Sport, 05 novembre 2018

Lugano, troppi errori e disattenzioni: qualche passo indietro

Il 3-2 ottenuto dal Basilea contro i bianconeri non fotografa perfettamente la partita andata in scena al St. Jakob-Park: i renani hanno sbagliato tante occasioni, i luganesi hanno fatto centro ad ogni tiro

fcb.ch Uwe Zinke
BASILEA – Si chiedeva una prova di maturità al Lugano, dopo le vittorie casalinghe ottenute contro il San Gallo, il Thun (in campionato) e contro lo Xamax (in Coppa Svizzera), ma questa volta i bianconeri… sono stati rimandati. Il Basilea, specie nel primo tempo, ha messo in evidenza le mancanze dei ticinesi e la differenza di qualità tra le due squadre: il 3-2 finale, in effetti, non fotografa appieno l’andamento della partita.

Troppi errori tecnici e tattici da parti dei bianconeri, tanti palloni persi in modo banale, e se contro il Thun e lo Xamax la buona sorte ci aveva messo lo zampino, evitando che gli avversari di giornata riuscissero a fare risultato a Cornaredo, questa volta la fortuna non è riuscita a evitare la doppietta di Bua e la rete di Van Wolfswinkel, ma quanto meno è riuscita a far sì che il Basilea non dilagasse. I renani, infatti, hanno sprecato tantissime occasioni dalle parti di Da Costa – incolpevole – mentre i suoi compagni hanno spesso sofferto l’intelligenza tattica dei padroni di casa che, allargando molto bene gli esterni di difesa, non hanno permesso a Bottani-Junior-Crnigoj di fare breccia e di sfruttare le ripartenze.

È anche vero che, spesso, il calcio è strano e quando sbagli tanto, alla fine rischi di pagarla. E il Basilea ha rischiato davvero di gettare alle ortiche il doppio vantaggio e i tre punti, perché il Lugano – e questo è un merito dei bianconeri – ci ha sempre creduto, non ha mai mollato ed era riuscito anche a riportarsi in parità. Purtroppo per gli uomini di Celestini, però, nel momento di maggior pressione e di maggior resa offensiva – Omlin in pratica non ha dovuto compiere neanche una parata – è arrivato il guizzo finale e risolutore dei renani.

Questa è una sconfitta che però può far maturare ancora di più il Lugano, che deve correre ai ripari per evitare di subire fisicamente i propri rivali, deve eliminare certi errori difensivi – come in occasione del 2-0 e sul 3-2 con la marcatura sbagliata di Sabbatini – e che può comunque consolarsi ripensando alla tenuta fisica e a quella mentale.

Le risposte, si spera positive, arriveranno già sabato prossimo quando a Cornaredo arriverà il Lucerna.

Guarda anche 

Pazzesco Bale: non gioca e si mette a dormire in panchina!

MADRID (Spagna) – Che sia di fatto un separato in casa lo si era capito da mesi, che il suo futuro non sarà più con la maglia del Real addosso anche, ...
12.07.2020
Sport

Paulo Henrique Andrioli: “A Lugano ho lasciato il cuore. Grecia? Passione e ossessione”

È un freddo mattino del 2 febbraio 1992. Stadio di Cornaredo, Lugano ha ripreso da alcuni giorni preparazione la seconda fase del massimo campionato &E...
12.07.2020
Sport

Coronavirus: lo Zurigo fa tremare la Super League. Rischio fallimento?

ZURIGO – Si sta allargando a macchia d’olio la presenza del COVID-19 nel massimo campionato svizzero di calcio – e non solo, visto che anche la Challeng...
12.07.2020
Sport

Trema la Super League: un altro caso di COVID-19 in campo

ZURIGO - Nuovo caso di COVID-19 in Super League, questa volta in casa Zurigo: Mirlind Kryeziu, infatti, è risultato positivo al test. A comunicarlo è stato ...
10.07.2020
Sport