Sport, 26 settembre 2018

Bienne esagerato, Ambrì per nulla convincente

L’1-5 incassato in casa al cospetto dei Seelanders fotografa appieno il match andato in scena ieri alla Valascia tra le due compagini

AMBRÌ – A essere sinceri, contro questo Bienne c’è poco da fare in questo momento quasi per tutti. Ecco perché il KO casalingo incassato dall’Ambrì ieri sera non sorprende, anche se i leventinesi, rispetto alle prime due uscite stagionali, hanno fatto più di un passo indietro.

Sì perché i ragazzi di Cereda questa volta non hanno davvero convinto al cospetto dei Seelanders che, se comandano la classifica a punteggio pieno, evidentemente non possono essere considerati una sorpresa. Soltanto un blackout incredibile, capitato durante gara-3 di semifinale degli scorsi playoff aveva negato ai ragazzi di Törmanen la finale… ripresisi da quella batosta, e dopo aver aggiunto qualche altro tassello importante nel loro organico, Fuchs e compagni vogliono tornare a fare la voce grossa fin da subito.

Il 5-1 col quale hanno espugnato la Valascia non ammette repliche e non lascia il benché minimo dubbio su chi abbia meritato veramente sul ghiaccio leventinese. L’Ambrì, da par suo, ha incassato la seconda sconfitta casalinga in altrettante partite, e se contro lo Zugo i tifosi biancoblù avevano fatto ritorno a casa con qualche sorriso, consci della buona prestazioni dei loro beniamini, questa volta il viaggio di rientro verso le proprie abitazioni è stato caratterizzato da molti più dubbi.

Dubbi che certamente staranno facendo capolino anche nei pensieri di Luca Cereda: in attacco la sua formazione ha creato ben poco, mentre in fase difensiva l’accoppiata Fischer-Kienzle (al rientro dopo la squalifica) non ne ha azzeccata praticamente una, tanto da favorire le marcature di Rajala e di Lüthi.

Ci sarà da aggiustare le idee e fare mente locale sugli errori, in vista della trasferta di venerdì in casa del Langnau.

Guarda anche 

Pazzesco a Zugo: Reiber preso a schiaffi da un tifoso

ZUGO – Davvero ingiustificabile e inqualificabile: ieri sera durante gara-4 di finale tra Zugo e Berna, Brent Reiber sarebbe stato aggredito: posizionato in tribuna...
19.04.2019
Sport

Tutto sul nuovo coach HCL: Sami Kapanen, dalla A alla Z

LUGANO - Sami Hannu Antero Kapanen è l’uomo giusto per far tornare il Lugano ai massimi livelli nazionali? I dirigenti bianconeri, Vicky Mantegazza in t...
15.04.2019
Sport

Patrick Fischer detta la linea: “Più spazio ai nostri allenatori”

LUGANO - Patrick Fischer: i tecnici delle quattro semifinaliste del campionato in corso sono tutti stranieri. Tre finlandesi (Törmanen, Peltonen e Jalonen) e ...
15.04.2019
Sport

Fischer: “Entusiasmo e dedizione: la ricetta per il successo!”

LUGANO - La domanda che si fanno in molti è questa: riuscirà la Svizzera a trovare finalmente quella continuità di rendimento necessaria per res...
14.04.2019
Sport