Svizzera, 17 gennaio 2024

Abusa di un'adolescente mentre è alla guida dell'automobile

Un 20enne residente nel canton Vaud è stato condannato per aver abusato di una ragazza che stava dormendo nella sua auto e questo, mentre lui era alla guida del veicolo.
I due si erano conosciuti nel settembre 2021 su Internet. Lo studente aveva confidato le sue difficoltà in matematica alla giovane vodese. E lei, una studentessa brillante, gli ha gentilmente offerto il suo aiuto.

Cinque giorni dopo, è andato a prenderla in macchina. Ma, una volta giunti nei vigneti di Chardonne (VD), più della matematica, fu soprattutto il corpo della giovane che sedeva accanto a lui ad interessarlo. In diverse occasioni, ha provato ad accarezzarle il petto e le natiche, a baciarla o addirittura a passarle la mano sotto i vestiti. Ma lei ogni volta gli diceva di no e lo respingeva e gli ha chiesto di riportarla a casa.

Lungo la strada ha provato di nuovo a palpeggiarla e lei, ancora una volta, si è opposta. Ma, soffrendo di una malattia che la esaurisce in situazioni stressanti, l'adolescente si addormentò sul sedile del passeggero. E l'uomo ne ha approfittato. "Quando mi sono svegliata, il suo dito era nella mia vagina", descrive la vittima singhiozzando. “Lei ti aveva già detto di no verbalmente, fisicamente e a distanza. Cosa c'è nella parola "no" che non capisci?" si è chiesto il presidente del tribunale, infastidito da questo “figlio di papà che pensa solo a se stesso”. Quest’ultimo ha risposto, scuotendo le spalle: “Lo ha detto con un sorriso”.



La vittima, dal canto suo, da allora visita ogni settimana uno psicologo. Si è ritirata in se stessa e gli studi ne hanno risentito drasticamente. L'imputato ha accettato di risarcirla 2'500 franchi a titolo di risarcimento morale. "Se questo la aiuta a guarire, posso chiedere altri soldi ai miei genitori", ha promesso il 20enne, che non ha alcun reddito.

Quando la polizia ha arrestato l'imputato, ha inoltre messo le mani anche sul suo telefono. Sull'apparecchio ha scoperto numerosi video in cui appare principalmente alla guida dell'Audi RS3 modificata di suo fratello maggiore, ad altissima velocità. In totale sono stati registrati una quarantina di superamenti a volte di 20 o 30 km/h, ma anche di 50, 60 o anche più di 100 km/h. "Si trattava di pubblicare le immagini sui social network", ha ammesso il giovane. Tutti questi reati sono stati commessi in soli due anni da quando ha ottenuto la patente.

Colpevole di atti sessuali contro persona incapace di difendersi e per gli eccessi di velocità, il 20enne è stato condannato a 36 mesi di carcere, di cui 12 da scontare, oltre a dover pagare una multa di 4'000 franchi.

Guarda anche 

Responsabili di un centro per omosessuali accusati di aver abusato di minori in difficoltà

Scandalo nella comunità omosessuale della Svizzera orientale. Due gestori di un centro d'incontro per giovani queer sono andati a letto con adolescenti venuti ...
17.04.2024
Svizzera

Condannata perchè è caduta pedalando in bicicletta

Mentre andava in bicicletta con la figlia, una donna friburghese di 45 anni è caduta pesantemente. Ferita, soprattutto al volto, ha dovuto essere trasferita in osp...
16.04.2024
Svizzera

La Corte europea per i diritti dell'uomo condanna la Svizzera per "inazione climatica"

Martedì la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato per la prima volta uno Stato, la Svizzera, per violazione della Convenzione sui diritti del...
09.04.2024
Svizzera

Per protestare contro il lupo, depongono le pecore uccise davanti alla sede del Governo

"Siamo stufi, vogliamo che il lupo venga ucciso", racconta un macellaio di Oulens, nel canton Vaud. “Non possiamo vivere insieme, il nostro territorio &eg...
07.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto