Svizzera, 11 settembre 2023

"Cassa malati pubblica da rivalutare"

Per contrastare il continuo aumento dei premi di cassa malati, bisogna valutare l'introduzione di una cassa malati unica nazionale o, in alternativa, di diverse casse malati cantonali. È quanto chiede il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un postulato inoltrato oggi al Consiglio federale. Secondo Quadri, i continui aumenti dei premi rendono il pagamento dell'assicurazione sanitaria sempre più insostenibile, con il risultato che presto la maggior parte dei cittadini non potrà pagarla senza un aiuto statale. Di fronte a questa situazione, e forte di un recente sondaggio che indica che il 79% degli svizzeri sarebbe favorevole a una cassa malati unica, bisogna quindi valutare l'introduzione di una cassa malati unica e pubblica.

Pur riconoscendo che questa non avrebbe di per sé un'incidenza sui costi sanitari, Quadri sottolinea l'importante discrepanza tra l'aumento dei costi della sanità negli ultimi 25 anni (+81%) contro l'aumento dei costi (+141%). Con una cassa malati unica si metterebbe fine all'opaco e macchinoso sistema delle riserve e gli assicuratori non potrebbero più investire, e quindi perdere, miliardi di franchi in borsa (“il CF Berset ha di recente parlato di perdite per 1.8 miliardi sui mercati finanziari” ricorda Quadri). L'esponente leghista ritiene inoltre che una cassa malati unica metterebbe fine al sistema attuale che genera numerosi manager e consiglieri di amministrazione “molti dei quali dispongono di numerose sottocasse, ciascuna con una propria gerarchia: ne deriva una moltiplicazione dei costi provocati dagli organi dirigenziali” scrive Quadri nel postulato.



Infine, una cassa malati unica metterebbe fine all'”estrema” lobbizzazione e ai conflitti d'interessi tra casse malati e politica. “Non va dimenticato che membri ben remunerati di questi organi dirigenziali siedono nell’Assemblea federale, ed in particolare nelle Commissioni della Sicurezza Sociale e della Sanità di entrambe le Camere. Il conflitto di interessi è pertanto evidente, e ormai denunciato da più parti politiche. L’estrema lobbizzazione del sistema sanitario ostacola la ricerca di soluzioni per abbassare i premi” si legge nel postulato di Quadri.

Per questi motivi, anche in considerazione del tempo trascorso dall’ultima votazione e delle mutate circostanze, si chiede al Consiglio federale di valutare l'introduzione di una cassa malati unica pubblica come di casse malati cantonali.

Guarda anche 

"La Svizzera applichi il modello Ruanda del Regno Unito"

La Svizzera deve applicare il “modello Ruanda”, recentemente messo in pratica dal Regno Unito. È quanto chiede una mozione del Consigliere nazionale de...
28.05.2024
Svizzera

Due iniziative sanitarie da respingere

Se per frenare l’esplosione dei costi della salute, e di conseguenza dei premi di cassa malati, bastasse stabilire un budget globale e poi tutto si aggiusta da solo...
25.05.2024
Svizzera

Cassa pensioni dello Stato: stiamo gettando miliardi in un pozzo senza fondo

L’allora direttore del DFE Dick Marty negli anni Novanta definì la Cassa pensioni dello Stato (IPCT) “la Rolls Royce delle casse pensioni”. E per...
17.05.2024
Ticino

Se non passa la “riformetta” saranno più tasse per tutti

A suon di slogan populisti e di cifre farlocche, i tassaioli rossoverdi hanno iniziato la loro campagna contro la riformetta fiscale da 45 milioni all’anno. Riforme...
11.05.2024
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto