Svizzera, 26 agosto 2018

Gli USA di Trump tendono la mano alla Svizzera: "Facciamo un accordo di libero scambio"

L'ambasciatore statunitense in Svizzera, Edward McMullen (nella foto), incoraggia domenica Berna a impegnarsi in nuovi negoziati commerciali con Washington. Un accordo di libero scambio sarebbe una buona cosa, ha affermato.

"Gli Stati Uniti sono ancora interessati a negoziati e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è un uomo d'affari, che è sempre aperto a un accordo", dice McMullen in un'intervista pubblicata su NZZ am Sonntag. Ma tocca alla Svizzera fare il primo passo, dice. "Vi incoraggio a farlo."

Gli Stati Uniti sono il secondo partner commerciale della Svizzera dopo la Germania. Nonostante l'importanza degli scambi commerciali, non esiste un accordo di libero scambio tra i due paesi. Nel 2006, le negoziazioni per un accordo erano stati interrotti principalmente a causa dell'opposizione degli agricoltori svizzeri e del settore bancario.

Per McMullen, la situazione attuale è cambiata: "Oggi la Svizzera è diversa da come era allora".
L'ex-imprenditore di 54 anni è sorpreso dal modo in cui i due paesi sono strettamente collegati economicamente. "La posizione di partenza è promettente".

Il ministro dell'Economia svizzero Johann Schneider-Ammann aveva dichiarato un anno fa, durante una visita a Washington, che la Svizzera aveva bisogno di fare i compiti prima che venisse presentata una nuova proposta alle autorità statunitensi.

McMullen ha anche affrontato nel colloquio la questione del conflitto sulle tasse statunitensi in acciaio e alluminio, a cui sono soggette le società svizzere. Rileva che le procedure di esenzione sono possibili con le autorità statunitensi. "Sono sicuro che troveremo una soluzione amichevole", continua.

Diversi paesi, tra cui la Svizzera e l'Unione europea, hanno fatto appello all'Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Considerano ingiustificate le tariffe applicate dal 23 marzo da Washington per importare alcuni prodotti in acciaio e alluminio.

Guarda anche 

Vignetta elettronica, automobilisti ancora fregati

Come da copione: quel che era uscito dalla porta, in quanto stoppato dalla maggioranza politica, adesso viene fatto rientrare dalla finestra, con la consueta tattica del ...
26.03.2019
Svizzera

Aveva investito un giovane uccidendolo sul colpo, rischia 6,5 anni di carcere

Il processo di un automobilista accusato di aver fatalmente investito un pedone su un passaggio pedonale nel 2016 a Emibois, nel canton Giura, si è aperto luned&ig...
25.03.2019
Svizzera

Revoca della cittadinanza ed espulsione dei terroristi islamici, il Belpaese ci bagna il naso?

Il nome di Abderrhaim Moutaharrik alle nostre latitudini suonerà familiare. Non solo per l’avanzata islamista che ha portato alla diffusione di nomi analoghi...
25.03.2019
Svizzera

Presentato il rapporto sul "Russiagate", Trump esonerato. "Nessuna prova che ci fu collusione"

Il procuratore speciale Mueller non ha trovato nessuna prova di collusione tra il presidente americano Trump e la Russia. Lo rivelano i media statunitensi citando una ...
25.03.2019
Mondo
x