Svizzera, 16 ottobre 2023

La Confederazione ha obbligato le FFS ad aumentare i prezzi

Le Ferrovie federali svizzere (FFS) sono spesso criticate per i continui aumento dei prezzi. Aumenti che, però, sarebbero stati decisi dietro pressione del governo, stando a documenti pubblicati da "SonntagsBlick". Secondo il materiale ottenuto dal domenicale risulta infatti che l'aumento è dovuto soprattutto alla Confederazione.

Secondo i documenti confidenziali che “SonntagsBlick” è riuscito a procurarsi, l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha ripetutamente e unilateralmente esercitato pressioni sulle società esercenti affinché aumentassero i prezzi dei loro servizi: “Le misure tariffarie devono essere attuate entro il 2024, sia a livello livello nazionale e regionale”, si legge in una lettera scritta dal direttore dell'UFT, Peter Füglistaler, indirizzata ai diversi operatori delle linee ferroviarie. Un approccio che ha sorpreso mister prezzi: “L’autonomia della contrattazione collettiva è di fatto fortemente limitata”, si legge in una lettera del 17 maggio.



Criticata, le FFS si oppongono da tempo a questo aumento dei prezzi. “Le FFS non prevedono attualmente alcun aggiustamento dei prezzi fino al 2030, in particolare a causa delle incertezze a causa del traffico post-Covid”, si leggeva durante una presentazione aziendale nell'ottobre 2021. Secondo i calcoli di "SonntagsBlick", i costi dei biglietti dei trasporti pubblici dovrebbero aumentare in media del 3,7% a partire dalla fine dell'anno.

Eppure, la Legge federale sul trasporto passeggeri (LTV) prevede che le società operative siano ritenute le uniche responsabili dei prezzi dei loro servizi.

La pressione esercitata dall'Ufficio federale dei trasporti sulle FFS rientra quindi nel quadro giuridico autorizzato? Secondo il servizio stampa dell'UFT l'intervento di Peter Flüglistaler non pone alcun problema giuridico: "La Confederazione e i Cantoni hanno un'influenza indiretta nella fissazione dell'importo dei sussidi e rappresentano anche qui gli interessi dei contribuenti". Secondo l'UFT la lettera di Peter Flüglistaler fa seguito alle decisioni prese il 15 febbraio dal Consiglio federale per risanare il bilancio della Confederazione. 


Guarda anche 

Il Consiglio annuncia un deficit di 1,4 miliardi di franchi e tagli nel trasporto pubblico e nei politecnici

La Consigliera federale Karin Keller-Sutter ha presentato i conti 2023 della Confederazione, che sono risultati essere migliori di quanto preventivato. Ma fanno comunque ...
15.02.2024
Svizzera

La Confederazione vuole vietare la pubblicità prodotti zuccherati ai minorenni

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la pubblicità dei prodotti ricchi di zucchero non è adatta ai bambini. I suoi rappresenta...
28.01.2024
Svizzera

La Confederazione vuole tagliare centinaia di milioni di franchi nell'agricoltura

Il Consiglio federale vuole ridurre le spese nel settore agricolo del 2,5%, pari a 347 milioni di franchi, per gli anni dal 2026 al 2029. Ciò è dovuto alle ...
26.01.2024
Svizzera

Sigarette più care e tagli nell'asilo e nel trasporto pubblico: le misure della Confederazione per ridurre il deficit

Il futuro è cupo per le finanze della Confederazione. Si prevede infatti un deficit di 2,5 miliardi di franchi e oltre a partire dal 2025, ha annunciato mercoled&i...
25.01.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto