Svizzera, 23 novembre 2022

Una studentessa condannata per aver comandato un puntatore laser su Internet

Una studentessa di Friburgo voleva acquistare un puntatore laser per fare aiutarla durante le presentazioni. Trovandoli troppo costosi nei negozi, ne ha ordinato uno sulla piattaforma di vendita Amazon. Ha pagato il prezzo di 11,42 euro direttamente online. Ma il dispositivo ha finito per costarle molto di più e non gli è stato nemmeno recapitato.

"Ho ricevuto una lettera in cui si diceva che il laser veniva controllato dal Servizio Sanitario Pubblico. A quanto pare hanno scoperto che il puntatore laser non era conforme alla legge svizzera. Probabilmente era troppo potente per il nostro Paese", racconta la 25enne a “La Libertè”. Le è stato fatto notare che il caso era stato trasmesso al pubblico ministero. "È stato allora che un agente di polizia di Friburgo mi ha contattato e mi ha chiesto di venire alla stazione di polizia. Lì ho dovuto spiegare come ero arrivato a ordinare questo laser e quali erano le mie intenzioni. Di conseguenza, ha ricevuto una lettera che la dichiarava colpevole di aver introdotto in Svizzera un dispositivo vietato. "Ho dovuto pagare una multa di 100 franchi e 255 franchi di spese processuali", racconta.



"Mancavano alcune informazioni sul sito web. È piuttosto fastidioso", continua la giovane. Avrebbe voluto essere informata, al momento della vendita, che il laser era forse vietato in alcuni paesi. Non ha intenzione di impugnare la sentenza, perché non vuole spendere altro denaro per questa causa. "In futuro farò molta più attenzione a ciò che ordino. La cosa migliore è acquistare i prodotti sensibili direttamente in negozio. Poiché nella descrizione non c'erano indicazioni sull'intensità, non mi sono posto il problema. Ecco perché ero così sconvolta e sorpresa di trovarmi improvvisamente in una situazione del genere".

Guarda anche 

Condannata perchè non smetteva di inviare foto di lei nuda

Una cittadina greca residente nel canton Friborgo è stata condannata perchè continuava a inviare foto intime a un uomo di cui era ossessionato. La donna,...
03.12.2022
Svizzera

La SSR condannata per aver censurato dei commenti anti-Covid

Il Tribunale federale (TF) ha dato ragione a un'internauta svittese che ha deciso di lottare fino in fondo dopo che un suo commento sull'account Instagram dell...
30.11.2022
Svizzera

Carcere e espulsione per tre ladri di orologi

Tre uomini, due cittadini algerini e un cittadino libico, sono stati riconosciuti colpevoli di furto a Ginevra. La corte non ha avuto dubbi sul fatto che i tre operass...
25.11.2022
Svizzera

Somministra del sonnifero alla collega e poi abusa di lei, condannato

Il Tribunale federale ha confermato la condanna a tre anni e mezzo di carcere per coercizione sessuale nei confronti di un uomo tedesco di 47 anni. Insieme alla sua compa...
24.11.2022
Svizzera