Sport, 13 giugno 2023

Al Comunale di Bellinzona il trionfo di Hugo Koblet

Domenica è scattato il Tour de Suisse. 70 anni fa il nostro campione dominò la corsa

LUGANO - A pochi passi dal lago Greifensee sorge un piccolo villaggio chiamato Mönchaltorf: raramente giungono gli echi della grande città (Zurigo), la quiete intorno è rotta dal passare del treno o di qualche auto di grossa cilindrata che viaggia sulle strade che portano ai centri della regione. Fu proprio in quell’angolo di terra che il 6 novembre del 1964 perse la vita in un incidente stradale uno dei più grandi ciclisti di tutti i tempi, il nostro indimenticato Hugo Koblet, detto pédaleur de charme o James Dean delle due ruote per la sua bellezza esteriore e per quei gesti plateali che lo caratterizzavano al suo arrivo di una tappa (era sua abitudine aggiustarsi i capelli con un pettine). 




Una morte che ancora oggi è oggetto di dibattito e discussioni, anche se con il tempo ha preso sempre più corpo la tesi del suicidio. Koblet, che negli Anni 40 e negli anni Anni 50 del secolo scorso vinse tutte le maggiori corse del mondo, fu protagonista di un memorabile duello con l’altro grande campione rossocrociato, Ferdy Kübler. I due erano divisi da un acerrima rivalità ma in fondo sapevano che i loro duelli non potevano che giovare a questo magnifico sport e riscaldare le coscienze e gli animi della gente. Non si mancarono mai di rispetto e si stimavano.


Hugo era un personaggio nel vero senso della parola. Portava sempre con sé un pettine e una bottiglia di acqua di colonia per pulirsi il viso prima di incontrare i fotografi. Philippe Brunel inviato allora dell'Equipe scrisse una certa volta che “I tifosi dello svizzero erano stupiti nel vederlo alla partenza di una cronometro mandare baci alle ragazze e poi scattare via alla ricerca del risultato”.


Era un idolo e in carriera riuscì ad imporsi su tutti i terreni e in ogni genere di gara: fu così che proprio 70 anni fa dominò il Giro di Svizzera (la cui edizione 86 scatta oggi da Einsiedeln), imponendosi alla grande anche nella tappa ticinese, quella che si concluse il 22 giugno allo stadio Comunale di Bellinzona e al termine della quale una folla incredibile (per quei tempi) lo accolse come un vero eroe. Era già accaduto nel 1950! Scrisse il Popolo e Libertà il giorno dopo la tappa dei Castelli: “Koblet è stato appiedato da una foratura prima di iniziare la salita verso il Gottardo. Ma con un rapido inseguimento, coadiuvato dai compagni di squadra, poté rientrare in gruppo malgrado il suo rivale Fritz Schär avesse scatenato la battaglia”.



La gara fu caratterizzata dalla fuga di Chevalley, che transitò per primo sul Gottardo. Alle sue spalle il gruppo della maglia gialla Koblet. Con lui scalpitavano in sei: Schär, Fornara, Giudici,Zampini, Defilippis e Clerici. Era proprio Hugo a dettare il ritmo e presto il fuggitivo venne ripreso. Iniziò in seguito la discesa verso la Riviera, durante la quale Schär provò ad attaccare il leader. Invano. Il finale era già scritto: dentro il Comunale Koblet fulminò in volata i suoi avversari. Quel giorno Koblet mantenne a distanza Schär e Barozzi in classifica generale. Il primo accuserà alla fine della competizione oltre 5 minuti di ritardo, il secondo addirittura 10!


Fu una delle ultime grandi vittorie di un campione già alle prese con i problemi di una vita sregolata e sempre sopra le righe. Di lui ricordiamo comunque un altro episodio memorabile, accaduto un mese prima della vittoria di Bellinzona: al Giro, alla vigilia della tappa Auronzo di Cadore-Bolzano e con lo svizzero in maglia rosa, Hugo Koblet e Fausto Coppi strinsero un accordo: il Campionissimo promise al suo rivale, in cambio della vittoria di tappa, che non lo avrebbe attaccato il giorno dopo nella temibile Bolzano-Bormio, lasciandogli la vittoria del Giro. Nella salita verso Bormio rimasero in cinque al comando: Koblet, Bartali, Defilippis Fornara e Coppi. Quest’ultimo non attaccò ma chiese di farlo a Defilippis, che obbedì. Koblet a quel punto si gettò all’inseguimento e Coppi replicò, staccandolo. Era fatta: lo svizzero andò in crisi e il corridore della Bianchi vinse il suo quinto Giro, disattendendo alla promessa fatta a Coppi. Koblet non volle mai parlare di quella storia, limitandosi a dire che era stato battuto dal più grande campione di sempre.


Grandezza di un corridore che aveva sempre mantenuto un atteggiamento corretto e sportivo nei confronti dei suoi rivali, soprattutto con coloro che andavano per la maggiore. Tornando alla sua vittoria del 22 giugno 1953 a Bellinzona, il Popolo e Libera descrisse così l’exploit: “Ancora una volta Koblet ha confermato la sua superba classe e al Comunale di Bellinzona ha suscitato ondate di irrefrenabile entusiasmo. Il nostro campione domina questo Giro della Svizzera da gran signore, e la vittoria finale, salvo gli imponderabili, è salda nelle sue mani”.


M.A.

Guarda anche 

I fenomeni si confrontano: al via una stagione da sballo

LUGANO - Il 2024 potrebbe essere la Super stagione del ciclismo moderno. I fenomeni delle due ruote sono pronti a dare battaglia su tutti i terreni possibili: grandi...
28.01.2024
Sport

Rohann Dennis shock: arrestato per omicidio volontario della moglie

ADELAIDE (Australia) – L’ultimo giorno dell’anno si apre con una notizia che scuote il mondo del ciclismo: Rohann Dennis, corridore della Jumbo-Visma, &...
31.12.2023
Sport

“Nel 2024 parteciperò al Giro. Sarà una grande esperienza”

LUGANO - Sette vittorie, tanti piazzamenti e molti apprezzamenti (meno quello del premio Miglior sportivo ticinese del 2023): il bilancio stagionale di Linda Za...
07.12.2023
Sport

“Clint Eastwood, che attore! Fausto Coppi, il mio idolo”

LUGANO - Piero Alari in passato è stato un ottimo sprinter. Ha vinto diverse corse nazionali e per due volte è stato campione ticinese (1975 e 197...
03.12.2023
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto