Svizzera, 20 aprile 2024

Una scuola elementare vuole abolire la festa della mamma e scatena un putiferio

La scuola elementare di Lully, nel canton Ginevra, ha cercato di cancellare la festa della mamma. In una lettera indirizzata giovedì ai genitori, il direttore dell'istituto ha provato a spiegare perchè abolire questa tradizione: "In considerazione dell'attuale movimento che si occupa dell'inclusione di genere e dell'uguaglianza tra donne e uomini", si è deciso "di non celebrare più esclusivamente le madri durante il mese di maggio, ma, più in generale, le persone che amiamo. L'istituzione ha precisato che organizzerà questa nuova celebrazione il 24 maggio, a metà tra le date “ufficiali” assegnate alle mamme (12 maggio) e ai papà (2 giugno). Quel giorno i bambini saranno invitati a preparare due regali per le “persone che amano”.

Questa decisione ha suscitato molto presto numerose reazioni sui social network, con la vasta maggioranza dei commentatori che esprimeva la sua contrarietà. "In realtà, questo è tutto ciò che questi registi devono fare", ha detto un utente. "Patetico", dice un secondo. “Poveri genitori, madri e padri”, scrive una donna. La maggior parte dei commenti sono di questo tipo: “È una totale sciocchezza”, “Ho gli incubi, ho le allucinazioni, sono arrabbiato”, “Grottesco!”, ecc. Molti denunciano quella che considerano una manifestazione di “ideologia woke”,

Direttamente interessata da questa decisione, l'associazione dei genitori di Lully (Apels) non prende posizione sulla vicenda. "I nostri statuti ci impongono di rimanere neutrali, di sostenere gli insegnanti e di rispondere alle domande dei genitori", spiega la presidente Rima Laube. Ma in realtà è difficile che realizzi quest'ultima missione, perché l'Apels non è stato consultato a monte, “anche se i primi interessati sono i genitori”. L'associazione ha parlato con il direttore questo venerdì e gli ha potuto esprimere le sue preoccupazioni.



Laube afferma di aver parlato con diversi genitori. “La sensazione è un po' di stupore”, mentre “nel nostro villaggio sono presenti tutti gli schemi familiari e tutto va molto bene”. Racconta così la rabbia di una madre, “arrabbiata per una decisione così radicale che esclude padri e madri in nome dell'inclusione”.

La questione ha fatto così discutere da far intervenire le autorità cantonali. La consigliera di Stato Anne Hiltpold (PLR) ha sconfessato molto chiaramente la scuola questo venerdì. “La gestione del DIP (dipartimento dell'educazione) non è in alcun modo legata a questo approccio isolato, che non sosteniamo né nella sostanza né nella forma. Non risponde in alcun modo agli obiettivi pedagogici o educativi”, ha commentato Lauranne Peman-Bartolini, portavoce del Dipartimento della Pubblica Istruzione. La ministra PLR ha chiesto alla direzione della scuola di riconsiderare la sua decisione, affinché “i tradizionali lavoretti per la festa della mamma e per la festa del papà continuino ad essere realizzati dagli studenti di Lully e presentati durante queste feste” .

Inoltre e infine il DIP precisa che festeggiare la mamma “non è affatto” problematico. Quanto alla domanda se una decisione come quella di Lully non rischi di creare tensioni laddove non ce n'erano, la Consigliera di Stato non ha dubbi: “Assolutamente”.

Guarda anche 

Un cartellone contro l'estremismo islamico e la sinistra radicale censurato dalle autorità

Un cartellone pubblicitario dei giovani UDC che prende di mira l'estremismo islamico e la sinistra “woke” è stato vietato dalle autorità di ...
12.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto