Svizzera, 21 novembre 2018

La Svizzera non firmerà il Patto ONU per la migrazione (almeno per ora)

La Svizzera non firmerà il Patto ONU per la migrazione, almeno per il momento. Di fronte all'opposizione dell parlamento, il Consiglio federale ha deciso mercoledì di rinviare la sua decisione. Una decisione definitiva verrà dopo che la questione sarà discussa nelle Camere.

La Svizzera non sarà quindi presente alla conferenza di Marrakech il 10 e l'11 dicembre, quando il patto dovrà essere adottato formalmente. Il governo rimane tuttavia convinto che il testo "corrisponda agli interessi della Svizzera poiché mira a definire i parametri per una migrazione ordinata, che contribuirebbe a ridurre la migrazione irregolare".

Il 10 ottobre il governo ha annunciato che avrebbe firmato il documento redatto sotto la guida dell'ambasciatore svizzero presso l'ONU. Tuttavia, il ministro degli Esteri Ignazio Cassis ha recentemente affermato che questo passo potrebbe essere preso più tardi.

Fra le prime reazioni al cambiamento di rotta del Consiglio federale c'è quella del consigliere nazionale socialista Manuel Tornare, interpellato da "20 minutes", secondo cui la decisione è da collegare alla votazione di domenica prossima sull'autodeterminazione. "Hanno avuto paura che l'UDC utilizzi la decisione del Consiglio federale per convincere la gente a votare sì alla loro iniziativa" afferma il socialista, deluso dalla decisione che secondo lui danneggerà la reputazione della Svizzera "saremo paragonati a paesi come l'Austria e l'Ungheria che hanno tra i loro ranghi partiti fascisti" ha affermato. Un'altro motivo sarebbe la presenza di Cassis, il quale eletto soprattutto grazie al sostegno dell'UDC ora "deve ricambiare il favore".


Guarda anche 

AVS e cassa malati, "dove andremo a finire?"

*Dal Mattino della Domenica. Di Roberta Pantani Sarà l’ennesima stangata. Ormai abbiamo perso il conto, ma per l’ennesimo anno le famiglie ticinesi ...
23.07.2019
Svizzera

Fulvio Regazzoni - Giuda e il 1. agosto

Siamo proprio curiosi di sapere chi avrà la faccia tosta, quali personaggi, in occasione del Natale della Patria, avranno il coraggio di andare nelle varie localit...
23.07.2019
Opinioni

Scoperta falla di sicurezza nei sistemi FFS

Negli scorsi mesi lungo la rete ferroviaria svizzera due convogli hanno erroneamente ottenuto l'autorizzazione a proseguire il viaggio. Le FFS affermano di aver scope...
23.07.2019
Svizzera

Boris Johnson eletto primo ministro britannico, Brexit più vicina

Boris Johnson è stato eletto presidente del Partito conservatore britannico martedì, succedendo al primo ministro Theresa May. La sua missione di gran lunga...
23.07.2019
Mondo