Sport, 26 settembre 2018

Bienne esagerato, Ambrì per nulla convincente

L’1-5 incassato in casa al cospetto dei Seelanders fotografa appieno il match andato in scena ieri alla Valascia tra le due compagini

AMBRÌ – A essere sinceri, contro questo Bienne c’è poco da fare in questo momento quasi per tutti. Ecco perché il KO casalingo incassato dall’Ambrì ieri sera non sorprende, anche se i leventinesi, rispetto alle prime due uscite stagionali, hanno fatto più di un passo indietro.

Sì perché i ragazzi di Cereda questa volta non hanno davvero convinto al cospetto dei Seelanders che, se comandano la classifica a punteggio pieno, evidentemente non possono essere considerati una sorpresa. Soltanto un blackout incredibile, capitato durante gara-3 di semifinale degli scorsi playoff aveva negato ai ragazzi di Törmanen la finale… ripresisi da quella batosta, e dopo aver aggiunto qualche altro tassello importante nel loro organico, Fuchs e compagni vogliono tornare a fare la voce grossa fin da subito.

Il 5-1 col quale hanno espugnato la Valascia non ammette repliche e non lascia il benché minimo dubbio su chi abbia meritato veramente sul ghiaccio leventinese. L’Ambrì, da par suo, ha incassato la seconda sconfitta casalinga in altrettante partite, e se contro lo Zugo i tifosi biancoblù avevano fatto ritorno a casa con qualche sorriso, consci della buona prestazioni dei loro beniamini, questa volta il viaggio di rientro verso le proprie abitazioni è stato caratterizzato da molti più dubbi.

Dubbi che certamente staranno facendo capolino anche nei pensieri di Luca Cereda: in attacco la sua formazione ha creato ben poco, mentre in fase difensiva l’accoppiata Fischer-Kienzle (al rientro dopo la squalifica) non ne ha azzeccata praticamente una, tanto da favorire le marcature di Rajala e di Lüthi.

Ci sarà da aggiustare le idee e fare mente locale sugli errori, in vista della trasferta di venerdì in casa del Langnau.

Guarda anche 

Alfio Molina si racconta: "Non dimenticherò mai la prima vittoria ad Ambrì"

LUGANO - Alfio Molina è stato una bandiera dell’HC Lugano e pure dello sport ticinese in generale. Figlio d’arte (suo papà Ivo è sta...
16.12.2019
Sport

Ma che bella Svizzera! La Nazionale di Fischer fa sognare

VISP – Se ne sta parlando poco, forse troppo poco, visto il campionato in essere e le difficoltà palesate fin qui da Lugano e Ambrì – per restar...
13.12.2019
Sport

Ciao ciao Ambrì: Manzato va al Ginevra

AMBRÌ - Questa sarà la seconda e ultima stagione di Daniel Manzato con la maglia dell'Ambrì: l'ex portiere del Lugano, infatti, si è l...
12.12.2019
Sport

La classifica piange… ma che derby che ci aspetta!

AMBRÌ/LUGANO – Non è una pausa per la Nazionale come tante altre questa per Lugano e Ambrì. Non saranno giorni facili e semplici per le due for...
12.12.2019
Sport