Sport, 25 luglio 2023

Tocca di nuovo a noi: battere la Norvegia per blindare gli ottavi

Dopo la vittoria all’esordio contro le Filippine, questa mattina le ragazze di Inka Grings dovranno vedersela contro le temibili, e ferite, norvegesi. In ballo un pass per la fase a gironi

HAMILTON (Nuova Zelanda) – Da Dunedin, sede del ritiro e della prima partita mondiale, ad Hamilton. Dalla South Island alla North Island. In mezzo un viaggio di 980 km che porta con sé la grande occasione di centrare il primo obiettivo mondiale nel minor tempo possibile. Ebbene sì, la Svizzera del calcio femminile, dopo l’esordio vincente contro le Filippine, oggi testerà le proprie velleità contro la temibile Norvegia e lo farà ad Hamilton, sotto le volte del Waikato Stadium e, per qualificarsi agli ottavi, dovrà mettere in campo tutte le sue qualità. 

 
 
Non sarà facile: le norvegesi erano le favorite del Girone A ma, contro ogni pronostico, hanno fallito il loro esordio cadendo per 0-1 contro le padroni di casa neozelandesi (che hanno anche sbagliato un rigore nel finale del match) e ora si trovano con l’acqua alla gola: perdere significherebbe salutare la competizione iridata.
 
 
Ecco anche perché non sarà una passeggiata per Ramona Bachmann e compagne, ma la Svizzera negli ultimi anni è cresciuta tanto, ha acquisito coraggio, convinzione e maturità e sarà in grado di mettere in campo tutte le sue armi, partendo proprio dalla Bachmann, passando per la Crnogorcevic fino ad arrivare alla Lehmann e alla Thalmann.
 
 
L’appuntamento è fissato alle 10 di questa mattina. Ancora poche ore e capiremo se la Svizzera si qualificherà già per gli ottavi di finale, o dovrà attendere poi l’ultima sfida, quella contro la Nuova Zelanda padrona di casa per fare i conti e conoscere il proprio destino.

Guarda anche 

Lugano, arriva il GC. E l’Inter fa ben sperare

LUGANO – È un Lugano che punta in alto, che sogna in grande e che ha voglia di far vivere un’altra stagione indimenticabile ai propri tifosi, quello ch...
19.07.2024
Sport

“Africani e vanno a trans”: il coro razzista dell’Argentina. Francia furiosa

BUENOS AIRES (Argentina) – Domenica scorsa l’Argentina, battendo per 1-0 la Colombia al supplementare, ha conquistato la seconda Copa America consecutiva. Ovv...
18.07.2024
Sport

“Lascio lavatrici, palloni e tute per passare a camper e tricicli”

LOCARNO - Bruno Walther è un personaggio d’altri tempi. Uno di quelli che non si possono replicare, nemmeno se inventassero la macchina per la clon...
18.07.2024
Sport

Ciao Svizzera: Shaqiri saluta la Nazionale

LUGANO – La notizia non giunge del tutto inaspettata, ma ora è diventata ufficiale: dopo 14 anni, Xherdan Shaqiri non vestirà più la maglia del...
15.07.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto