Svizzera, 30 novembre 2022

La SSR condannata per aver censurato dei commenti anti-Covid

Il Tribunale federale (TF) ha dato ragione a un'internauta svittese che ha deciso di lottare fino in fondo dopo che un suo commento sull'account Instagram della televisione pubblica svizzerotedesca (SRF) era stato cancellato nell'agosto 2021. Il Tribunale federale, che ha accolto il ricorso del ricorrente, ha scritto nero su bianco che "cancellando i commenti o escludendo individualmente, temporaneamente o permanentemente, alcuni commentatori, la SSR viola la libertà di espressione delle persone interessate".

La massima autorità giuridica svizzera ha quindi ordinato alla televisione in lingua tedesca di far trattare il caso dall'organo di mediazione della SSR e poi, se necessario, dall'Autorità indipendente di reclamo per la radio e la televisione (ICAR). Questi due organismi si erano rifiutati di prendere in considerazione i reclami della denunciante. Il Tribunale federale ha inoltre affermato che "la cancellazione di un commento non costituisce in linea di principio una violazione della personalità o una violazione dell'onore punibile per legge", motivo per cui ha suggerito l'intervento dei due organi di ricorso.



Nello specifico, stando al portale Watson, la denunciante aveva commentato una notizia sulla gratuità dei test Covid in Germania. La donna aveva ironizzato dicendo che per lei la questione era indifferente in quanto non intendeva farsi testare o vaccinare senza che questo le impedisse di uscire a bere, ballare o andare in vacanza all'estero. Ufficialmente, il commento era stato rimosso perché non rispettava le linee guida della SRF per i social network, ufficiosamente il sito "Watson" sostiene che si voleva evitare che il dibattito diventasse troppo acceso.

Guarda anche 

Facebook accusato di aver censurato un media svizzero che lo criticava

Il social network Facebook avrebbe bloccato un articolo giornalistico che criticava la piattaforma social e il suo fondatore Mark Zuckerberg. Il caporedattore della testa...
13.02.2024
Svizzera

Spende 150'000 franchi del padre malato che le aveva affidato la carta bancaria

Una 40enne residente nel canton Ginevra è stata recentemente condannata per aver speso 150'000 franchi del padre, all'insaputa di quest'ultimo che le a...
08.02.2024
Svizzera

Ha dato fuoco a auto di lusso per odio verso la Svizzera, dopo il carcere sarà espulso

Ha dato fuoco a auto di lusso per odio verso la Svizzera e ora dovrà lasciare un paese. L'autore, un cittadino polacco, il 29 marzo dello scorso anno aveva las...
04.02.2024
Svizzera

Fa ricorso al Tribunale federale dopo aver perso la patente, ma le costa caro

Un'automobilista argoviese di 65 anni si è rivolta al Tribunale federale per contestare il ritiro della sua patente di guida. Nell'aprile 2020 la donna ave...
31.01.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto