Opinioni, 12 novembre 2018

Stefano Tonini - Svincolo di Mendrisio, USTRA riveda la viabilità

È passato circa un anno da quando l’Ufficio federale delle strade ha inaugurato il nuovo svincolo autostradale di Mendrisio. Ma se da un lato la nuova infrastruttura ha dato una boccata d’ossigeno al traffico della zona, dall’altro ha creato non pochi disagi agli esercizi pubblici del vicino comparto commerciale-industriale.

Sì perché il nuovo svincolo, ha stravolto completamente la viabilità in entrata verso il Magnifico Borgo, deviando l’accesso all’area commerciale-industriale sulla nuova bretella di via Penate e sul Fox Town, e tagliando fuori dal tragitto “forzato” diversi commerci situati vicino via Borromini e via Maspoli, che prima al contrario erano serviti da un collegamento diretto con l’A2.

Ma andiamo con ordine, dapprima, vorrei sottolineare che questo svincolo era necessario per Mendrisio, che da troppi anni era confrontata con un forte traffico che attanagliava tutto il comparto commerciale-industriale. Per questo motivo ringrazio il Dipartimento del territorio che si è fatto parte attiva a Berna per la sua realizzazione.

Fatto sta che i pianificatori di USTRA, i quali hanno realizzato l’opera (essendo un collegamento a una strada nazionale), hanno messo in atto delle misure di viabilità alquanto discutibili.
Già perché come detto, chiunque ora voglia raggiungere la zona commerciale-industriale dall’autostrada A2, non circola più sulla vecchia rotonda posta in via Zorzi, bensì attraverso la bretella realizzata lungo via Penate, garantendo un accesso privilegiato solo al Fox Town. Una rivoluzione viaria che a pensar male sembra sia stata cucita su misura per la volpe di Mendrisio, che grazie a queste modifiche ha visto lievitare i propri guadagni, mentre gli esercizi posti poco più in là, sono stati tagliati fuori, hanno diminuito nettamente i loro incassi, e in alcuni casi estremi, proprio a causa del calo della cifra d’affari, hanno dovuto abbassare le proprie serrande.

Fatte queste premesse, credo che USTRA debba rivedere al più presto il piano viario dello svincolo autostradale, venendo incontro ai piccoli commerci e non solo al Fox Town.
La mia proposta per risolvere questa situazione è semplice e di facile attuazione: bisogna ripristinare la viabilità anche sulla vecchia rotonda di via Zorzi, per permettere di raggiungere direttamente la zona commerciale almeno fino a via Maspoli, come già avveniva in precedenza. Con questi piccoli accorgimenti tutti gli esercizi pubblici della zona ne trarranno beneficio. Ma queste misure, torno a ripeterlo, vanno realizzate il più presto possibile, prima che nella zona sparisca anche l’ultimo commercio e che l’economia del Magnifico Borgo ne possa risentire.

Stefano Tonini
Consigliere Comunale Lega dei Ticinesi di Chiasso
Coordinatore Movimento Giovani Leghisti del Mendrisiotto

Guarda anche 

Viaggiano in Medio Oriente per dimostrare che è un territorio sicuro e ospitale, finiscono in carcere

Una coppia di blogger australiani ha viaggiato dall'Australia al Medio Oriente, passando dall'Asia, nel tentativo di "rompere lo stigma" che circonda ce...
13.09.2019
Mondo

La docente frontaliera finita nell'occhio del ciclone non insegna più a Mendrisio

Il Decs l'aveva difesa a spada tratta. Ma lei se n'è andata lo stesso. V. G., la professoressa italiana finita nell'occhio del ciclone dopo che parecch...
06.09.2019
Ticino

Sempre più docenti frontalieri nella scuola media ticinese

La scuola media di Manuele Bertoli pesca sempre più oltre frontiera. Sono 56 i frontalieri che insegnano nelle scuole medie ticinesi, cui vanno aggiunti 85 docenti...
26.08.2019
Ticino

Interpellanza al Consiglio federale

A fine luglio, USTRA ha pubblicato il bando di concorso per l’adeguamento del progetto generale (PG) del collegamento A2-A13. Il progetto generale, commissionato a...
12.08.2019
Ticino