Svizzera, 21 novembre 2018

La Svizzera non firmerà il Patto ONU per la migrazione (almeno per ora)

La Svizzera non firmerà il Patto ONU per la migrazione, almeno per il momento. Di fronte all'opposizione dell parlamento, il Consiglio federale ha deciso mercoledì di rinviare la sua decisione. Una decisione definitiva verrà dopo che la questione sarà discussa nelle Camere.

La Svizzera non sarà quindi presente alla conferenza di Marrakech il 10 e l'11 dicembre, quando il patto dovrà essere adottato formalmente. Il governo rimane tuttavia convinto che il testo "corrisponda agli interessi della Svizzera poiché mira a definire i parametri per una migrazione ordinata, che contribuirebbe a ridurre la migrazione irregolare".

Il 10 ottobre il governo ha annunciato che avrebbe firmato il documento redatto sotto la guida dell'ambasciatore svizzero presso l'ONU. Tuttavia, il ministro degli Esteri Ignazio Cassis ha recentemente affermato che questo passo potrebbe essere preso più tardi.

Fra le prime reazioni al cambiamento di rotta del Consiglio federale c'è quella del consigliere nazionale socialista Manuel Tornare, interpellato da "20 minutes", secondo cui la decisione è da collegare alla votazione di domenica prossima sull'autodeterminazione. "Hanno avuto paura che l'UDC utilizzi la decisione del Consiglio federale per convincere la gente a votare sì alla loro iniziativa" afferma il socialista, deluso dalla decisione che secondo lui danneggerà la reputazione della Svizzera "saremo paragonati a paesi come l'Austria e l'Ungheria che hanno tra i loro ranghi partiti fascisti" ha affermato. Un'altro motivo sarebbe la presenza di Cassis, il quale eletto soprattutto grazie al sostegno dell'UDC ora "deve ricambiare il favore".


Guarda anche 

Gobbi: "Orgoglioso di come i Comuni hanno collaborato e vogliono continuare a impegnarsi"

In serata hanno parlato in conferenza stampa Christian Vitta, Norman Gobbi e Raffaele De Rosa. Vitta ha preso la parola per primo, manifestando la vicinanza del Ticino a...
08.04.2020
Ticino

Un orario nei negozi per gli over 65 e la fasce a rischio

Cambia poco o nulla. Per la settimana che va dal 14 al 19 aprile, il Consiglio di Stato con una nuova risoluzione conferma all’incirca le chiusure di tutte le attiv...
08.04.2020
Ticino

Restrizioni prolungate fino al 26 aprile, in seguito graduale allentamento

Le restrizioni in atto per contrastare la diffusione del coronavirus sono state prolungate di una settimana, fino al 26 aprile e in seguito saranno gradualmente tolte pri...
08.04.2020
Svizzera

Si dimette presidente del Consiglio europeo della ricerca, "deluso da risposta europea all'emergenza Covid"

Il presidente del Consiglio europeo della ricerca Mauro Ferrari (nella foto) si è dimesso dopo non essere riuscito a convincere Bruxelles a istituire un programma ...
08.04.2020
Mondo