Mondo, 08 dicembre 2018

La sconfitta di Macron a Parigi fa suonare l'allarme per l'Unione europea

Meno di un mese fa, il presidente francese Emmanuel Macron rivendicava ancora il suo ruolo di portabandiera del globalismo. In un discorso a 60 leader mondiali davanti all'Arc de Triomphe, elegiova le Nazioni Unite e dichiarava il nazionalismo "tradimento" del patriottismo.

Sabato scorso, lacrimogeni e ciottoli sono volati nella stessa parte di Parigi mentre i manifestanti vandalizzavano l'iconico monumento e chiedevano al governo di Macron di ritirare l'aumento della tassa sul carburante. Per la prima volta nella sua presidenza, ha fatto marcia indietro. Fu un momento umiliante per gli oppositori delle rivolte populiste come quelle che generarono Donald Trump.

Negli ultimi anni l'Unione europea ha visto molti momenti critici, dalla crisi del debito greco alla reazione anti-immigrati contro i rifugiati e al voto sulla Brexit britannico. Raramente, però, ci sono stati così tanti avvoltoi politici che giravano attorno a un leader con così tanto in gioco per l'ordine mondiale.



Con l'ex vigile del fuoco dell'Unione europea, Angela Merkel, che ha già annunciato le proprie dimissioni da cancelliere tedesco, il testimone doveva passare a Macron per sostenere la democrazia liberale. Ma il potere della Merkel sul palcoscenico mondiale è stato sostenuto da una fortezza politica in patria, e il leader francese invece sembra tutt'altro che solido.

"Non puoi fare discorsi sulla difesa dell'ordine internazionale quando la tua popolarità è al 20 percento e ci sono manifestanti in strada", ha detto Nicholas Dungan, un broker parigino all'Atlantic Council. "È molto difficile recuperare la tua credibilità."

L'ambiente odierno è in netto contrasto con il fine settimana dell'11 novembre quando i leader mondiali celebravano i cento anni dalla fine della prima guerra mondiale. Macron sosteneva la necessità di una cooperazione globale, e allo stesso tempo ritagliava a Trump la figura di un leader isolato.



Le immagini trasmesse in tutto il mondo lo scorso fine settimana erano di automobili in fiamme nella capitale francese. Il ritiro del leader francese di 40 anni è stato deriso da Trump. Macron ha ammesso, tramite il suo primo ministro, che non è stato in grado di connettersi con il popolo francese.

"Nessuna tassa ha tanto valora da mettere in pericolo l'unità della nostra nazione", ha detto Edouard Philippe in un discorso televisivo. Il guaio per gli oppositori del nativismo e del protezionismo di Trump è che non c'è nessun altro che si prenda il suo mantello, afferma sempre Dungan.

Dopo che Macron è stato eletto nel maggio 2017, ha cercato di lavorare con la Merkel e un governo amico a Roma per approfondire l'integrazione europea. Ha incontrato Trump per cercare di convincere il presidente americano a impegnarsi a mantere gli accordi internazionali siglati dal suo predecessore Obama.

Trump lo ignorò e si ritirò sia dall'accordo nucleare iraniano che dall'accordo sul clima di Parigi. Non a caso Trump ha twittato che la caduta di Macron su una tassa sul co2 che avrebbe aumentato i prezzi del carburante era la prova che aveva avuto ragione fin dall'inizio.

Un vento contrario dirrompente

Angela Merkel, nel frattempo, è stata ferita alle elezioni tedesche nel settembre 2017. È stata sostituita formalmente venerdì come capo del suo partito da Annegret Kramp-Karrenbauer, persona vicina a lei e che aumenta la probabilità che la cancelliera vedrà il suo mandato finale. Ma anche lei ha i giorni contati. L'Italia, dal canto suo, ha eletto un governo euroscettico a marzo.

"Le sue ambizioni per un'Europa forte erano già state colpite da eventi in Germania e altrove", ha dichiarato Philippe Moreau Defarges, consulente presso l'Istituto francese per gli affari internazionali con sede a Parigi riferendosi alle proteste di Chemnitz e alle elezioni regionali che, una dopo l'altra, hanno visto i partiti di governo perdere percentuali impressionanti. "Ma emerge molto seriamente indebolito dagli eventi recenti. Non è apparso al livello della sfida, e l'immagine della Francia ha subito un duro colpo ".



A casa, la sua popolarità sta affondando, ferita dal fallimento delle sue prime impopolari modifiche al diritto del lavoro e fiscali per far rivivere l'economia francese. Le politiche di Macron sono viste per favorire i ricchi, e un sondaggio dopo l'altro ha dimostrato che l'elettorato francese pensa che l'ex banchiere sia distaccato e arrogante. Il suo punteggio di approvazione, ancora prima delle proteste di Parigi, era del 28%, secondo una media di sette istituti demoscopici.

Poi vennero i gilet gialli. Il movimento di protesta popolare scatenato dall'opposizione alla sua politica ambientale che prevedeva di aumentare le tasse sul gasolio e sulla benzina per finanziare incentivi per l'acquisto di auto più pulite e edfici a risparmio energetico. Ma si è evoluto in rabbia diffusa per l'aumento del costo della vita e il declino dei servizi, principalmente nella Francia rurale e nelle piccole città.

Le richieste dei manifestanti si sono ampliate di conseguenza. Alcuni vogliono ripristinare la tassa sulla ricchezza, aumentare le pensioni, aumentare il salario minimo, tagliare gli stipendi dei politici, e si chiede persino che Macron si dimetta e si sostituisca l'Assemblea nazionale con un "consiglio popolare". I sondaggi mostrano che tre quarti dei francesi sostengono le loro richieste , anche se disapprovano la violenza che accompagna molte delle proteste.

Si è sentito anche nel mercato obbligazionario. Il rendimento dei titoli francesi rispetto alla Germania, un barometro per il rischio politico, è salito al livello più alto da quando è stato eletto Macron.



Anche se il presidente francese non affronta nuovamente elezioni nazionali fino al 2022, e ha sempre detto che non gli importa dei sondaggi di popolarità, i partiti francesi di opposizione presenteranno una mozione congiunta di sfiducia contro il governo lunedì ma è improbabile che faccia molta differenza.

Ma le elezioni europee e una serie di voti comunali e regionali nei prossimi due anni potrebbero configurarsi come referendum sulle sue politiche, secondo Antonio Barroso, analista di Teneo Intelligence, che si occupa di rischi politici.

"Se Macron avrà abbastanza spazio politico per attuare ulteriori riforme economiche sarà probabilmente determinato dalle elezioni del Parlamento europeo, che saranno probabilmente interpretate come un 'voto di medio termine' sulla sua presidenza" sostiene Barroso.

Un uomo isolato

Anche dopo che Macron ha annunciato di rinunciare alle tasse sul carburante, i gilet gialli hanno dichiarato che non rinunceranno alle loro manifestazioni di piazza. Mentre non hanno l'organizzazione formale dei gruppi populisti come il Movimento a cinque stelle in Italia, lo slancio è con loro. Proteste simili si sono diffuse in Belgio e nei Paesi Bassi.



La maggior parte dei suoi membri vota per la destra nazionalista di Marine Le Pen o per la France Insoumise di estrema sinistra di Jean-Luc Melenchon, ha dichiarato Marc Lazar, professore alla Sciences Po di Parigi. Entrambi i leader del partito sono stati sconfitti da Macron l'anno scorso e tentano di sfruttare il momento per avere un'altra possibilità per arrivare al potere. La preoccupazione per l'UE è che nessuno di loro è un difensore dell'integrità del blocco.

Una vittoria di questi due partiti nelle elezioni europee di maggio renderà difficile per Macron proseguire con il suo programma - per la Francia e non solo. "Macron emerge da questa situazione estremamente indebolito e isolato" ha detto Lazar. "Sia a casa che in Europa."

(Fonte: bloomberg.com)

Guarda anche 

Da milionari a squattrinati: ci pensa la UEFA a sostenere i calciatori

NYON – I calciatori e gli ex calciatori possono trovarsi di fronte a una serie di difficoltà e insidie, anche fuori dal campo da gioco. Senza un aiuto concre...
22.09.2019
Sport

Lugano si intravede un po’ di luce, ma servirebbero 11 Sabbatini

COPENAGHEN (Danimarca) – E sono sei! Sono sei le sconfitte di fila incassate dal Lugano tra campionato, Coppa Svizzera ed Europa League. Questa volta però c&...
20.09.2019
Sport

Gran Bretagna e Italia: con l’UE “relazioni pericolose”

Praticamente costituito, seppur con non poche difficoltà, il suo organo esecutivo, l’UE sta affrontando in questi giorni la tortuosa Brexit del Regno Unit...
16.09.2019
Mondo

Per Micheline Calmy-Rey il miliardo di coesione all'UE non è sufficiente, "bisogna aumentare l'importo in segno di buona volontà"

Secondo l'ex Consigliera federale socialista Micheline Calmy-Rey la Svizzera dovrebbe aumentare il contributo previsto all'Unione europea, attualmente 1 miliardo ...
15.09.2019
Svizzera