Sport, 08 dicembre 2018

Alla Valascia regna ancora l’Ambrì: il Lugano va al tappeto

I biancoblù si sono imposti meritatamente per 3-1 al termine di un derby non bellissimo e spettacolare, ma molto spigoloso. I leventinesi conservano il settimo posto, i sottocenerini restano decimi

AMBRÌ – Andato in archivio il primo round dell’intenso weekend hockeystico ticinese, con la vittoria dei bianconeri maturata ieri alla Cornèr Arena, Ambrì e Lugano si sono dati appuntamento questa sera sotto le volte della Valascia (esaurita) per il quarto derby stagionale, il secondo nel breve volgere di 24 ore. Pochi cambi su entrambi i fronti, con Cereda che ha deciso di sostituire Manzato, col rientrante Conz, e di schierare Pinana per l’infortunato Jelovac, mentre Ireland ha continuato con la staffetta Klasen/Haapala, preferendo lo svedese, oltre a rinunciare al’infortunato Ronchetti.

La sfida si è aperta subito a gran ritmo, col Lugano capace di crearsi la prima grande occasione con Hofmann, poco freddo e glaciale solo davanti a Conz. E così, come spesso accade nello sport, dopo il gol sbagliato arriva il gol subìto: Guerra dalla blu ha fulminato Merzlikins (4’), forse coperto e impossibilitato a reagire. Incassata la rete, i bianconeri hanno traballato anche dal punto di vista emotivo e mentale, rischiando tantissimo anche con l’uomo in più, ma sono stati bravi a restare attaccati al match, anche grazie al palo colpito da Kostner. Come abitudine, anche gli animi si sono surriscaldati e le penalità sono fioccate, ma nessuna delle due compagini è riuscita a fare breccia fino alla prima pausa.

Il filo conduttore della sfida, col Lugano a faticare e a soffrire e con l’Ambrì a fare gioco, è continuato fino al 31’, ovvero fino alla rete quasi improvvisa di Hofmann in powerplay che non solo ha impattato il risultato, ma ha ridato vita ai bianconeri che hanno provato insistentemente a cercare il vantaggio, senza però fare centro. Così con la sfida in totale equilibrio, sia sul tabellone che come qualità di gioco, si è giunti alla seconda pausa, preceduta da un gol di Zwerger, annullato per ostruzione sul portiere.

Con i ritmi non esattamente alti, per usare un eufemismo, e dopo una traversa centrata da Walker, sono stati nuovamente i padroni di casa a mettere il naso avanti con Bianchi (47’), sfruttando un sanguinoso quanto banale disco perso in zona difensiva dagli ospiti, caduti nuovamente nei soliti errori e nei soliti fantasmi. La rete subita, questa volta, ha dato una scossa ai ragazzi di Ireland che hanno provato a spingersi in avanti, non riuscendo però a cavare un ragno dal buco, porgendo anzi il fianco alle ripartenze dei leventinesi che, di conseguenza, hanno chiuso l’incontro con Zwerger (59’), abile a mettere a sedere Merzlikins, prima di depositare in rete il disco, facendo esplodere la Valascia.

Continua quindi la legge casalinga nei derby del Ticino, con entrambe le formazioni capaci di imporsi tra le mura amiche in due occasioni. Per l’Ambrì questo è un successo meritato e importante, sinonimo di settimo posto, mentre il Lugano ha da interrogarsi, non solo sul decimo posto in graduatoria, ma sull’atteggiamento e sul fattore mentale, specie quando gioca lontano dalla Cornèr Arena.

AMBRÌ-LUGANO 3-1 (1-0; 0-1; 2-0)
Reti:
3’18 Guerra (Kostner) 1-0; 30’34 Hofmann (Sannitz, Fazzini/5c4) 1-1; 46’55 Bianchi (Trisconi) 2-1; 58’09 Zwerger 3-1.
AMBRÌ: Conz; Dotti, Plastino; Lerg, Novotny, Hofer; Guerra, Fischer; Kubalik, Müller, Zwerger; Pinana, Ngoy; Bianchi, Kostner, Trisconi; Kienzle, Mazzolini; Lauper, Goi, Kneubuehler.
LUGANO: Merzlikins; Chorney, Chiesa; Hofmann, Lajunen, Lapierre; Vauclair, Loeffel; Jörg, Sannitz, Walker; Wellinger, Ulmer; Klasen, Morini, Bürgler; Riva, Reuille; Bertaggia, Romanenghi, Fazzini.
Penalità: 5x2’ Ambrì +10’ Guerra; 5x2’ Lugano.
Note: Valascia, 6’500 spettatori.

Guarda anche 

Lugano, -1 al closing. Renzetti: “Sono sereno, ma da un momento all'altro…”

LUGANO – Sembra ormai una lunga telenovela, fatta di sguardi, ammiccamenti, ripensamenti, di passi in avanti e di brusche fermate. Ormai non resta, quasi, che aspet...
24.06.2019
Sport

“HCAP, troppe competizioni. Lugano, servirà pazienza”

LUGANO/AMBRÌ - Pungente, irriverente (e molto scomodo, a volte), infine mai banale: l’ex giocatore e allenatore ticinese Roberto Mazzetti oggi fa il punto de...
24.06.2019
Sport

FC Lugano: “Sono molto preoccupato, bisognava chiudere prima”

LUGANO - Closing, ossia la messa a punto di una operazione d’acquisto... A Lugano, versante calcio, non si parla d’altro. Detta in poche parole: Leonid Novose...
24.06.2019
Sport

Caggiano e il suo Paradiso: "Un sogno diventato realtà, ma adesso viene il difficile…"

PARADISO - Faccia a faccia con Antonio Caggiano, presidente del FC Paradiso neo promosso per la prima volta nella storia in Prima Lega Classic. Un traguardo prestigioso c...
23.06.2019
Sport