Svizzera, 15 agosto 2018

Aggressione di Ginevra, identificati quasi tutti gli autori

Meno di una settimana dopo la violenta aggressione avvenuta all'alba di mercoledì scorso nel centro storico di Ginevra, la maggior parte degli autori sono stati identificati, ha detto martedì il procuratore pubblico di Ginevra, facendo riferimento a informazioni del Tribune di Geneve.


Si tratta di cittadini francesi domiciliati nella vicina Francia. Stando a quanto riferisce sempre la Tribune de Geneve, sono ricercate cinque persone. Secondo una fonte di polizia francese citata dal quotidiano di Ginevra, si tratterebbe di "piccoli criminali" e non di individui appartenenti alla malavita organizzata. La procura di Ginevra conferma di aver delegato la procedura alle autorità giudiziarie francesi. Allo stato attuale, nessuna indagine sembra essere stata ancora fatta.


Cinque donne, nate tra il 1985 e il 1996, erano state aggredite poco dopo le cinque del mattino quando dopo aver lasciato una discoteca. Due di loro state state colpite violentemente alla testa e gravemente ferite, una delle quali è ancora in coma.


La vicenda ha suscitato viva emozione a Ginevra e nel resto della Svizzera. La sinistra ginevrina ha, durante lo scorso finesettimana, organizzato una manifestazione dove si denunciava la misoginia e la violenza contro le donne (una consigliera comunale dei verdi è arrivata ad incolpare Donald Trump e la società patriarcale). A destra invece si punta il dito contro la politica d'immigrazione svizzera e la facilità con cui i malintenzionati provenienti dall'estero possono entrare in Svizzera, basandosi allora su voci secondo cui gli aggressori erano cittadini francesi di origine magrebina residenti in Francia, informazione quest'ultima nel frattempo in buona parte confermata.

Guarda anche 

Crisi al confine Messico-USA, in 10 mila sotto un ponte in attesa di entrare negli Stati Uniti

Oltre dieci mila migranti, in gran parte provenienti da Haiti, si trovano accampati sotto un ponte al confine meridionale degli Stati Uniti, causando l'ennesima crisi...
18.09.2021
Mondo

18 anni per l'uxoricida eritreo, che è stato espulso dalla Svizzera per 15 anni

Da 16 anni a 18 anni di reclusione, 15 ani di espulsione dalla Svizzera e 50mila franchi di risarcimento a ognuno dei figli rimasto orfano di madre. La Corte di appell...
17.09.2021
Ticino

Bambina di 8 anni annega in piscina a Bienne

Una bambina di otto anni è annegata giovedì verso le 14.55 nella piscina del Palais des Congrès a Bienne (BE). Come riporta il portale Arcinfo, per r...
17.09.2021
Svizzera

Per entrare in Svizzera, i non vaccinati dovranno mostrare il tampone

Il Consiglio federale vuole prevenire un aumento delle infezioni dovuto al rientro dalle vacanze autunnali e ha pertanto deciso nella sua seduta del 17 settembre 2021 che...
17.09.2021
Svizzera