Svizzera, 25 gennaio 2024

Senza formazione, apre uno studio medico e riesce a incassare centinaia di migliaia di franchi

Un cittadino rumeno si è improvvisato medico per un anno e mezzo a Brugg (AG) e, nonostante la sua mancanza di conoscenze mediche, gestiva uno studio e fatturava dei servizi che non aveva fornito. Ogni cinque minuti questo finto medico di famiglia riceveva un nuovo paziente e fatturava, per la durata di 15 minuti, una “visita completa da parte dello specialista delle cure primarie”. Tuttavia, non ha mai fatto quest’ultima cosa: non avrebbe mai avuto il tempo di farlo. Sebbene non abbia mai fornito servizi come pacchetti di emergenza, cure urgenti, elettrocardiogrammi e revisione delle cartelle cliniche, li ha anche fatturati.

Inoltre fatturava alle compagnie d'assicurazione consulenze specifiche che non era affatto autorizzato a fornire a causa della sua formazione insufficiente. Nel corso di un anno e mezzo ha emesso 2300 fatture mediche false e ha così incassato più di 245'000 franchi, riferisce l'“Aargauer Zeitung”.

Nel 2016 l’inganno è stato scoperto. Il rappresentante dell'Ordine dei medici argoviese ha scritto in un rapporto che le ricerche interne allo studio medico hanno fornito un “quadro deludente”. Il 59enne in precedenza aveva lavorato in diversi studi medici, al pronto soccorso, in una clinica psichiatrica e per la Croce Rossa tedesca, come ha dichiarato al tribunale distrettuale di Brugg.



Quando nel 2016 il suo studio venne chiuso senza preavviso, il medico di famiglia scomparve senza lasciare traccia. Nei suoi confronti è stato emesso un mandato di cattura internazionale, che si è concluso con il suo arresto in Italia.

La destinazione del denaro rubato resta un mistero. Nonostante guadagnasse circa 15'000 franchi al mese, non pagava il mantenimento dei figli. "Avevo molti debiti in Romania, che in parte ho ripagato, e con il resto ho vissuto al di sopra delle mie possibilità in Svizzera, ho comprato cose e ho fatto escursioni", spiega l'imputato.

Gli dispiace, assicura, ma il presidente del tribunale Sandro Rossi non si lascia commuovere. Secondo lui, vedeva nei suoi pazienti solo un profitto. “Dovreste vergognarvi”, insiste il presidente. L'autoproclamato medico di famiglia è stato condannato a tre anni di carcere, di cui 18 mesi da scontare. A ciò si aggiunge l'espulsione dal territorio svizzero per sette anni. Dovrà inoltre rimborsare 245'000 franchi alle casse malati e 10'000 franchi di alimenti a ciascuna delle sue due figlie.

Guarda anche 

Un ristoratore truffa la Confederazione per 250'000 franchi e rischia l'espulsione

Il proprietario di un ristorante di Lucerna è riuscito a incassare 250'000 franchi tramite aiuti Covid. L'uomo, un 53enne italiano, a partire da marzo 2020...
23.04.2024
Svizzera

Ricercato dalla polizia, su Internet prende in giro la Svizzera: "Sono già tornato quattro volte"

Il tunisino Omir V. (nome di fantasia) è uno dei latitanti più ricercati della Svizzera. Mentre la polizia è alla ricerca di questo violento gi&agrav...
12.04.2024
Svizzera

Condannato a 19 anni di carcere per aver seppellito un amico in una grotta

La Corte Suprema del Canton Argovia non ha riconosciuto l'irresponsabilità dell'imputato e ha confermato la pena detentiva dell'"assassino delle c...
26.03.2024
Svizzera

Si moltiplicano le truffe sulla piattaforma Twint

La piattaforma di pagamento Twint è diventata lo strumento prediletto dei truffatori in Svizzera, e negli ultimi mesi si sono moltiplicate le segnalazioni di truff...
28.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto