per il momento nessuna risposta. E intanto resta ancora in mare anche la nave di un'altra ONG, la Open Arms, che adesso è diretta verso la Spagna con circa trecento migranti a bordo. La nave della Ong è stata raggiunta da un'altra natante per un rifornimento di cibo e medicine. In queste ore sta proseguendo la sua rotta verso il porto spagnolo di Algeciras.

Guarda anche 

"L'UE si prepari al terremoto populista"

Steve Bannon, ex consigliere del presidente americano Donald Trump, si è recato in Germania per incontrare il capolista delle elezioni europee di AfD Joerg Meuthen...
17.05.2019
Mondo

Berna offrirà 12'000 franchi a chi assume un rifugiato

Il Consiglio federale ha presentato ieri un progetto pilota volto a favorire l'assunzione di rifugiati. L'obiettivo è ridurne la dipendenza dall'aiuto ...
16.05.2019
Svizzera

Rifugiato con tre mogli, 14 figli e nessun lavoro: “Non vedo l'ora che diventiamo tedeschi”

Abboud Sweid è un rifugiato siriano che ha ottenuto asilo in Germania nel 2015. Ha tre mogli e 13 figli, che presto saranno 14. Dal momento che non lavora, lo stat...
13.05.2019
Mondo

I richiedenti l'asilo eritrei "fuggono" dalla Svizzera per andare in Francia e in Germania

Dalla primavera del 2018, la Svizzera ha inasprito la sua politica d'asilo nei confronti degli eritrei che rappresentano il loro più grande contingente di rich...
13.05.2019
Svizzera