Svizzera, 23 novembre 2022

La CEDU condanna la Svizzera per non aver riconosciuto la paternità di due uomini gay

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito che la Svizzera ha violato il diritto alla privacy di un bambino rifiutandosi di riconoscere la paternità di due uomini in unione registrata. Il bambino è nato da una madre surrogata negli Stati Uniti nel 2011.

Il bambino è stato concepito tramite fecondazione in vitro utilizzando lo sperma di uno dei due padri e gli ovuli di una donatrice anonima. Un tribunale californiano ha poi riconosciuto la validità del rapporto genitore-figlio tra il bambino e i due uomini svizzeri, che avevano contratto un'unione civile due mesi prima della nascita.

In una sentenza di martedì, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che la Svizzera ha violato l'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata del bambino nato da maternità surrogata) della Convenzione. Il documento rileva che al momento della nascita del bambino, nel 2011, la legge svizzera non offriva alcuna possibilità di far riconoscere il rapporto genitore-figlio con il genitore previsto. All'epoca l'adozione era aperta solo alle coppie sposate e solo nel 2018 è stato possibile adottare il figlio di un partner registrato.



In particolare, la Corte ha criticato il fatto che il bambino non ha avuto la possibilità di avere un rapporto permanente tra genitori e figli per 7 anni e 8 mesi. "La Corte ha fatto una chiara distinzione tra la situazione del bambino e quella dei genitori previsti. Ha sottolineato il diritto del bambino nato alla propria identità. Ritiene che ogni volta che è in gioco la situazione di un bambino, l'interesse superiore del bambino deve avere la precedenza". I giudici di Strasburgo hanno condannato la Svizzera a pagare al bambino, entro tre mesi, circa 15'000 franchi per danni morali e 20'000 franchi per le spese processuali. Allo stesso tempo giudici della Corte hanno invece respinto all'unanimità il ricorso dei due uomini e hanno quindi convalidato il parere del Tribunale federale: la maternità surrogata utilizzata dalla coppia in California era contraria all'ordine pubblico svizzero.La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito che la Svizzera ha violato il diritto alla privacy di un bambino rifiutandosi di riconoscere la paternità di due uomini in unione registrata. Il bambino è nato da una madre surrogata negli Stati Uniti nel 2011.

Il bambino è stato concepito tramite fecondazione in vitro utilizzando lo sperma di uno dei due padri e gli ovuli di una donatrice anonima. Un tribunale californiano ha poi riconosciuto la validità del rapporto genitore-figlio tra il bambino e i due uomini svizzeri, che avevano contratto un'unione civile due mesi prima della nascita.

In una sentenza di martedì, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che la Svizzera ha violato l'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata del bambino nato da maternità surrogata) della Convenzione. Il documento rileva che al momento della nascita del bambino, nel 2011, la legge svizzera non offriva alcuna possibilità di far riconoscere il rapporto genitore-figlio con il genitore previsto. All'epoca l'adozione era aperta solo alle coppie sposate e solo nel 2018 è stato possibile adottare il figlio di un partner registrato.

In particolare, la Corte ha criticato il fatto che il bambino non ha avuto la possibilità di avere un rapporto permanente tra genitori e figli per 7 anni e 8 mesi. "La Corte ha fatto una chiara distinzione tra la situazione del bambino e quella dei genitori previsti. Ha sottolineato il diritto del bambino nato alla propria identità. Ritiene che ogni volta che è in gioco la situazione di un bambino, l'interesse superiore del bambino deve avere la precedenza". I giudici di Strasburgo hanno condannato la Svizzera a pagare al bambino, entro tre mesi, circa 15'000 franchi per danni morali e 20'000 franchi per le spese processuali. Allo stesso tempo giudici della Corte hanno invece respinto all'unanimità il ricorso dei due uomini e hanno quindi convalidato il parere del Tribunale federale: la maternità surrogata utilizzata dalla coppia in California era contraria all'ordine pubblico svizzero.

Guarda anche 

Una Commissione critica la sentenza della CEDU, "non ha conseguenze per la Svizzera"

Il Consiglio federale deve spiegare agli altri Stati che la Svizzera sta già facendo abbastanza in materia climatica, ritiene una commissione del Consiglio degli S...
22.05.2024
Svizzera

Condannata per aver comprato un puntatore laser per giocare con il gatto

I puntatori laser sono un gadget popolare per far divertire facilmente il proprio gatto. Ma in Svizzera l'acquisto di tali oggetti può esporvi a sanzioni. Lo h...
14.05.2024
Svizzera

Condannata perchè è caduta pedalando in bicicletta

Mentre andava in bicicletta con la figlia, una donna friburghese di 45 anni è caduta pesantemente. Ferita, soprattutto al volto, ha dovuto essere trasferita in osp...
16.04.2024
Svizzera

"I giudici di Strasburgo fanno attivismo politico-ideologico: la Svizzera disdica la CEDU"

La Svizzera dovrebbe disdire la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU). È quanto chiede una mozione presentata dal Consigliere nazionale Lorenzo Quadri dop...
15.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto