Mondo, 05 novembre 2018

Anche l'Islanda respinge l'UE: "Nessuna ragione per aderire"

Katrin Jakobsdottir, primo ministro islandese dal novembre 2009 e leader del Movimento Verde e Sinistra del suo paese, non è stata tenera con l'Unione Europea (UE) in un'intervista pubblicata il 29 ottobre dal quotidiano online Eurobserver . "Non penso che dovremmo entrare nell'UE ora. Penso che non ci sia alcun motivo per candidarsi", afferma Jakobsdottir. Dice di essere "critica" delle politiche economiche dell'UE, stupita dal fatto che la zona euro sia stata creata "senza una vera politica fiscale e fiscale centralizzata".

Katrin Jakobsdottir lancia anche un'aspra critica contro le istituzioni dell'UE, considerando la Banca centrale europea come "molto potente senza essere molto democratica". Rileva che "le politiche economiche dell'UE sono molto lontane dai cittadini della zona euro e hanno creato divisioni che non dovrebbero esistere". Sebbene l'Islanda abbia chiesto l'adesione all'Unione europea nel 2009, le varie elezioni nazionali hanno messo in discussione il processo, in particolare con l'arrivo dei conservatori al potere nel 2013. Reykjavík ha ufficialmente abbandonato il processo. nel marzo 2015. Tuttavia, l'Islanda è rimasta membro dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA) e dello Spazio economico europeo (SEE).

Il capo del governo islandese confessa inoltre che il libero scambio con l'UE è stato indubbiamente vantaggioso per l'Islanda: "La posizione dell'Islanda nel SEE è stata vantaggiosa per noi". "Quando guardiamo alla nostra economia, alla nostra struttura sociale e al nostro processo decisionale, penso che abbiamo fatto bene senza essere membri dell'UE", aggiunge.

Critiche anche alla NATO

L'Islanda rimarrà nella NATO nonostante l'opposizione del Primo Ministro. Attualmente, Katrin Jakobsdottir forma una coalizione con diverse formazioni di destra. Queste ultime non intendono mettere in discussione l'adesione dell'Islanda alla NATO, risalente al 1949. Tuttavia, Katrin Jakobsdottir e il suo partito non sono sulla stessa linea politica riguardo all'Alleanza Atlantica: "La posizione del mio partito è che siamo contro l'adesione dell'Islanda alla NATO. Tuttavia, siamo l'unica parte nel Parlamento islandese a mantenere questa posizione ". "Riconosciamo che esiste una forte maggioranza in Islanda per l'adesione alla NATO, ma non sosteniamo l'idea di una presenza militare permanente qui in Islanda", afferma Jakobsdottir, dicendosi contraria a qualsiasi "militarizzazione del Nord Atlantico".

Guarda anche 

"No al secondo miliardo di coesione all'UE"

Strada in salita per il secondo miliardo di coesione, dopo che la commissione delle finanze del Consiglio nazionale (CPE-N) ha deciso contro un secondo versamento a Bruxe...
30.11.2021
Svizzera

“Il PSE: ora un FCL completo per Mansueto e un atto di coraggio della Città”

LUGANO – Il giorno dopo è sempre quello più bello. Quando vivi con pathos una vittoria, un risultato importante, difficilmente riesce a godertelo imme...
29.11.2021
Sport

"Un nuovo miliardo di coesione per l'UE in cambio della partecipazione ai programmi di ricerca"

Un nuovo miliardo di coesione in cambio della partecipazione al programma di ricerca Horizon? Sarebbe questa la proposta della Commissione di politica estera del Consigli...
24.11.2021
Svizzera

Super e Challenge League: Meglio una nuova formula per attrarre più pubblico

LUGANO - In questi ultimi tempi si fa un gran parlare della formula dei campionati di Swiss League. Recentemente, tanto per esemplificare, il direttore delle Naziona...
23.11.2021
Sport