Sport, 21 giugno 2018

La Svizzera e l’inno: una situazione che irrita praticamente tutti

I risultati del sondaggio da noi lanciato ieri non lasciano dubbi: quasi nessuno vuole vedere una Nazionale che non canti il Salmo

LUGANO – Certo, il nostro sondaggio lanciato ieri era anche provocatorio. In quanti non hanno mai discusso, o almeno sentito discutere, in merito alla situazione che si vive prima di oggi partita della Svizzera, quando quasi nessuno canta l’inno nazionale? In quanti non si sono mai lamentati delle convocazioni di Petkovic o del fatto che in Nazionale ci sono pochi giocatori svizzeri dalla nascita?
In effetti, guardando i dati del medesimo sondaggio, e analizzando anche i commenti pervenuti tramite i social network… non ci sono dubbi! L’inno nazionale è un fattore a cui il tifoso rossocrociato tiene e questa situazione fa anche discutere e arrabbiare.

Ben il 54% devi votanti non ha avuto dubbi, scegliendo l’opzione “Chi non canta l’inno non dovrebbe indossare la maglia della Svizzera”! Il 54%, ovvero più della metà: è evidente che un problema in merito a questa situazione c’è! A conferma di tutto questo, possiamo aggiungere l’altro 25% che ha risposto con “Esigo che tutti cantino l’inno”, per un totale del 79%... praticamente un plebiscito.

Ovviamente c’è anche il restante 21% che si divide tra “L’importante è che si impegnino poi in campo” (13%) e il “Mi va bene così” e il “Non mi interessa” che hanno raccolto entrambi circa il 4%.

Questi sono dati chiari che sottolineano come i tifosi rossocrociati siano legati al Salmo svizzero, che viene vissuto come un momento solenne che sottolinea la partecipazione e il senso di appartenenza a una Nazione che anche nel calcio sta scalando le gerarchie.

Ora la domanda è d’obbligo: come si comporteranno i giocatori domani sera a Kaliningrad prima della sfida con la Serbia?

Guarda anche 

Per Micheline Calmy-Rey il miliardo di coesione all'UE non è sufficiente, "bisogna aumentare l'importo in segno di buona volontà"

Secondo l'ex Consigliera federale socialista Micheline Calmy-Rey la Svizzera dovrebbe aumentare il contributo previsto all'Unione europea, attualmente 1 miliardo ...
15.09.2019
Svizzera

Umiliato e ridicolizzato: in casa Lugano il futuro è tutto un rebus

LOSANNA – C’era una volta il Lugano che divertiva e che si divertiva. C’era una volta il Lugano che dettava il suo gioco contro chiunque e che era capac...
15.09.2019
Sport

Maxirissa tra migranti su un treno tra Berna e Bienne, 2 feriti e 15 arresti

Un uomo e una donna sono rimasti feriti durante una rissa scoppiata nella notte tra venerdì e sabato in un treno che collegava Bienne a Berna. La polizia ha arrest...
15.09.2019
Svizzera

La sera prima della partita niente ritiro: giocatori col braccialetto elettronico!

LISBONA (Portogallo) – Secondo in classifica, alla pari del Porto, e a -3 dalla rivelazione Famaliçao, ma in casa Benfica quella sconfitta subita ad agosto c...
15.09.2019
Sport