Sport, 07 novembre 2023

La notte della vergogna: Argentina-Colombia 0-5!

Qualificazioni ai Mondiali 1994: i cafeteros umiliano i biancocelesti a Buenos Aires

LUGANO - Che notte, quella notte del 3 settembre di 30 anni fa! A Buenos Aires si consuma una delle più grandi tragedie sportive della nazione argentina, giusto 15 anni dopo la vittoria nel Mundial di Videla. La Colombia di Francisco Maturana, l’Arrigo Sacchi del Sudamerica, massacra a suon di gol (cinque) la squadra diretta da Alfio Basile; uno show che ancora oggi è ricordato con sentimenti ovviamente diversi. Che notte, quella notte: dopo un primo tempo assolutamente argentino, nella ripresa i colombiani inseriscono il turbo, con un cambio di marcia e velocità impressionanti che spaccano in due i padroni di casa. Sotto i colpi degli incontenibili Asprilla, Rincon e Valencia, detto El tren, la Colombia mostra al mondo tutta la sua forza e il suo talento: quella nazionale, dissero poi Cruyff e Pelé, aveva le stimmate della squadra campione del mondo. Ma fu Valderrama il vero ispiratore della storica goleada: le sue invenzioni e la sua verve mettono al tappeto una Argentina che soffre come non mai dell’ assenza di Maradona, che aveva rinunciato alla Nazionale, per poi ritornarvi a furor di popolo per lo spareggio contro l’Australia, vinto con un gol di Balbo. 



Argentina e Colombia si presentano al match decisivo in condizioni psicologiche contrapposte: alla squadra di Basile manca Maradona ma soprattutto mancano due punti per conquistare i Mondiali americani del 1994. Alla Colombia basta un pareggio. A Buenos Aires fa freddo, sembra una serata invernale: i biancocelesti hanno paura, conoscono la forza dei loro rivali. E in particolare l’estro dei suoi giocatori: i colombiani sono un po' come brasiliani, sono giocolieri nati anche se un po' indolenti. La storia ci racconta che dal 1962 al 1990 gli andini non partecipano ad un solo Mondiale. E un motivo ci sarà stato. Questa volta però, con Maturana in panchina, le cose cambiano. El profesor ha studiato calcio e conosce ogni dettaglio della tattica: costruisce una nazionale a sua immagine e somiglianza mentre Basile ha in mano una sorta di Armata Brancaleone. La differenza la potrebbe fare El Dies, Diego Maradona. Ma lui è assente. E contro quella Colombia non ci si può permettere di concedere un giocatore così. La notte del Monumental Nunez sembra predestinata ad un vero e proprio colpo di mano degli ospiti.


Dell’ Argentina, di quell’Argentina, faceva parte anche Diego Simeone, attuale allenatore dell’ Atletico Madrid. Al network ESPN recentemente ha raccontato la notte della vergogna: ”Nel primo tempo il portiere colombiano Cordoba fu bravissimo a neutralizzare almeno tre tentativi dei nostri attaccanti. Loro fecero poco o nulla. Noi dovevamo assolutamente vincere e col passare del tempo ci innervosimmo. Nella ripresa, quasi inevitabilmente, ci aprimmo e la Colombia ad ogni contropiede avrebbe potuto fare gol. Ci riusci cinque volte. Per noi fu un vero e proprio massacro. Ma quella esperienza mi aiutò, con gli anni, a capire cosa ci vuole per essere un vincente. Come giocatore ne uscii con le ossa rotte”.


Quel risultato cambiò di fatto anche la storia del calcio sudamericano. Sino al 3 settembre di 30 anni fa, Argentina-Colombia era una sfida fra le tante; in seguito è diventato un vero e proprio classico, soprattutto per gli argentini, smaniosi di prendersi la rivincita. “Ad ogni occasione, sia nelle eliminatorie o in partite amichevoli, gli argentini cercavano di restituirci il cappotto – disse Faustino Asprilla ai microfoni di Radio Caracol anni dopo – Sembravano indemoniati. La sete e la voglia di rivincita però non sempre aiuta e infatti nelle partite seguenti la Colombia è sempre uscita dalle sfide contro i biancocelesti a testa alta”.


E pensare che la nazionale di Alfio Basile era reduce dalla grande vittoria della Copa America disputata in Ecuador. Il 14 luglio di quello stesso anno (1993), in un altro Monumental, quello di Guayaquil, gli argentini sconfissero in finale il Messico (2-1) grazie ad una rete di Gabriel Batistuta nel finale. “Se penso che alcuni mesi dopo avremmo mangiato la polvere contro i colombiani mi vengono ancora oggi addossi i brividi – disse Re Leone ad un TV privata di Firenze – Non scorderò mai quella tremenda umiliazione”. Che notte, quella notte del 3 settembre del 1993: la notte della vergogna: que viva Colombia!

JACK PRAN

Guarda anche 

Nuovo presidente e cassiera per la Lega di Lugano

Giovedì scorso si è tenuta presso la sala del Consiglio Comunale l'assemblea dell'associazione Lega Lugano. All'ordine del giorno, oltre all'...
18.06.2024
Ticino

Usa, scagionata dopo 43 anni passati ingiustamente in carcere

“Sandy” è in prigione da 43 anni per una condanna di omicidio. Ma dopo diversi giorni di udienze, venerdì scorso il giudice distrettuale della c...
18.06.2024
Mondo

Gli svizzeri hanno trascorso 50'000 ore fermi nel traffico nel 2023

Gli ingorghi sulle strade nazionali svizzero hanno raggiunto nel 2023 un valore record, pari a 48'807 ore. Ciò rappresenta un aumento del 22,4% rispetto al 202...
18.06.2024
Svizzera

Una sentenza del Tribunale federale potrebbe far lievitare i costi della sanità

Una recente decisione del Tribunale federale (TF) potrebbe far lievitare i costi della sanità. I giudici di Mon Repos si sono infatti pronunciati a favore di una m...
18.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto