Svizzera, 04 gennaio 2024

Il Consiglio federale si piega alla lobby farmaceutica e gli assicurati pagano 150 milioni in più

È un intervento medico estremamente comune, ma potrebbe costare più di 1'000 franchi in meno: un'iniezione contro la degenerazione maculare costa fino a 1'389,50 franchi ogni volta. Eppure è una procedura così semplice che i pazienti possono essere trattati nel giro di minuto nelle cliniche oculistiche. "Funziona come una catena di montaggio", riferisce una persona familiare con questo tipo di interventi, citato dal Blick.

Il 1° gennaio di questo nuovo anno 2024, il Consiglio federale avrebbe voluto porre fine a questi interventi “a catena”. Ma si è piegato alla lobby della salute. I contribuenti dovranno quindi pagare quest'anno anche più di 150 milioni di franchi in eccesso a causa di questa decisione.

Questo esempio dimostra ancora una volta come le lobby farmaceutiche e mediche influenzano il sistema sanitario svizzero con le loro pressioni politiche. Ma i pazienti, le casse malati e alcuni medici neutralizzano segretamente la discutibile politica dei prezzi dei produttori di farmaci con un semplice trucco. L’analisi delle fatture dei medici effettuata da “Beobachter” mostra come funziona.

Come migliaia di altri anziani, Elfie Grendene lotta con un calo della vista. “In pochi mesi ho subito una progressiva perdita della vista”, spiega questa donna di 87 anni. Soffre di degenerazione maculare legata alla sua età avanzata. Esistono tre farmaci per combatterla, ma in Svizzera si possono somministrare solo i due più costosi.

“Per ogni trattamento agli occhi, solo il farmaco costa quasi 1000 franchi. Quando l'ho saputo, pensavo di non sentire bene, dice. Ho problemi con questo medicinale commerciale. Lo paghiamo tutti con i nostri premi. Non sorprende quindi che il loro prezzo continuino ad aumentare”.
L'ottantenne non ha voluto assecondare questa pratica e ha cambiato medico. “Il mio nuovo oculista mi ha detto: 'Da me l'iniezione costa molto meno'.” Cambiando medico, il paziente ha quindi risparmiato denaro e anche la fattura finale per la cassa malati è stata inferiore.



La ricetta del nuovo medico contro il prezzo elevato dei medicinali è tanto semplice quanto efficace. Ha semplicemente iniettato al suo paziente il farmaco più economico Avastin nel corpo vitreo dell'occhio invece di uno dei due farmaci costosi. Molti altri medici fanno lo stesso.

Perché dal punto di vista medico non c’è nulla da criticare all’Avastin “economico”. È sicuro ed efficace, lo ha accertato anche un tribunale. Unico problema: Avastin non ha l'autorizzazione all'immissione in commercio come medicinale oftalmologico, perché il produttore Roche non lo vuole. Il gruppo farmaceutico basilese non ha mai registrato l'Avastin come farmaco contro la degenerazione maculare. È stato registrato solo come medicinale antitumorale. Se un medico inietta comunque Avastin per il trattamento degli occhi, si tratta di un cosiddetto uso “off-label”. Ciò significa che sta utilizzando un medicinale al di fuori dell'autorizzazione ufficiale. Ciò è consentito solo se il paziente è d'accordo.

Quando un medico sceglie Avastin, il costo del farmaco viene ridotto di dieci. Il farmaco costa infatti il ​​90% in meno per applicazione rispetto ai due farmaci ufficialmente autorizzati del gruppo farmaceutico basilese Novartis. Concretamente: il farmaco di Novartis Lucentis costa 866,75 franchi per siringa pronta, il farmaco di Novartis Eylea costa 987,50 franchi, mentre l'Avastin costa solo 80,95 franchi per applicazione, come mostrano le cifre sulle fatture mediche analizzate da “Beobachter”.
In realtà gli assicuratori malattie non avrebbero il diritto di pagare queste fatture a causa di un'ordinanza della Confederazione. L'Ufficio federale della sanità pubblica conferma queste informazioni. Tuttavia gli assicuratori sanitari hanno trovato un modo creativo per aggirare la direttiva di Berna.

Molti di loro riferiscono, in modo discreto, che pagano senza problemi le fatture Avastin emesse dagli oculisti. La politica è semplice: chiudere un occhio, per il bene dell’economia e nell’interesse di chi paga i premi. Finché non controllano le fatture, le casse malati non si accorgono ufficialmente di nulla. Il loro comportamento non è quindi giuridicamente riprovevole. Ciò significa che per risparmiare sui costi dell’assicurazione di base obbligatoria è necessario aggirare la legge.

Questa “resistenza segreta” da parte degli assicuratori malattie si spiega con il fatto che da anni è risaputo che il Avastin è efficace. Cinque anni fa la Corte di giustizia europea ha stabilito che il rimedio poteva essere utilizzato contro la degenerazione maculare. Nel maggio 2023 Roche e Novartis sono stati addirittura condannati in Italia per accordo anticoncorrenziale sui prezzi dei due farmaci Avastin e Lucentis. L'autorità italiana garante della concorrenza ha ritenuto che il loro comportamento costituisse un cartello a danno dei pazienti italiani. Roche è stata multata di 90,5 milioni di euro, Novartis di 92 milioni di euro.

L’Italia ha quindi agito, ma non la Svizzera. Nel settembre 2023 il Consiglio federale ha accolto le richieste delle lobby sanitarie. Un portavoce della Confederazione afferma che le competenti commissioni parlamentari del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati hanno fortemente criticato l'attuale stato di cose. Nel corso di una tavola rotonda, il Dipartimento dell'Interno del consigliere federale Alain Berset ha quindi cercato "soluzioni di compromesso" e alla fine ha rinunciato a proporre al Consiglio federale un utilizzo off-label di Avastin, come previsto per il 1° gennaio 2024.

Il motivo di questo passo indietro? Roche e Novartis avrebbero lavorato durante la consultazione per far sì che il Consiglio federale abbandonasse il suo progetto. Il portavoce di Novartis spiega: Il diffuso uso off-label rappresenterebbe una “minaccia al sistema giuridico, medico e normativo consolidato, che deve garantire l'autorizzazione da parte delle autorità e l'uso di farmaci efficaci e sicuri per i pazienti”.

Secondo il portavoce della Roche, questo progetto avrebbe “messo a repentaglio la sicurezza garantita ai pazienti e minato la tutela della proprietà intellettuale”. In linea di principio i medicamenti dovrebbero essere utilizzati solo negli ambiti per i quali sono stati sviluppati, testati e omologati da Swissmedic. L'Osservatorio dei prezzi si rammarica invece che il Consiglio federale abbia “rinunciato a questa importante misura di riduzione dei costi a favore dei contribuenti dei premi”. Questa misura avrebbe potuto essere implementato “senza perdita di qualità per i pazienti”.

Guarda anche 

Costi della sanità in continuo aumento, verso una nuova stangata dei premi nel 2025

Con tutta probabilità i premi di cassa subiranno un notevole aumento anche nel 2025. Lo si può dedurre dall'aumento considerevole dei costi sanitari per...
28.03.2024
Svizzera

Malata, una donna si fa cacciare dall'ospedale perchè la sua malattia non è redditizia

Una paziente di un ospedale del canton Berna è stata dimessa dall'ospedale nonostante fosse ancora malata. Questo perchè, a suo dire, la sua condizione ...
20.03.2024
Svizzera

Un medicamento contro l'obesità rischia di costare centinaia di milioni di franchi alle casse malati

Il rimborso di un medicamento contro l'obesità rischia di costare centinaia di milioni di franchi alle casse malati e, quindi, ripercuotersi in futuro sui prem...
14.03.2024
Svizzera

La Confederazione vuole che i detenuti abbiano la cassa malati, “il 95% di loro non paghererebbe”

Chi dovrebbe pagare la cassa malati ai detenuti? Le casse sanitarie o i Cantoni? Secondo la prassi attuale, è il cantone in cui si trova il carcere a pagare le cur...
08.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto