Svizzera, 16 febbraio 2024

Aumento record delle domande d'asilo nel 2023

La Segreteria di Stato della migrazione ha registrato un aumento significativo delle domande d’asilo nel 2023: 30’223 persone hanno chiesto asilo in Svizzera, 5’712 in più rispetto al 2022, un aumento pari al 23%.

Dietro a questa crescita vi è il numero delle domande d’asilo di cittadini turchi che è aumentato notevolmente; in Svizzera ci sono state 2000 domande in più rispetto all’anno precedente da parte di cittadini turchi. Anche dal Marocco e dall'Algeria sono pervenute richieste nettamente superiori rispetto agli anni precedenti. Secondo la SEM ciò è dovuto soprattutto alla situazione economica dei due paesi nordafricani.

Il Paese d’origine più importante per i richiedenti asilo nel 2023 è stato ancora una volta l’Afghanistan con 7'934 domande. Di questi, secondo la SEM, 151 sono da attribuire a ricongiungimenti familiari, 341 a nascite e 1'197 a richieste multiple. Sono state registrate in totale 6'245 richieste primarie da parte di persone di cittadinanza afghana.



Nel 2023 la SEM ha trattato in prima istanza 26’667 domande d’asilo. Di questi, hanno ricevuto l'asilo 5'991 persone, la percentuale di concessione dell'asilo è stata del 25,7% (2022: 30,6%). Il tasso di protezione (percentuale di asilo concesso più ammissioni provvisorie basate su decisioni di prima istanza) è stato del 54,4% (rispetto al 59,0% nel 2022). Rispetto all'anno precedente il numero delle cause pendenti in primo grado è aumentato da 3'328 a 15'567.

Nel 2023 hanno lasciato la Svizzera sotto controllo 16’721 persone (2022: 11’467). 13'001 persone sono tornate volontariamente nel proprio Paese d'origine o in un Paese terzo (2022: 8'333), di cui 10.978 in Ucraina (2022: 6'666). 3'720 persone sono state rimpatriate forzatamente verso un paese d'origine, un paese terzo o un paese Dublino (2022: 3'134). Complessivamente il numero delle partenze è aumentato del 45,8% rispetto al 2022.

Guarda anche 

Associazioni ambientaliste contestano un centro asilanti perché mette a rischio specie rare

La costruzione di un nuovo centro per richiedenti l'asilo nel canton Ginevra metterebbe a rischio delle specie rare di rane e tritoni. WWF e Pro Natura hanno infatti ...
24.04.2024
Svizzera

L'italiano non è più la terza lingua più parlata in Svizzera

Tre quarti della popolazione svizzera vive oggi in aree urbane, rispetto a un terzo 100 anni fa, indica la Statistica delle città svizzere. Tra le lingue più...
24.04.2024
Svizzera

Gli abitanti di una cittadina svittese si organizzano contro l'apertura di un centro per richiedenti l'asilo

Il comune di Arth, nel canton Svitto, conta poco più di 10'000 abitanti. Eppure più di un migliaio di loro erano presenti mercoledì sera nella pa...
20.04.2024
Svizzera

Richiedente l'asilo respinto vince al Tribunale federale e chiede 60'000 franchi di risarcimento

Un richiedente l'asilo respinto ha vinto la causa contro il Canton Appenzello Esterno. Il Tribunale federale ha infatti stabilito che le autorità non hanno ris...
16.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto