Svizzera, 30 dicembre 2022

La presenza di soldati svizzeri in Kosovo rimessa in dubbio

La situazione tesa al confine tra la Serbia e il Kosovo sta rimettendo in dubbio la presenza dei 195 soldati svizzeri membri della Swisscoy, il contingente dell'esercito svizzero messo a disposizione della missione internazionale di pace della NATO KFOR.

Poco più di un mese fa, il 23 novembre il Consiglio federale ha presentato all'Assemblea federale il suo messaggio sulla proroga della partecipazione della Svizzera alla KFOR dal 2024 al 2026. Prevede un aumento della spesa annuale di 40-45 milioni di franchi svizzeri. Berna vuole anche poter aumentare le dimensioni del contingente di un massimo di 30 soldati nel corso del mandato, per consentire all'esercito di soddisfare eventuali requisiti aggiuntivi della KFOR.

Questo tipo di richiesta, che finora era stata approvata senza problemi dalle Camere, ora sta prendendo una piega politica. L'UDC ha chiesto a Berna il ritiro immediato delle truppe. "In nessun caso i soldati svizzeri dovrebbero essere coinvolti. Il rischio che vengano trascinati in un conflitto armato è troppo grande, soprattutto perché questo impegno più che discutibile costa 45 milioni di franchi all'anno", ha dichiarato giovedì il consigliere nazionale zurighese Mauro Tuena in un comunicato, citato da “20 minuten”. "La Svizzera è un Paese neutrale e non fa parte della NATO. In caso di conflitto, non dovrebbe schierarsi né con la Serbia né con il Kosovo", ha detto il deputato UDC.

In un'intervista rilasciata giovedì al "Tages-Anzeiger", le consigliere nazionali zurighesi Min Li Marti (PS) e Marionna Schlatter (Verdi) si sono divise sulla questione. Per la Verde, è chiaro che la presenza della KFOR ha un effetto stabilizzante sulla regione. Ma la questione è quale ruolo dovrà svolgere la Svizzera in Kosovo in futuro. Min Li Marti ha ricordato che il PS ha sempre sostenuto Swisscoy. "Ma non può esserci una presenza eterna della KFOR", ha detto. Un ritiro, tuttavia, dovrebbe essere legato a prospettive più stabili.



La consigliera nazionale PLR Maja Riniker, ritiene invece che lasciare il Kosovo sia fuori discussione. Il Parlamento deve estendere il mandato di Swisscoy", ha dichiarato. Sarebbe sbagliato rinunciare ora, perché il nostro impegno come Paese neutrale è visto come un segnale estremamente importante", ha dichiarato.

Guarda anche 

Una lettera della Svizzera alla NATO crea imbarazzo in parlamento

Una lettera firmata dagli ambasciatori di quattro paesi neutrali, tra cui la Svizzera, e che chiede una più stretta cooperazione con i paesi della NATO sta creando...
14.05.2024
Svizzera

Fra i veicoli catturati dalla Russia anche un camion dell'esercito svizzero

La Russia si prepara per commemorare il Giorno della Vittoria, ossia l'anniversario della vittoria dell'Unione sovietica sulla Germania nazista. Tra i festeggiame...
01.05.2024
Svizzera

Raccolte più di 100'000 firme per l'iniziativa sulla neutralità

L'iniziativa sulla neutralità ha avuto successo, ha annunciato mercoledì il presidente del comitato d'iniziativa Walter Wobmann, secondo cui sono gi...
21.03.2024
Svizzera

Confisca dei beni russi, "si annulli la Conferenza di Pace di Ginevra"

La confisca dei beni russi approvati dal Parlamento non è compatibile con la neutralità svizzera. Ne è convinto il Consigliere nazionale Lorenzo Quad...
14.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto