Svizzera, 22 settembre 2023

La città di Zurigo consiglia ai genitori di non usare più i termini “mamma” e “papà”

I termini “mamma” e “papà” appartengono al passato. O perlomeno è quello che crede il comune di Zurigo, che in una newsletter dedicata ai genitori della città sulla Limmat, e incentrata sul “linguaggio non sessista”, suggerisce di usare i termini “genitori” (Elternteile) o “tutori” (Betreuungspersonen). Questo suggerimento vale soprattutto nelle situazioni in cui i genitori parlano ai figli di altre famiglie, precisa il bollettino. I genitori sono inoltre invitati a “mettere da parte i propri pregiudizi di genere e i gusti nell'abbigliamento che ne derivano per il bambino”.

Secondo Julia Köpfli, responsabile della comunicazione dei servizi sociali della Città, la scelta di questo tema risponde a un'esigenza sempre più attuale. A quanto pare, le questioni relative al genere e all’istruzione preoccupano sempre più i genitori. Molti di loro avrebbero recentemente visitato il centro di consulenza per ottenere chiarimenti sulla questione.



Le reazioni alla newsletter zurighese non si sono fatte attendere. Per Susanne Brunner, deputata UDC nel Parlamento della Città di Zurigo, il contenuto della newsletter è “allarmante e totalmente distante dalla realtà”. Brunner ritiene che ci sia un “piano” per mettere in atto un'educazione mirata alla dissoluzione dei generi. Ritiene inoltre che l'istruzione sia una questione privata e che quindi il Comune non debba interferire in essa.

La pensa in modo simile Michel Matter, consigliere nazionale di Ginevra e vicepresidente dei Verdi liberali, che ha reagito con un messaggio sul social network LinkedIn condividendo lo screenshot di un articolo sull'argomento: “E dove stiamo andando?!?!?! Niente più mamma, niente più papà?!?! Bisogna dire STOP.” In poche ore, la pubblicazione del deputato verde liberale ha suscitato un centinaio di commenti, la maggior parte dei quali a suo favore.

Guarda anche 

Una scuola elementare vuole abolire la festa della mamma e scatena un putiferio

La scuola elementare di Lully, nel canton Ginevra, ha cercato di cancellare la festa della mamma. In una lettera indirizzata giovedì ai genitori, il direttore dell...
20.04.2024
Svizzera

Un 88enne brutalmente aggredito alla stazione di Zurigo (e la polizia aspetta 3 giorni per dirlo)

Sabato sera un marocchino di 31 anni ha aggredito un 88enne svizzero alla stazione centrale di Zurigo. La vittima ha riportato gravi ferite alla testa ed è stata t...
17.04.2024
Svizzera

Vive da sola in un appartamento sussidiato di 6 locali e il comune non può sfrattarla

In questi tempi di mancanza di alloggi c'è una persona che non ha problemi di spazio: una pensionata che abita sola a Zurigo in un appartamento di 6 locali fin...
13.04.2024
Svizzera

Va a vivere con l'uomo che aveva accoltellato

Era una relazione a dir poco burrascosa, quella tra due quarantenni zurighesi abituati a discussioni e litigi. Ma una sera di gennaio 2023 il litigio è andato ben ...
12.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto