Svizzera, 15 agosto 2018

Aggressione di Ginevra, identificati quasi tutti gli autori

Meno di una settimana dopo la violenta aggressione avvenuta all'alba di mercoledì scorso nel centro storico di Ginevra, la maggior parte degli autori sono stati identificati, ha detto martedì il procuratore pubblico di Ginevra, facendo riferimento a informazioni del Tribune di Geneve.


Si tratta di cittadini francesi domiciliati nella vicina Francia. Stando a quanto riferisce sempre la Tribune de Geneve, sono ricercate cinque persone. Secondo una fonte di polizia francese citata dal quotidiano di Ginevra, si tratterebbe di "piccoli criminali" e non di individui appartenenti alla malavita organizzata. La procura di Ginevra conferma di aver delegato la procedura alle autorità giudiziarie francesi. Allo stato attuale, nessuna indagine sembra essere stata ancora fatta.


Cinque donne, nate tra il 1985 e il 1996, erano state aggredite poco dopo le cinque del mattino quando dopo aver lasciato una discoteca. Due di loro state state colpite violentemente alla testa e gravemente ferite, una delle quali è ancora in coma.


La vicenda ha suscitato viva emozione a Ginevra e nel resto della Svizzera. La sinistra ginevrina ha, durante lo scorso finesettimana, organizzato una manifestazione dove si denunciava la misoginia e la violenza contro le donne (una consigliera comunale dei verdi è arrivata ad incolpare Donald Trump e la società patriarcale). A destra invece si punta il dito contro la politica d'immigrazione svizzera e la facilità con cui i malintenzionati provenienti dall'estero possono entrare in Svizzera, basandosi allora su voci secondo cui gli aggressori erano cittadini francesi di origine magrebina residenti in Francia, informazione quest'ultima nel frattempo in buona parte confermata.

Guarda anche 

La tua vita non vale un fungo. I comportamenti da adottare per non correre rischi

La stagione della raccolta di funghi si annuncia buona ma i pericoli sono sempre dietro l’angolo. Di nuovo, nell’ambito del progetto “Montagne sicure&rd...
23.08.2019
Ticino

Vergogna! Gobbi insultato. "Fascista di merda, devi morire"

IBELLINZONA - Incontro ravicinato ben poco gradevole per il Consigliere di Stato Norman Gobbi ieri sera. "Ho avuto modo di apprezzare nuovamente il concetto di liber...
23.08.2019
Ticino

"Proteggiamo il nostro Paese con i denti, perché nessun altro lo farà per noi"

Stop allo smantellamento del nostro territorio. Le nostre valli, i nostri paesi, le nostre città e il nostro esercito di milizia meritano grande rispetto. Non poss...
23.08.2019
Ticino

Miracolo sull’alpe di Cava, Rocky sopravvive per 17 giorni nelle viscere della terra

La storia di Rocky, un cane meticcio di taglia media di 5 anni ha dell'incredibile. Lo scorso 2 agosto il cagnone, mentre stava giocando con un suo simile, è p...
22.08.2019
Ticino