Sport, 07 aprile 2024

Lugano ha salutato il suo guerriero

Nella giornata di ieri si è tenuta la consueta festa di fine stagione dei bianconeri: oltre al commiato con i sicuri partenti, i tifosi luganesi hanno potuto abbracciare Julian Walker che ha deciso di ritirarsi

LUGANO – C’era il sole ieri a Lugano. C’era il sole sopra la Cornèr Arena, c’era il sole a riscaldare ancora di più l’atmosfera al Capannone del DNA Bianconero & Events, in occasione della consueta festa di fine stagione dell’HCL. Una stagione finita come non si sarebbe voluto, con l’eliminazione nei quarti di finale dei playoff per mano del Friborgo al termine di una serie tirata, gagliarda, equilibrata, che ha vissuto due facce, quella delle prime due partite dominate dai burgundi e quella contraddistinta dalle restanti 5, col ritorno di Schlegel tra i pali che ha cambiato volto e forma a un Lugano apparso davvero affamato e in grado di poter fare sua la contesa. 

 
 
Ma tant’è… i giochi sono stati fatti, il KO della BCF Arena è alle spalle – i burgundi stanno disputando la loro semifinale contro il Losanna – e ieri la squadra ha salutato per l’ultima volta in stagione i suoi tifosi. Una maccheronata offerta, tante chiacchiere, tante foto, selfie e autografi e tanti addii, in attesa di capire cosa succederà con Thurkauf, la cui partenza verso la NHL potrebbe davvero cambiare ogni scenario – sul ghiaccio e sul mercato – del Lugano.
 
 
Tra gli addii, quello che ha più commosso tutti è stato quello di Julian Walker, che dopo 20 anni in Lega Nazionale e 11 con i colori bianconeri sulla pelle, ha deciso di ritirarsi. Con la sua grinta, la sua leadership, il suo sacrificio e il suo trash talking ha sempre saputo prendersi sulle spalle il Lugano, diventando un vero e proprio guerriero imprescindibile per il club. Ben 502 le sfide giocate con il club sottocenerino, ma gli ultimi infortuni ne hanno minato il rendimento, specie nell’ultima stagione dove sarebbe potuto risultare molto importante contro una squadra fisica come il Friborgo.
 
 
L’augurio è di vederlo e incontrarlo prossimamente comunque tra i corridoi della Cornèr Arena, anche perché il suo sorriso e il suo modo di affrontare il ghiaccio mancheranno molto.

Guarda anche 

Lugano straripante, ma l’YB ha le mani sul titolo

LUGANO – A ripensare alle sconfitte casalinghe rimediate contro lo Stade Lausanne e contro il San Gallo, al pareggio in casa del Winterthur, ci sarebbe da mangiarsi...
17.05.2024
Sport

“Si anticipi la costruzione del nuovo asilo di Lugano”

La realizzazione di un nuovo asilo nido a Lugano deve avvenire al più presto. Ne sono convinti un gruppo di consiglieri comunali della Lega dei Ticinesi (Andrea Sa...
14.05.2024
Ticino

L’YB spazza via ogni sogno di gloria del Lugano

ZURIGO – La sfida del Wankdorf del prossimo weekend sarebbe potuta essere una di quelle sfide memorabili, da ricordare negli annali, una di quelle potenzialmente de...
06.05.2024
Sport

San Gallo cinico, il Lugano parte col piede sbagliato

LUGANO - Dopo quattro anni il San Gallo torna a vincere contro il Lugano. Dopo undici risultati utili consecutivi (9 di campionato e 2 di Coppa) la squadra di Croci ...
05.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto