Svizzera, 08 dicembre 2018

Il marito è in Israele a fare l'oppositore al suo paese d'origine, quindi lei può restare in Svizzera

Il marito è in Israele e sta facendo propaganda contro il governo eritreo. Quindi lei e la figlia hanno diritto di restare in Ticino. Non è una storia d’amore quella che emerge da una recente sentenza del Tribunale amministrativo federale (Taf), che ha accolto il ricorso di una donna eritrea, patrocinata dal signor Rosario Mastrosimone di Sos Ticino, e di sua figlia, giunte in Svizzera nel 2017.

La vicenda ha inizio in Eritrea, nel 2007, quando il marito evade dal carcere e fugge in Israele. Lì inizia a esprimere pareri critici sul governo eritreo. Su Facebook ma anche in radio e in televisione, tanto da diventare “uno dei rappresentanti de facto degli esiliati eritrei in Israele”, come lo definiscono i giudici del Tribunale amministrativo federale.

Il governo eritreo però non gradisce l’attività dell’uomo e nel 2014 arresta sua moglie rimasta in patria. Dopo quattro mesi la donna viene rilasciata senza accuse formali, maa decide comunque di lasciare l’Eritrea, insieme alla figlia. E dove vanno? Non in Israele dal marito, rispettivamente padre, bensì in Svizzera, dove nel 2017 depositano una domanda d’asilo. La Segreteria di Stato della migrazione (Sem) la respinge e ordina l’allontanamento di madre e figlia. Ma esse, grazie all’aiuto di Sos Ticino, ricorrono, chiedendo il riconoscimento dello statuto di rifugiato o perlomeno una nuova valutazione delle loro domande.

E il Taf ha accolto il loro ricorso. I giudici ritengono che l’attività del marito in Israele potrebbe effettivamente mettere in pericolo le due richiedenti l’asilo in caso di ritorno in Eritrea. E quindi ordinano alla Sem di prendere una nuova decisione che tenga conto di questo pericolo. Ergo, di tenerle in Svizzera.

Guarda anche 

Secondo un sondaggio Ignazio Cassis è il Consigliere federale che sta più antipatico agli svizzeri

Stando a un sondaggio effettuato dall'istituto sotomo pubblicato dalla SSR, il Consigliere federale Ignazio Cassis sarebbe il Consigliere federale che risulta meno si...
22.02.2019
Svizzera

Referendum contro la direttiva UE sulle armi, la lotta al terrorismo diventa “lotta agli abusi”

In un comunicato pubblicato ieri la Comunità d'interesse del tiro svizzera (CIT) denuncia come, per il Consiglio federale, l'adozione della direttiva UE su...
22.02.2019
Svizzera

Arrivano dalla Francia per aggredire chiunque gli capiti a tiro, dopo aver malmenato un padre e suo figlio se la cavano con una multa

Erano venuti in gruppo dalla vicina Francia per cercare qualcuno da aggredire, per poi imbattersi in un padre e suo figlio durante una partita di calcio. Risultato: un di...
21.02.2019
Svizzera

Aveva molestato un'adolescente su un autobus, arrestato richiedente l'asilo

I fatti risalgono a metà novembre, quando un richiedente l'asilo proveniente dall'Etiopia aveva pesantemente molestata una ragazza di 16 anni. Oggi, come r...
20.02.2019
Svizzera