Svizzera, 23 novembre 2022

La CEDU condanna la Svizzera per non aver riconosciuto la paternità di due uomini gay

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito che la Svizzera ha violato il diritto alla privacy di un bambino rifiutandosi di riconoscere la paternità di due uomini in unione registrata. Il bambino è nato da una madre surrogata negli Stati Uniti nel 2011.

Il bambino è stato concepito tramite fecondazione in vitro utilizzando lo sperma di uno dei due padri e gli ovuli di una donatrice anonima. Un tribunale californiano ha poi riconosciuto la validità del rapporto genitore-figlio tra il bambino e i due uomini svizzeri, che avevano contratto un'unione civile due mesi prima della nascita.

In una sentenza di martedì, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che la Svizzera ha violato l'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata del bambino nato da maternità surrogata) della Convenzione. Il documento rileva che al momento della nascita del bambino, nel 2011, la legge svizzera non offriva alcuna possibilità di far riconoscere il rapporto genitore-figlio con il genitore previsto. All'epoca l'adozione era aperta solo alle coppie sposate e solo nel 2018 è stato possibile adottare il figlio di un partner registrato.



In particolare, la Corte ha criticato il fatto che il bambino non ha avuto la possibilità di avere un rapporto permanente tra genitori e figli per 7 anni e 8 mesi. "La Corte ha fatto una chiara distinzione tra la situazione del bambino e quella dei genitori previsti. Ha sottolineato il diritto del bambino nato alla propria identità. Ritiene che ogni volta che è in gioco la situazione di un bambino, l'interesse superiore del bambino deve avere la precedenza". I giudici di Strasburgo hanno condannato la Svizzera a pagare al bambino, entro tre mesi, circa 15'000 franchi per danni morali e 20'000 franchi per le spese processuali. Allo stesso tempo giudici della Corte hanno invece respinto all'unanimità il ricorso dei due uomini e hanno quindi convalidato il parere del Tribunale federale: la maternità surrogata utilizzata dalla coppia in California era contraria all'ordine pubblico svizzero.La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito che la Svizzera ha violato il diritto alla privacy di un bambino rifiutandosi di riconoscere la paternità di due uomini in unione registrata. Il bambino è nato da una madre surrogata negli Stati Uniti nel 2011.

Il bambino è stato concepito tramite fecondazione in vitro utilizzando lo sperma di uno dei due padri e gli ovuli di una donatrice anonima. Un tribunale californiano ha poi riconosciuto la validità del rapporto genitore-figlio tra il bambino e i due uomini svizzeri, che avevano contratto un'unione civile due mesi prima della nascita.

In una sentenza di martedì, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che la Svizzera ha violato l'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata del bambino nato da maternità surrogata) della Convenzione. Il documento rileva che al momento della nascita del bambino, nel 2011, la legge svizzera non offriva alcuna possibilità di far riconoscere il rapporto genitore-figlio con il genitore previsto. All'epoca l'adozione era aperta solo alle coppie sposate e solo nel 2018 è stato possibile adottare il figlio di un partner registrato.

In particolare, la Corte ha criticato il fatto che il bambino non ha avuto la possibilità di avere un rapporto permanente tra genitori e figli per 7 anni e 8 mesi. "La Corte ha fatto una chiara distinzione tra la situazione del bambino e quella dei genitori previsti. Ha sottolineato il diritto del bambino nato alla propria identità. Ritiene che ogni volta che è in gioco la situazione di un bambino, l'interesse superiore del bambino deve avere la precedenza". I giudici di Strasburgo hanno condannato la Svizzera a pagare al bambino, entro tre mesi, circa 15'000 franchi per danni morali e 20'000 franchi per le spese processuali. Allo stesso tempo giudici della Corte hanno invece respinto all'unanimità il ricorso dei due uomini e hanno quindi convalidato il parere del Tribunale federale: la maternità surrogata utilizzata dalla coppia in California era contraria all'ordine pubblico svizzero.

Guarda anche 

Condannata perchè non smetteva di inviare foto di lei nuda

Una cittadina greca residente nel canton Friborgo è stata condannata perchè continuava a inviare foto intime a un uomo di cui era ossessionato. La donna,...
03.12.2022
Svizzera

La SSR condannata per aver censurato dei commenti anti-Covid

Il Tribunale federale (TF) ha dato ragione a un'internauta svittese che ha deciso di lottare fino in fondo dopo che un suo commento sull'account Instagram dell...
30.11.2022
Svizzera

Carcere e espulsione per tre ladri di orologi

Tre uomini, due cittadini algerini e un cittadino libico, sono stati riconosciuti colpevoli di furto a Ginevra. La corte non ha avuto dubbi sul fatto che i tre operass...
25.11.2022
Svizzera

Somministra del sonnifero alla collega e poi abusa di lei, condannato

Il Tribunale federale ha confermato la condanna a tre anni e mezzo di carcere per coercizione sessuale nei confronti di un uomo tedesco di 47 anni. Insieme alla sua compa...
24.11.2022
Svizzera