Mondo, 15 novembre 2018

Brexit: C'è l'accordo con l'UE ma euroscettici contrari, "il peggior accordo mai visto"

È stato un summit "appassionato e difficile", ha dichiarato May ai cronisti fuori da Downing Street dopo il via libera del governo all'accordo con l'UE, "ma sono sicura che questa sia la soluzione migliore per il Regno Unito, è stato fatto un buon passo in avanti e ora bisogna andare avanti. Ci sono giorni difficili davanti a noi, ma l'accordo è nell'interesse nazionale e mantiene la promessa del referendum. Credo fermamente con la testa e il cuore che questa sia una decisione che è nell'interesse di tutto il Regno Unito".
 
Anche se la versione definitiva non è ancora stata resa ufficialmente di pubblico dominio diverse fonti parlano di un'unione doganale per la Gran Bretagna fino al 2030, un pagamento di 39 miliardi, la continuazione della libera circolazione e una sorta di mercato unico per l'Irlanda del Nord senza limiti di tempo, cosa che ha allarmato decisamente i conservatori più euroscettici e il partio unionista irlandese DUP, decisivo per il governo di minoranza May in Parlamento. I critici temono di rimanere "vassalli" dell'Europa e la spaccatura del Regno Unito.



Fra i più critici c'è la figura storica del movimento euroscettico britannico, Nigel Farage, il quale all'emittente radio LBC non ha lesinato le parole e ha definito l'accordo "il peggiore della storia". Ma, superato l'ostacolo del governo, per Theresa May la vera sfida sarà al parlamento dove, tra conservatori euroscettici e la sinistra pro-UE che non ha mai accettato il voto dei britannici, l'accordo rischia di schiantarsi. Dopo l'approvazione del consiglio dei ministri di oggi, nelle prossime settimane, probabilmente il 25 novembre, si dovrà tenere un summit UE per approvare a livello politico l'intesa tra Regno Unito e Unione europea. Ma l'ora della verità sarà agli inizi di dicembre quando il parlamento britannico dovrà decidere se approvare o respingere il testo.

Guarda anche 

Ursula von der Leyen eletta presidente della commissione UE (per un soffio), "riformeremo Dublino"

Ursula von der Leyen è stata eletta presidente della commissione UE e succederà quindi a Jean Claude Juncker. Ci si aspettava una votazione di misura e cos&...
17.07.2019
Mondo

Baumann-Rodriguez: il Lugano può davvero sorridere

LUGANO – Mancanza di cattiveria, questo ha sottolineato domenica a fine partita Fabio Celestini. Gambe pesanti, ma fiducia in vista di Zurigo: questa è stata...
16.07.2019
Sport

Il momento della verità per Ursula von der Leyen

Per succedere al lussemburghese Jean-Claude Juncker, Ursula von der Leyen, vicino alla cancelliera tedesca Angela Merkel, dovrà ottenere la maggioranza assoluta ne...
15.07.2019
Mondo

Un’Europa League da 560 milioni: la UEFA da i numeri, il Lugano si sfrega le mani

LUGANO – Fascino, prestigio, una vetrina sull’Europa, ma… anche tanti soldi che entreranno presto nelle casse del Lugano. Ecco cosa significa per i bia...
12.07.2019
Sport